Milvia Bonvicino, incinta di 7 mesi: e l'azienda la promuove

silvia-bonvicini

Cosa succede ad una lavoratrice italiana al settimo mese di gravidanza? In genere si prepara ad andare a casa in maternità, e se non ha un posto a tempo indeterminato, magari si prepara a restarci per un bel po’.

Per fortuna però, a volte si possono raccontare storie diverse: come quella di Milvia Bonvicino, che ha 31 anni e aspetta il primo figlio. E al settimo mese di gravidanza è diventata Managing Director dell’azienda milanese TRND, specializzata in marketing collaborativo. Prima ricopriva il ruolo di key account: e non si aspettava assolutamente che in questo momento così delicato e bello della sua vita, questa promozione.

Eppure questa azienda (decisamente illuminata) non ha ritenuto che in nessun modo la gravidanza andasse a capire le capacità della propria dipendente.

E sta già organizzando il lavoro per quando dovrà assentarsi: grazie ad un team unito, sa già che una volta tornata riavrà il suo ruolo.

Una storia di straordinaria normalità: auguri a Milvia e al suo bambino!

31 comments

  1. Miky Miky 14 marzo, 2016 at 12:44 Rispondi

    È un miracolo 😳😳😳😳. A me come premio, rientrata dalla gravidanza mi hanno licenziata, xche la mia “condizione di mamma” nn rientrava più negli standard di disponibilità aziendali, nonostante 8 ore Tt i giorni e la disponibilità per il Sabato dalle 7.00 alle 13.00

  2. Valentine Lindemann 14 marzo, 2016 at 14:03 Rispondi

    Mosca bianca: io rientrata dalla maternità ho DOVUTO chiedere il part time perché non mi concesso di attaccare 15, dei 40 giorni di ferie per fare l’inserimento al nido.
    Quindi ora mI ritrovo con uno stipendio basso, a lavorare 5 gg su 7 di cui sempre indistintamente sabati, domeniche e festivi!

  3. Miky Miky 14 marzo, 2016 at 14:40 Rispondi

    Aggiungo….essendo un lavoro a rischio il mio, avrei potuto stare a casa dal momento in cui ho scoperto di essere in gravidanza, ed invece, perché ci tengo, sono rimasta fino al settimo

  4. Michela Cioeta 14 marzo, 2016 at 22:43 Rispondi

    Sono contenta x questa signora Milvia, se lo meritava è stato giusto così….io purtroppo queste cose mi ritrovo a leggerle solo sui social visto che conosco situazioni opposte dove può capitare che neanche gli “auguri” vengono fatti! Purtroppo in Italia la donna-mamma è penalizzata sul mondo del lavoro :/

Lascia un commento