Adolescenti silenziosi e tormentati: come aiutarli

adolescenti-silenziosi-e-tormentati-come-aiutarli

L’adolescenza è una fase estremamente delicata che traghetta i ragazzi verso l’età adulta. Si tratta di un periodo di transizione, durante il quale si assiste a grandi cambiamenti sia fisici che psicologici. Ai genitori è richiesto un grande sforzo di comprensione per riuscire ad interpretare i silenzi e l’irrequietezza dei propri figli e trovare il giusto canale comunicativo.

Il silenzio come messaggio

In un periodo storico come quello attuale, durante il quale i ragazzi sono costantemente connessi, risulta davvero difficile comprendere come mai, invece, nel mondo delle relazioni reali gli adolescenti tendano ad isolarsi e a chiudersi in un impenetrabile silenzio. Questo silenzio diventa ancora più duro nel rapporto con i genitori, per i quali risulta estremamente difficile capire cos'è che non va e come comportarsi per poter fornire un aiuto concreto.

In realtà è importante che i genitori comprendano che il silenzio costituisce una tappa normale del processo di crescita dell’adolescente, che in questo modo può affermare la propria autonomia ed il proprio carattere. Il silenzio è quindi una scelta, attraverso cui i ragazzi dimostrano una certa indipendenza, e non è necessariamente sintomo di un disagio.

Come devono comportarsi i genitori

Il giusto atteggiamento con cui i genitori rispondono al silenzio dei ragazzi diventa un elemento fondamentale per conquistare la loro fiducia. Per questo motivo la prima regola per un genitore è sicuramente quella di rispettare i tempi dell’adolescente, evitando di forzarlo a parlare e resistendo all'istinto di investigare in tutti i modi per scoprire ciò che non dice (magari sbirciando tra le sue cose o cercando informazioni di nascosto sul suo smartphone).

Quando il figlio racconta qualcosa, invece, bisogna cercare di non mostrarsi eccessivamente ansiosi e preoccupati, perché questo atteggiamento finirebbe per indurre l’adolescente a chiudersi di più.

Non aiuta neppure interpretare il ruolo del genitore-amico, un atteggiamento che mette in imbarazzo i ragazzi al quale andrebbe invece preferito un approccio propositivo, che porti ad impegnarsi in qualcosa che piace ad entrambi creando, attraverso questo momento di condivisione, un efficace canale comunicativo.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.