Childrenshare, il progetto di Expo Milano 2015 dedicato ai bambini

L’Expo di Milano 2015 si sta avvicinando a grandi passi, con il suo carico di ritardi, problemi e aspettative a volte disilluse: ma l’Expo è anche un importante momento di confronto interculturale sul tema dell’alimentazione, con specifici momenti pensati per bambini, giustamente considerati i cittadini di domani.

Lo scopo degli organizzatori è di permettere ai piccoli, giocando, di scoprire altre culture e capire l’importanza e il valore del cibo che consumiamo.

Il progetto nello specifico si chiama Childrenshare, è realizzato con la Fondazione MUBA Museo dei Bambini di Milano e consta di due fasi operative. La prima, attiva al momento in cui scrivo, mostra al MUBA/Rotonda di via Besana un tavolo interattivo che permette ai bambini di sviluppare una “convivialità interculturale”. Altro luogo dedicato a questo progetto è la struttura di Expo presso Castello Sforzesco, chiamata Agorà. Proprio qui nel corso di tutta l’estate i piccoli hanno potuto trascorrere del tempo, giocare con amici e genitori e conoscere Foody, che è la mascotte di Expo Milano 2015.

Il video della settimana

Si potranno poi presentare tanti contributi progettuali (c’è tempo fino al 15 gennaio 2015) che potrebbero poi magari essere realizzati nel corso dell’esposizione. Insomma: un interessante tentativo di sensibilizzare le nuove generazioni,  sul tema dell’alimentazione, sulla scoperta delle diverse opportunità legate alla differenza di cultura e un tentativo di parlare anche di chi il cibo non ce l’ha proprio. All’Expo partecipa infatti anche l’Onu, il cui tema è “Sfida fame zero”: un progetto che ha come scopo il fatto che nessun bambino soffra più la fame, a fronte di zero sprechi di cibo. Un traguardo, nonostante tanta pubblicità e un pizzico di buona volontà, ancora drammaticamente lontano: speriamo che l’Expo di Milano 2015 serva a qualcosa, anche in questo campo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.