Balla per il figlio malato durante la chemio: il video fa il giro del web

balla-per-il-figlio-malato-durante-la-chemio-il-video-fa-il-giro-del-web

È sempre tragico ammalarsi di cancro per un ragazzino, ma in questo periodo, a causa delle norme anti Covid in America, il giovane Aiden non può ricevere visite in reparto.

Così suo padre ogni martedì si traveste e balla per lui nel parcheggio dell'ospedale, per non farlo sentire solo.
Il video già diventato virale sta commuovendo il mondo.

Aiden: ricoverato a causa della leucemia e isolato in reparto

Aiden Yeilding ha solo 14 anni, ma sta già lottando contro la leucemia, e lo sta facendo in un momento in cui i suoi famigliari, a causa delle norme anti Covid, non possono varcare le porte del Cook Children’s Medical Center di Fort Worth.

Nonostante Aiden debba sottoporsi alla chemioterapia, suo padre non può tenergli la mano durante i cicli, per sostenerlo e rassicurarlo che andrà tutto bene.

Per fortuna la madre Lori può assisterlo, ma solo perché lavora in ospedale, mentre al papà è precluso.
Niente però avrebbe però potuto fermare Chuck dal manifestare al suo ragazzo la sua vicinanza: il trucco che ha inventato sta facendo il giro del mondo in un video, che sta commuovendo tutti.

Chuck balla nel parcheggio ogni martedì con un travestimento

Una delle cose che più aiuta i malati di cancro è la speranza, l'attesa che possa accadere qualcosa di bello.
Di certo Aiden attende il martedì di vedere suo padre ballare nel parcheggio dell'ospedale, ogni volta con un travestimento diverso.

Il martedì è il loro giorno: Chuck porta suo figlio presso la struttura, dovendolo poi lasciare alla porta mentre lui si sottopone al solito ciclo.
Così, quando Aiden si affaccia alla finestra, vede il suo papà che balla per lui, e pian piano comincia a muoversi come lui.

La storia di Chuck è arrivata alla stazione KTVT, ma il suo commento è stato semplicemente: 'Farei qualunque cosa per farlo stare meglio'. Come ogni papà.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.