I Bambini di Dharma: i volontari di coccole per neonati abbandonati

i-bambini-di-dharma

Gli angeli esistono: ed hanno i visi degli uomini e delle donne che fanno parte dell’ Associazione di volontariato "I Bambini di Dharma"

Sono loro che dal 2011, a Brescia si occupano di coccolare i bambini che sono stati abbandonati appena nati negli ospedali, o piccoli maltrattati che sono in attesa di entrare nelle case famiglia. Sono collegati con la Diocesi e i Servizi Sociali, ed entrano in azione quando vengono loro segnalati casi bisognosi di aiuto.

Sono oltre 300 i volontari che vanno in ospedale, cambiano i bambini, gli danno la pappa, il biberon e raccontano loro delle fiabe.

Fanno quello che di solito farebbero i genitori: e scrivono le prime impressioni positive sul libro dei ricordi di questi piccoli, che rischiano di crescere senza l’abbraccio di nessuno.

Non solo: scrivono un diario con le cose importanti che li riguardano, regalano bavaglini, pettini, pupazzetti, quei piccoli oggetti che fanno parte della storia dei nostri figli, e che a loro sono negati.

Chi un giorno li adotterà, riceverà una valigetta con tutte queste cose, con la storia del loro bambino.

i-bambini-di-dharma

È un impegno importante, quello dell’associazione i "I Bambini di Dharma", perché vanno a colmare un vuoto terribile. Tutti sappiamo quanto sia importante soprattutto nei primi mesi mantenere alto il contatto con il neonato, stargli vicino e non farlo sentire solo.

Perché se da un lato la legge dà il diritto di partorire in ospedale e non riconoscere il bambino, c’è anche il rovescio della medaglia: piccoli che cresceranno prima tra le mura di un ospedale e poi tra quelle di un istituto.

Fortunatamente grazie al grande cuore di questi volontari, che regalano tante ore del loro tempo, ora questi bimbi sono meno soli: e speriamo che arrivi presto una famiglia pronta a occuparsi di loro.

36 comments

  1. Morena Meneghetti 9 marzo, 2016 at 21:38 Rispondi

    Iniziativa bellissima ma io nn la potrei mai fare anche se mi piacerebbe tanto. Nn riuscirei più a staccarmi da loro. I bambini sono la “cosa” più bella e di valore al mondo. 😍😍😍

  2. Giusy Battaglia 9 marzo, 2016 at 23:19 Rispondi

    Meraviglioso e indispensabile!…MA…Dovrebbero facilitarne le adozioni e migliaia di famiglie costruirebbero con gioia milioni di ricordi x ogni attimo d’amore puro condiviso con questi bimbi…

  3. Caterina 12 marzo, 2016 at 11:20 Rispondi

    Salve io sono Caterina e con un gruppo di persone vorremmo avviare qualche associazione con lo scopro di aiutare soprattutto i bambini … Questa è un’ idea bellissima … Ci potreste aiutare ad avviare lo stesso vostro progetto a Termoli in Molise provincia di Campobasso … Grazie a presto

  4. Rosa Perrone 13 marzo, 2016 at 19:03 Rispondi

    Vorrei essere anch’io donatrice di coccole ma su Roma. Ho difficoltà a trovare associazioni aderenti all’iniziativa, sapreste darmi informazioni in merito? Anticipatamente ringrazio

    • Silvia 15 novembre, 2016 at 15:54 Rispondi

      Rosa anche io come te vorrei essere donatrice di coccole su Roma o comunque far parte integrante di un’associazione così su Roma che al momento sembra non esistere… mi aggiungo a te e chiedo informazioni in merito, se qualcuno ne avesse. Grazie

  5. Ramona 12 maggio, 2016 at 20:40 Rispondi

    Bellissima iniziativa! Sarebbe molto interessante anche per Torino, qualcuno potrebbedarci delle dritte per sapere come iniziare a muoversi? Grazie!!!

  6. luigia gambirasio 14 maggio, 2016 at 08:04 Rispondi

    Lo farei subito anche se poi non so come potrei non vederli più ho sei nipoti e di coccole ne hanno molte vorrei una parte donarle a loro

  7. tiziana 14 maggio, 2016 at 10:07 Rispondi

    Lodevole l amore x un bambino/a non deve avere misure.Se qs progetto partisse
    negli ospedali di Torino sarei interessata…grazie

  8. Loredana 2 agosto, 2016 at 13:06 Rispondi

    Esiste un’organizzazione centrale online di riferimento a cui poter rivolgersi per avere informazioni?
    La condivisione delle conoscenze e la trasparenza sono, a mio avviso, ottimi stimoli
    Grazie dell’attenzione.
    Buona vita

  9. roberta 1 marzo, 2017 at 18:49 Rispondi

    Sarebbe bellissimo…. Ma io abito a canelli provincia di asti.. . Ma se

    ci fosse la possibilità. Lo farei subito…..

  10. viviana 5 aprile, 2017 at 19:17 Rispondi

    Salve. Io sono disponibile a Verona. In rete non trovo alcuna iniziativa simile a Verona. Mi potete aiutare? Grazie. Viviana

  11. Adriana 9 aprile, 2017 at 12:18 Rispondi

    E’ molto bello come progetto, e sarei molto inmteressata a farne parte, ma a Torino? C’è un ospedale, una sede che se ne occupa?

Lascia un commento