Coronavirus: Tom Hanks risponde a un bimbo vittima di bullismo

coronavirus:-tom-hanks-risponde-a-un-bimbo-vittima-di-bullismo

Tom Hanks, il pluripremiato attore americano, ha scritto una lettera in risposta a un bambino bullizzato per il suo nome: Corona. L'originale risposta ha fatto presto il giro del mondo.

Chiamarsi Corona ai tempi di Covid-19

Prima degli eventi che oggi coinvolgono il mondo intero, nessuno avrebbe mai pensato che il nome Corona potesse divenire oggetto di scherno e derisione. Di certo non lo avrebbe mai immaginato un bambino australiano di otto anni, il cui nome è proprio Corona.

Con l'esplodere della pandemia Covid-19, il bambino è presto diventato, suo malgrado, destinatario di continue prese in giro da parte dei compagni di classe. Prima di questi eventi era fiero del suo nome, ma adesso le cose sono cambiate: "a scuola mi chiamano Coronavirus e questo mi fa arrabbiare e mi rende triste".

Il bambino ha così deciso di mettere per iscritto il proprio sentimento di sconforto, scrivendo un'accorata lettera a Tom Hanks, lo storico doppiatore di Woody in Toy Story.

La lettera e il regalo di Tom Hanks

L'attore e Rita Wilson, sua moglie, sono stati tra i primi volti dello spettacolo a contrarre il virus, nonché i primi a condividere il decorso della loro malattia sui social nel corso della loro prolungata quarantena in Australia.

Sebbene fossero già rientrati negli Stati Uniti quando hanno appreso della storia del piccolo Corona, Tom Hanks ha ritenuto di rispondere con una lettera scritta interamente a macchina.

Caro amico, la tua lettera ha reso me e mia moglie molto felici. Grazie per essere un buon amico; gli amici cercano di tirarsi su il morale a vicenda quando sono tristi

Così si legge nelle prime righe della missiva, nella quale l'attore non manca di donare un'iniezione di coraggio al piccolo Corona, esortandolo a ricordare che il suo nome non è solo quello di un virus, ma anche quello dell'anello "intorno al Sole, la corona appunto".

La buona azione dell'attore hollywoodiano, tuttavia, non si è fermata qui: insieme alla lettera d'incoraggiamento ha deciso d'indirizzargli anche un'antica macchina da scrivere del marchio Corona, una delle sue preferite (come aveva avuto occasione di condividere in un suo post su Instagram), che gli ha fatto compagnia proprio nel corso della quarantena in Australia.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.