Bandiera verde 2024: ecco le migliori spiagge per bambini scelte dai pediatri

29 maggio 2024 –

Ogni anno dal 2008 alcune spiagge vengono insignite del titolo di Bandiera Verde dei pediatri. È noto a tutti che la vacanza al mare sia salutare soprattutto per i bambini: gli stessi pediatri consigliano di trascorrere con i figli le vacanze, o parte di esse, al mare. Anche quest’anno sono state premiate le migliori spiagge adatte ai bambini.

A ricevere la Bandiera Verde per il 2024 sono state ben 155 località di mare, tra cui 147 comuni italiani e 8 destinazioni internazionali. I vincitori sono stati annunciati dall’ideatore del premio, il pediatra Italo Farnetani.

Bandiera Verde 2024: i criteri dei pediatri

Ma quali requisiti occorrono per entrare a far parte della classifica delle località marine adatte ai bambini?

Un primo esame riguarda l’arenile che, oltre a essere ampio deve essere provvisto di ombrelloni sistemati a sufficiente distanza gli uni dagli altri. La presenza di attrezzature specifiche per i più piccoli sono un valore aggiunto. La sabbia fine e il dolce digradare verso il mare sono altre caratteristiche valutate dal team di pediatri assegnatari della Bandiera verde.

I fondali devono essere bassi e, naturalmente, le acque devono distinguersi per limpidezza e pulizia. La presenza di bagnini e di strutture per la famiglia completa il quadro.

I criteri per scegliere quali spiagge siano adatte ai bambini sono stati delineati dal 2008 fino ad oggi da un campione di circa 2.923 pediatri italiani ed europei che hanno individuato come fattori fondamentali:

  • l’acqua pulita,
  • il fondale basso vicino alla riva,
  • la sabbia per costruire castelli,
  • i giochi sulla sabbia,
  • luoghi dove poter cambiare i pannolini,
  • gelaterie vicino allo stabilimento e ristoranti,
  • presenza dei bagnini e delle scialuppe di salvataggio.

A curare e coordinare questo lavoro è stato il pediatra aretino Italo Farnetani che ha raccontato alla stampa di come abbia coinvolto migliaia di colleghi, scelti a campione, e che tramite un questionario hanno contribuito a stilare la classifica delle località. Ha inoltre aggiunto:

Il consiglio per i genitori, in base alla nuova mappa disegnata dalle bandiere verdi 2023, è di viaggiare e per la vacanza al mare raggiungere, insieme ai figli, mete anche lontane come fanno molte famiglie straniere.

Il viaggio per i bambini è utile anche per l’apprendimento e lo sviluppo psicologico, perché vedendo ambienti nuovi, una diversa vita quotidiana, hanno un sicuro vantaggio anche per la capacità di ragionamento e apprendimento.

Le migliori spiagge italiane per bambini

Come sempre le spiagge italiane sono presenti nella classifica, ma quest’anno c’è una new entry per le spiagge abruzzesi, San Salvo Marina in provincia di Chieti.

A livello regionale, al primo posto da ormai molti anni vediamo la Calabria, a quota di 20 bandiere verdi grazie, seguita dalla Sicilia con 18 bandiere e dalla Sardegna con 16 bandiere.

Al quarto posto si piazzano la Puglia e le Marche, che vantano entrambe tredici bandiere verdi, seguite dalla Toscana con 12 bandiere verdi. 10 sono invece le Bandiere Verdi che svettano in Emilia Romagna, Campania, Lazio e Abruzzo.

Ecco l’elenco completo, diviso per regioni:

INDICE

Bandiere Verdi Abruzzo

  • Alba Adriatica (Teramo) dal 2019
  • Giulianova (Teramo) dal 2010
  • Montesilvano (Pescara) dal 2010
  • Ortona – Spiaggia dei Saraceni (Chieti) dal 2019
  • Pescara dal 2016
  • Pineto – Torre Cerrano (Teramo) dal 2016
  • Roseto degli Abruzzi (Teramo) dal 2012
  • Silvi Marina (Teramo) dal 2012
  • Tortoreto (Teramo) dal 2015
  • Vasto Marina (Chieti) dal 2010
  •  San Salvo Marina (Chieti) dal 2024

Torna all’indice

Bandiere verdi Basilicata:

  • Maratea (Potenza) dal 2012;
  • Marina di Pisticci (Matera) dal 2010.

Torna all’indice

Bandiere verdi Calabria:

  • Bianco (Reggio Calabria) dal 2018
  • Bova Marina (Reggio Calabria) dal 2010
  • Bovalino (Reggio Calabria) dal 2010
  • Caulonia – Caulonia Marina (Reggio Calabria) dal 2022
  • Capo Vaticano (Vibo Valentia) dal 2016
  • Cariati (Cosenza) dal 2010
  • Cirò Marina – Punta Alice (Crotone) dal 2012
  • Isola di Capo Rizzuto (Crotone) dal 2009
  • Locri (Reggio Calabria) dal 2016
  • Melissa – Torre Melissa (Crotone) dal 2015
  • Mirto Crosia – Pietrapaola (Cosenza) dal 2010
  • Montepaone (Catanzaro) dal 2023
  • Nicotera (Vibo Valentia) dal 2008
  • Palmi (Reggio Calabria) dal 2016
  • Praia a Mare (Cosenza) dal 2010
  • Roccella Jonica (Reggio Calabria) dal 2012
  • Santa Caterina dello Ionio Marina (Catanzaro) dal 2010
  • Siderno (Reggio Calabria) dal 2016
  • Soverato (Catanzaro) dal 2009
  • Squillace (Catanzaro) dal 2018

Torna all’indice

Bandiere verdi Campania:

  • Agropoli – Lungomare San Marco, Trentova (Salerno) dal 2016
  • Ascea (Salerno) dal 2016
  • Centola – Palinuro (Salerno) dal 2009
  • Ischia: Cartaroma Lido San Pietro (Napoli) dal 2016
  • Marina di Camerota (Salerno) dal 2009
  • Pisciotta (Salerno) dal 2016
  • Pollica – Acciaroli, Pioppi (Salerno) dal 2016
  • Positano – Spiagge: Arienzo, Fornillo, Spiaggia Grande (Salerno) dal 2015
  • Santa Maria di Castellabate (Salerno) dal 2012
  • Sapri (Salerno) dal 2012

Torna all’indice

Bandiere verdi Emilia Romagna:

  • Bellaria – Igea Marina (Rimini) dal 2012
  • Cattolica (Rimini) dal 2012
  • Cervia – Milano Marittima-Pinarella (Ravenna) dal 2010
  • Cesenatico (Forli Cesena) dal 2012
  • Gatteo – Gatteo Mare (Forli – Cesena) dal 2015
  • Misano Adriatico (Rimini) dal 2015
  • Ravenna – Lidi Ravvenati (Ravenna) dal 2015
  • Riccione (Rimini) dal 2008
  • Rimini dal 2016
  • San Mauro Pascoli – San Mauro mare (Forli – Cesena) dal 2016

Torna all’indice

Bandiere verdi Friuli Venezia Giulia:

  • Grado (Gorizia) dal 2010,
  • Lignano Sabbiadoro (Udine) dal 2008.

Torna all’indice

Bandiere verdi Lazio:

  • Anzio (Roma) dal 2016
  • Formia (Latina) dal 2009
  • Gaeta (Latina) dal 2009
  • Lido di Latina (Latina) dal 2010
  • Montalto di Castro (Viterbo) dal 2009
  • Sabaudia (Latina) dal 2008
  • San Felice Circeo (Latina) dal 2012
  • Sperlonga (Latina) dal 2009
  • Terracina (Latina) dal 2019
  • Ventotene – Cala Nave (Latina) dal 2015

Torna all’indice

Bandiere verdi Liguria:

  • Finale Ligure (Savona) dal 2015
  • Lavagna (Genova) dal 2016
  • Lerici (La Spezia) dal 2012
  • Noli (Savona) dal 2016

Torna all’indice

Bandiere verdi Marche:

  • Civitanova Marche (Macerata) dal 2012
  • Cupra Marittima (Ascoli Piceno) dal 2020
  • Fano – Nord – Sassonia – Torrette/Marotta (Pesaro – Urbino) dal 2016
  • Gabicce mare (Pesaro – Urbino) dal 2015
  • Grottamare (Ascoli Piceno) dal 2016
  • Mondolfo – Marotta (Pesaro – Urbino) dal 2016
  • Numana – Alta – Bassa Marcelli Nord (Ancona) dal 2015
  • Pesaro (Pesaro – Urbino) dal 2016
  • Porto Recanati (Macerata) dal 2012
  • Porto San Giorgio (Fermo) dal 2010
  • San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) dal 2008
  • Senigallia (Ancona) dal 2012
  • Sirolo (Ancona) dal 2016

Torna all’indice

Bandiere verdi Molise:

  • Termoli (Campobasso) dal 2012.

Torna all’indice

Bandiere verdi Puglia:

  • Fasano (Brindisi) dal 2016
  • Gallipoli (Lecce) dal 2009
  • Ginosa – Marina di Ginosa (Taranto) dal 2015
  • Lizzano – Marina di Lizzano (Taranto) dal 2010
  • Margherita di Savoia (Barletta-Andria-Trani) dal 2019
  • Melendugno (Lecce) dal 2016
  • Ostuni (Brindisi) dal 2008
  • Otranto (Lecce) dal 2012
  • Polignano a Mare – Cala Fetente – Cala Ripagnola – Cala San Giovanni (Bari) dal 2016
  • Porto Cesareo (Lecce) dal 2016
  • Rodi Garganico (Foggia) dal 2012
  • Salve – Marina di Pescoluse (Lecce) dal 2010
  • Vieste (Foggia) dal 2009

Torna all’indice

Bandiere verdi Sardegna:

  • Alghero (Sassari) dal 2009
  • Bari Sardo (Nuoro) dal 2010
  • Cala Domestica (Carbonia-Iglesias) dal 2010
  • Capo Coda Cavallo (Olbia-Tempio) dal 2010
  • Carloforte – Isola di San Pietro: La Caletta – Punta Nera – Girin – Guidi (Carbonia-Iglesias) dal 2010
  • Castelsardo-Ampurias (Sassari) dal 2012
  • Is Arutas – Mari Ermi (Oristano) dal 2010
  • La Maddalena: Punta Tegge-Spalmatore (Olbia-Tempio) dal 2012
  • Marina di Orosei-Berchida-Bidderosa (Nuoro) dal 2010
  • Oristano – Torre Grande (Oristano) dal 2015
  • Poetto (Cagliari) dal 2012
  • Quartu Sant’Elena (Cagliari) dal 2012
  • Santa Giusta (Oristano) dal 2016
  • San Teodoro (Nuoro) dal 2008
  • Santa Teresa di Gallura (Olbia-Tempio) dal 2012
  • Tortolì – Lido di Orrì, Lido di Cea (Ogliastra) dal 2016

Torna all’indice

Bandiere verdi Sicilia:

  • Balestrate (Palermo) dal 2016
  • Campobello di Mazara – Tre Fontane – Torretta Granitola (Trapani) dal 2010
  • Catania – Playa dal 2016
  • Cefalù (Palermo) dal 2008
  • Giardini Naxos (Messina) dal 2016
  • Ispica — Santa Maria del Focallo (Ragusa) dal 2012
  • Lipari – Marina di Lipari-Acquacalda-Canneto (Messina) dal 2012
  • Marsala – Signorino (Trapani) dal 2015
  • Mazara del Vallo – Tonnarella (Trapani) dal 2021
  • Menfi – Porto Palo di Menfi (Agrigento) dal 2010
  • Noto – Vendicari (Siracusa) dal 2010
  • Palermo – Mondello dal 2016
  • Pozzallo – Pietre Nere – Raganzino (Ragusa) dal 2015
  • Ragusa – Marina di Ragusa dal 2009
  • Santa Croce Camerina – Casuzze – Punta secca – Caucana (Ragusa) dal 2010
  • San Vito Lo Capo (Trapani) dal 2009
  • Scicli – Sampieri (Ragusa) dal 2021
  • Vittoria – Scoglitti (Ragusa) dal 2010

Torna all’indice

Bandiere verdi Toscana:

  • Bibbona (Livorno) dal 2016
  • Camaiore – Lido Arlecchino-Matteotti (Lucca) dal 2015
  • Castiglione della Pescaia (Grosseto) dal 2012
  • Follonica (Grosseto) dal 2012
  • Forte dei Marmi (Lucca) dal 2012
  • Grosseto – Marina di Grosseto, Principina a Mare dal 2010
  • Monte Argentario – Cala Piccola – Porto Ercole (Le Viste) – Porto Santo Stefano (Cantoniera – Moletto – Caletta) – Santa Liberata (Bagni Domiziano – Soda -Pozzarello) (Grosseto) dal 2015
  • Pietrasanta – Marina di Pietrasanta – Tonfano – Focette (Lucca) dal 2015
  • Pisa – Marina di Pisa – Calambrone – Tirrenia (Pisa) dal 2016
  • San Vincenzo (Livorno) dal 2012
  • Viareggio (Lucca) dal 2008

Torna all’indice

Bandiere verdi Veneto:

  • Caorle (Venezia) dal 2015
  • Cavallino Treporti (Venezia) dal 2010
  • Chioggia – Sottomarina (Venezia) dal 2016
  • Iesolo– Jesolo Pineta (Venezia) dal 2008
  • Lido di Venezia (Venezia) dal 2010
  • San Michele al Tagliamento – Bibione (Venezia) dal 2016

Torna all’indice

Bandiere verdi all’estero:

Oltre alle 146 località italiane qui sopra riportate, sono state anche selezionate 8 destinazioni all’estero, tra cui 5 in Europa e 3 in Africa:

Bandiere verdi Spagna:

  • Estepona dal 2022
  • Malaga dal 2018
  • Marbella dal 2019
  • Fuengirola dal 2021

Bandiere verdi Romania:

  • Costanza dal 2020

Bandiere verdi Tanzania:

  • Dar es Salaam – Coco beach dal 2020
  • Kendwa dal 2021

Bandiere verdi Tunisia:

  • La Marsa dal 2022

Il video della settimana

Un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *