Biologico, tutti i numeri di una rivoluzione green

biologico

Se da un lato l'economia rallenta e lo spauracchio della crisi non manca di essere agitato, c'è un settore che invece di crisi non ne conosce, tutt'altro: parliamo del biologico, un'etichetta che è diventata un po' lo slogan dei nostri tempi, votati a ripensare comportamenti e stili di vita in chiave green.

I numeri di quello che potremmo definire un "successo secondo natura" sono stati presentati in questi giorni al "Sana" di Bologna, il Salone internazionale del biologico e del naturale. Ma qual è l'identikit di questo nuovo settore, in forte crescita, del mercato?

Per l'Italia, gli ultimi report parlano di un fatturato di oltre 2,6 miliardi nel 2014, e la previsione per il 2015 è ancora più rosea: nel nuovo anno, infatti, il mercato del biologico è cresciuto a ritmi del +20% circa.

Dietro i numeri e le statistiche, si nasconde una rivoluzione che passo dopo passo sta entrando nelle nostre case, cambiando le nostre abitudini alimentari, orientate – stando ai numeri – verso un maggior consumo di derivati dei cereali e ortaggi sia freschi che trasformati.

Il video della settimana

Interessante notare che questi dati si riferiscono solo al consumo domestico di alimenti biologici, mentre le percentuali sarebbero probabilmente maggiori se si allargasse il discorso a ristoranti, bar e mense scolastiche.

Ma dove si acquista di più il biologico?

In testa c'è il Nord Italia, a seguire Centro e Sud. I canali privilegiati restano quelli della grande distribuzione (discount, supermercati, ipermercati), al secondo posto i negozi specializzati, mentre percentuali molto più basse spettano a mercatini, gruppi di acquisto solidale e e-commerce (10%), farmacie (5,1%), parafarmacie ed erboristerie (0,6%).

Cosa si acquista?

Se i generi alimentari la fanno da padrone, nell'universo biologico crescono anche gli acquisti per prodotti legati all'igiene personale (10%); più indietro, invece, i prodotti per la cura della casa (1,4%) e degli animali domestici (0,3%).

E voi cosa ne pensate di questa rivoluzione green? Anche la vostra lista della spesa da oggi è un po' più bio?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.