Bambini arrabbiati? Usiamo il Cestino della Rabbia

Capita spesso, da genitori, di non sapere cosa fare quando i propri figli si arrabbiano. Lasciarli sfogare o consolarli? Aspettare che passi o intervenire? E ancora, “Avrò fatto bene ad arrabbiarmi con lui?” o “Come gestisco ora la situazione?”.

Vero è che, se crescere non è semplice per i bambini, educare è ancora più difficile per i genitori. Ecco che, allora, dal mondo pedagogico, viene in soccorso il cestino della rabbia.

Si tratta di uno strumento educativo e rituale con cui il bambino può imparare a controllare la propria rabbia. È un’idea che serve ai bambini per gestire l’emotività infantile e ai genitori per affrontare al meglio i conflitti con i propri bambini. La rabbia è un’emozione naturale, frequente e importante, ma bisogna imparare presto a conoscerla e controllarla, per instaurare rapporti sereni con gli altri.

A cosa serve un “cestino della rabbia” e come si crea? Basta una scatola, un cesto o un grosso barattolo che il bambino devrà personalizzare. Ogni volta che il bimbo avrà un impeto o un eccesso d’ira, potrà fare un disegno, appallottolare un foglio e così via e gettarlo nel cestino. In questo modo, attraverso un approccio rituale, la rabbia verrà scaricata e depositata in un luogo preciso, attraverso uno spazio-tempo simbolico.

In questo modo il piccolo potrà controllare le proprie emozioni negative in maniera consapevole, trasformandole in positività. L’età più idonea per iniziare a proporre il "cestino della rabbia" è a partire dai 4/5 anni.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.