Mamma Monica all'esame coi figli: il grande gesto del professore

gesti-di-solidarieta-monica

Monica è una mamma single con un grande sogno: terminare la sua carriera universitaria. La giornata in cui avrebbe dovuto sostenere il suo ultimo esame universitario era stata organizzata nel dettaglio, ma qualcosa andò storto.

Monica e il suo esame finale 

Monica era pronta per il suo ultimo esame, aveva studiato tutto il programma e aveva organizzato la giornata nel migliore dei modi per potersi concentrare sul suo obiettivo. Aveva chiamato la babysitter che avrebbe avuto cura dei suoi due figli di 4 e 5 anni e tutto sarebbe andato per il meglio. Dopo aver sostenuto la prova sarebbe ritornata da loro felice e soddisfatta.

Ma la vita ci insegna che non sempre quello che pianifichiamo nelle nostre teste e nelle nostre agende andrà perfettamente così, infatti, la giornata di Monica che doveva essere perfetta si trasformò repentinamente.

Proprio quella mattina la babysitter chiamò dicendo che non poteva presentarsi a lavoro e Monica si ritrovò a fare l’unica cosa possibile per non perdere la sua carriera universitaria e non lasciare i suoi bambini da soli: li portò all’università.

Monica lasciò i bambini nelle poltroncine che si trovavano nel corridoio adiacente all’aula in cui avrebbe sostenuto la prova. Sarebbe stata dentro l'aula solo il tempo utile per dare l’esame e nel mentre i suoi piccoli avrebbero guardato un film dal suo computer personale. Ma i bambini dopo pochi minuti di assenza della madre iniziarono a litigare per il computer. 

Il professore gentile e i bambini di Monica

Il professore di storia, accortosi di quello che stava accadendo, uscì fuori dall’aula e iniziò a giocare con i bambini tenendoli compagnia e permettendo così a Monica di sostenere quell’ultimo esame che le avrebbe permesso di realizzare il suo sogno.

Una compagna di corso di Monica, uscita dall’aula, fotografò la scena e la condivise nei social per raccontare di un professore, un insegnante preparato ma anche molto comprensivo che non ha girato la faccia davanti a una situazione complicata che non lo riguardava direttamente, ma ha aiutato la sua alunna a terminare i suoi studi, anche solo con un piccolo gesto, che in realtà è un grande gesto umano.