Non mangia? 4 consigli semplici ma efficaci

consigli-per-mangiare

Ci risiamo: è arrivato il momento della pappa e il vostro piccolo non ne vuole sapere!

Il rifiuto verso il cibo può essere, in alcuni casi e per alcuni periodi limitati di tempo, una fase fisiologica della crescita del bambino, soprattutto tra i 2 ed i 3 anni di età.

Ma quando la situazione è fuori controllo e agita troppo i genitori, è arrivato il momento di agire.

Ecco qualche semplice consiglio da adottare se vostro figlio non vuole mangiare.

1. Non lo vuole? Non demordete

La cena di questa sera, a base di carote, non gli piace. Ok. Non insistete più del dovuto per evitare di creare una routine negativa intorno al momento del pasto, ma allo stesso tempo non demordete, catalogando quel dato ingrediente come bandito.

Tornate alla carica dopo qualche giorno e riprovate. Solo dopo almeno 10 tentativi fallimentare potrete affermare che quel cibo proprio no, non gli piace!

2. Date il buon esempio

I bambini, si sa, si spesso si comportano imitando gli adulti.

Ecco perché mangiare tutti la stessa cosa, mostrare di apprezzare i cibi più vari e sorridere sempre a tavola sono elementi vincenti per far diventare il momento della pappa un vero piacere.

3. Durante lo svezzamento lasciatelo sperimentare

Intorno ai 6 mesi, durante la delicata fase dello svezzamento, il piccolo inizierà a scoprire nuovi sapori ed a costruire una propria identità del gusto.

Lasciate che questa nuova avventura sia il più possibile libera. Cercate di non costringere il piccolo ad una”etiquette” delle buone maniere a tavola.

Lasciatelo pasticciare e si sentirà autonomo, in grado di gestire il proprio rapporto con il cibo in modo positivo durante la crescita.

4. Non preoccupatevi se non mangia abbastanza. Magari del contrario sì…

I bambini sanno autoregolarsi comprendendo il proprio stato di fame. Forzandoli, spesso, si supera il loro limite di sazietà, esagerando con le quantità e incentivandoli ad un comportamento alimentare scorretto, che può sfociare anche in stati di obesità infantile. Riflettete!

1 comment

Lascia un commento