Addio a Tony Wolf: a 88 anni scompare uno dei più grandi illustratori italiani di libri per bambini

addio-a-tony-wolf-a-88-anni-scompare-uno-dei-piu-grandi-illustratori-italiani-di-libri-per-bambini

È scomparso qualche giorno fa all'età di 88 anni Tony Wolf, uno dei più grandi illustratori italiani di libri per bambini: alcuni dei personaggi nati dalla sua matita sono divenuti celebri anche in televisione negli Anni Novanta.

Addio all'illustratore Tony Wolf

Se n'è andato lo scorso 18 maggio in quel di Cremona, anche se i giornali ne hanno dato notizia solo nelle ultime ore: Antonio Lupatelli, nome di battesimo dell'illustratore parmense Tony Wolf (uno pseudonimo diventato una istituzione nel mondo dell'editoria nel corso del dopoguerra), è morto all'età di 88 anni ma di lui rimarrà una sconfinata eredità fatta di storie e personaggi che hanno entusiasmato e fatto crescere i bimbi di più di una generazione.

Infatti, a partire dalla collaborazione avuta negli Anni Cinquanta con i fratelli Pagotto, Lupatelli si è avvicinato al mondo dell'illustrazione per i più piccoli per poi cominciare a inventare di suo pugno dei personaggi fiabeschi entrati nell'immaginario collettivo degli stessi genitori.

La collaborazione con Dami Editore e la mostra

Infatti, Tony Wolf è stato il papà di Pingu (protagonista di una fortunata serie televisiva svizzera, scritta e diretta dal regista Otmar Gutmann) ma anche di Pandi, Draghetto, Ciccio Sprai e di tutti quei protagonisti delle Storie del Bosco che hanno contribuito ad avvicinare milioni di italiani al mondo dell'illustrazione caratterizzata da colori vivaci come pure da tempere e acquerelli che oggi, in epoca di disegni elaborati al computer e di animazioni in 3D a volte asettiche, andrebbero riscoperti.

Tuttavia, è stato quando è entrato nell'orbita della Dami Editore che il nome di Antonio Lupatelli è divenuto noto anche ai non addetti ai lavori, con oltre duecento titoli prodotti e alcune serie, tra cui Gli amici del bosco, che proseguono ancora oggi.

E, proprio per onorarne la memoria e permettere di conoscere l'arte di Wolf, nei Musei di Nervi (Genova) sarà possibile visitare fino al termine di giugno una galleria intitolata "Ciao", nella quale saranno esposti anche i lavori di altri illustratori contemporanei.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.