Vietato uscire da scuola senza genitori alle medie!

scuola soli senza genitori

I ragazzi delle scuole medie sono ormai bambini grandicelli e a quell'età possono tornare a casa soli. In Italia però non è così e i genitori protestano per una legge che non permette di insegnare l'autonomia ai propri figli.

I genitori protestano contro l'obbligo di prendere i figli a scuola

Quando i bambini passano dalle elementari alle medie è un sollievo per i genitori che possono lasciarli liberi di andare a scuola da soli e continuare a svolgere i propri impegni senza interruzioni. Tutto questo però non sarà più possibile e a rischio c'è proprio l'autonomia e la libertà dei ragazzi. Una circolare inviata da molti presidi delle scuole italiane obbliga mamma e papà o chi ne fa le veci ad andare a prendere i figli fuori scuola per evitare problemi legali di natura penale.

Una precauzione troppo severa

I genitori stanno protestando per questa direttiva: in molti dovrebbero assentarsi da lavoro per adempiere alla circolare e non tutti possono farlo. Secondo la legge se i minori di 14 anni vengono abbandonati la persona responsabile rischia da 6 mesi a 5 anni di reclusione. Questa appare un'esagerazione, ma in questo modo la scuola si vuole tutelare da eventuali incidenti che avvengono all'uscita.

La richiesta infatti nasce proprio a seguito di una denuncia avvenuta dopo che un ragazzino era stato investito da uno scuolabus fuori il suo istituto. Voi mamme siete favorevoli o contrarie a lasciare i bambini liberi di tornare a casa da soli?

39 comments

  1. Teresa Meniti 10 ottobre, 2017 at 17:41 Rispondi

    la solita trovata stupida ed inutile…non possono uscire da scuola senza genitori ma possono fumare, fare sesso, bere alcoilici e stae fuori la sera fino a notte fonda, mettersi nudi davanti alle web cam!!! svegli bisogna educarli i figli e non metterli sotto scorta!.

  2. Mara Ravasi 10 ottobre, 2017 at 17:42 Rispondi

    Ottimo, già ora ci sono intasamenti assurdi di auto di genitori e parenti vari che pur di non far fare due passi ai figli bloccano la circolazione della zona scuole, se gli si dà anche l’obbligo addio… in paesi più civili (ovvero dove la sicurezza è prioritaria) i bambini delle elementari si spostano a piedi e con i mezzi pubblici da soli, altro che medie.

  3. Anna Papaluca 10 ottobre, 2017 at 18:42 Rispondi

    La trovo assurda come cosa io andavo alle elementari da sola figuriamoci alle medie…è vero che non sono i tempi di una volta ma se un figlio lo educhi al rispetto di alcune semplici regole come tornare a casa dopo l’uscita di scuola invece che gozzovigliare in giro li rendiamo più autonomi
    ..ma vi ricordate negli anni 80 la pubblicità della Barilla con la bimba che ritardava perché trovava un gattino tutto bagnato e si affermava a dargli aiuto e la mamma a casa che guardava sempre l’orologio…poi tornava il papà ed entrambi preoccupati aspettavano sulla porta con il muso arrabbiati…non c’erano cellulari eppure era quella la vera famiglia….oggi devi aver paura pure di farli uscire da scuola? Ma chi dobbiamo ringraziare per essere ostaggi nel ns paese?…mah non capisco più nulla…

    • Regy Sperati 10 ottobre, 2017 at 19:25 Rispondi

      Permettimi di dissentire sul fatto di educare con semplici regole i figlie. ..Ai tempi di oggi non si ha paura dei figli ( almeno la maggior parte dei genitori normali..ma bensì di ciò che gli altri gli possono fare )….Io ho due figlie una di 17 e una piccola alle elementari. ..beh ti posso dire che la grande che scalpitava fino a qualche settimana fa….Per il fatto di non rientrare alle 9 di sera con il buio ecc…Ora si è resa conto da sola di ciò che la circonda : rientravamo da comprare la pizza 2 sabati fa…Alle 22 …Lei era la prima e noi dietro. …Si è talmente spaventata per due tipi su una macchina che l’hanno importunata…tralascio i particolari…non accorgendosi che non era sola..(Alla nostra vista sono scappati.) ….che mi ha detto : mamma se fossi stata sola stasera penso che mi sarebbe successo qualcosa di molto brutto….purtroppo oggi viviamo cosi

    • Regy Sperati 10 ottobre, 2017 at 20:57 Rispondi

      Monica Cittadini non la tengo affatto sotto una campana di vetro…NON SONO MAI STATA UNA MAMMA IPER PROTETTIVA ..credimi…MA ora sono attenta e oculata…purtroppo non è semplice come dici tu….auguro a tutti con il cuore di non subire mai un’ aggressione…Chi purtroppo l’ha provato lo sa …bisogna prendere precauzioni. ..Non esseri soli ma in gruppo….essere disposti a sacrificarsi come genitori e andare a prenderli….piuttosto che farli rientrare a piedi o in autobus….Una cosa è certa L’ EDUCAZIONE NON C’ENTRA NULLA….almeno per quanto riguarda i pericoli della quale si è vittime a tutte le età….Ti assicuro che è meglio organizzarsi piuttosto che piangere lacrime amare dopo…Io ovviamente non so se tu abbia figli e l’età ma pur lasciandole tutta la libertà possibile ( la mia…va con amici e amiche a mangiare la pizzette. ..Al MC Donald….Anche la sera alle 9 …al cinema…dappertutto ) ma ci organizziamo …Io farò tutto ciò che posso per proteggerle sempre…almeno il possibile. …Per l’impossibile che non dipende ovviamente dalla nostra volontà non ci resta che pregare

    • Anna Papaluca 10 ottobre, 2017 at 22:32 Rispondi

      Veramente il mio discorso è riferito al rientri da scuola in pieno giorno e magari facendo due passi coni compagni cosa che abbiamo fatto tutti…anche io ho una figlia 15 enne e esce ma alle 20 deve essere davanti la porta del mio negozio e la sera rientriamo a casa insieme…in estate ha ala libertà fino alle 23.30 eccezionalmente alle 24 se vanno a mangiare la pizza o altro ma le dico di rientrare sempre a gruppetti…mai da sola perché se si dovesse trovare da sola mi chiama che la vado a prendere io….fortunatamente abitando in una piccola località le case delle amiche sono tutte vicine e si ritirano tutte insieme…lei deve fare solo pochi metri da sola ed io l’aspetto dal balcone finché non la vedo spuntare…anche io ho paura credimi Regy Sperati…il mio discorso ripeto é solo per la scuola…la mia adesso fa le superiori e si sposta con i mezzi pubblici a circa 6 km da casa mi chiama quando arriva a scuola e quando esce….queato mondo balordo ci ha ridotto a questo….non è iperprotezione ma solo paura

  4. Lina Vanuzzi 10 ottobre, 2017 at 19:35 Rispondi

    Non possono andare in giro per strada da soli ne stare a casa da soli fino a 14 anni ma diamo loro il telefonino con connessione internet a 10. Per il mondo reale sono sempre troppo piccoli, nel virtuale invece con tutte le sue insidie possiamo esporli a tutto senza troppi problemi. Non vi sembra un grande controsenso???

    • Lina Vanuzzi 11 ottobre, 2017 at 15:52 Rispondi

      Chiaro cje dipende da noi genitori dare o non dare i cellulari, ma nella mia esperienza, sono più quelli che espongono precocemente i figli ad internet senza controllo, che quelli che ne fanno un uso consapevole. I miei figli dalla prima media vanno e tornano da scuola da soli, ma in prima media non hanno il cellulare. Se un bambino non è “realmente” responsabile di se stesso e delle sie azioni difficilmente potrà esserlo virtualmente.

  5. Francesca Chila' 10 ottobre, 2017 at 20:42 Rispondi

    Sono d’accordo con te … solita str … Per deresponsabilizzare scuola e società. Da bambina quandoandavamo e tornavamo a casa in paese tutti proteggevano gli scolari a iniziare dai vigil che gestivano la viabilità attorno a scuola

  6. Elisa Solimeno 10 ottobre, 2017 at 21:26 Rispondi

    È pur vero che qualcuno viaggia già da piccolino con lo scuolabus..ma almeno chi abita nel paese…anche perché almeno dal nostro paesino per andare alle superiori devono x forza viaggiare con il bus..in totale autonomia quindi si devono responsabilizzare.per forza!!

  7. Francy Rota 10 ottobre, 2017 at 21:55 Rispondi

    Io alle medie tornavo a casa in bus con i ragazzi e le ragazze miei coetanei che abitavano nella mia zona …avevo le chiavi di casa …mangiavo da nonna che abitava a 50 metri da casa nostra poi andavo a casa a fare i compiti e facevo qche faccenda domestica (tipo far andare la lavatrice e stendere …mamma la programmava al mattino a me bastava premere il pulsante)…si stava meglio qdo si stava peggio…

Lascia un commento