Emiliano Toso: il musicista incantatore di mamme ed embrioni

Che la musica faccia bene all'umore ormai è cosa nota. Come lo è anche il fatto che faccia bene alle piante, le quali crescerebbero più rigogliose. Ma quello che fa un musicista che è anche biologo va ben oltre. 

Si chiama Emiliano Toso, è di Biella e ha 41 anni. La cosa che più colpisce di quest'artista è che non solo suona magnificamente, ma dal momento che è anche biologo ha deciso di coniugare l'utile col dilettevole.

In che modo?

Semplicemente suonando non per un pubblico qualunque, ma per mamme in dolce attesa, o durante il momento del travaglio, perché si sa, la musica aiuta a concentrarsi e rilassa, quindi in un certo senso facilita il parto, ma anche per spermatozoi e ovuli.

L'ultima grande esibizione dell'artista studioso è stato all'istituto Marquez, il più grosso centro di fertilità di Barcellona conosciutissimo anche nel nostro Paese. Da chi era formato il suo pubblico? Da una platea di embrioni!

Il perché, il biologo musicista lo spiega con altrettanta naturalezza: si tratta semplicemente di applicare i principi della musicoterapia. E a quanto pare non è l'unico a credere in questo progetto dal momento che anche l'ospedale di Biella si trova in linea con le sue teorie al punto da utilizzare le sue composizioni che vengono diffuse nel reparto di maternità, anche se quando è possibile il biologo si esibisce in ospedale dal vivo.

L'assunto del musicista, ma anche di chi crede nel potere terapeutico della musica, è che anche la fecondazione artificiale, attraverso "l'ascolto" della musica da parte di ovuli e spermatozoi, sarebbe più semplice e raggiungerebbe più tranquillamente i risultati sperati.

Certo, non ci è dato sapere se gli spermatozoi di oggi domani saranno anche loro degli artisti o ameranno la musica, quel che è certo è che cominciare prima possibile a farla conoscere è una mossa giusta, soprattutto durante i mesi della gravidanza dato che, secondo diversi studi, la musica classica rilasserebbe il feto, meglio portarsi avanti!

Lascia un commento