Che puzza! Sono i giochi da spiaggia tossici

giochi spiaggia tossici

Come sono divertenti i giochi da spiaggia gonfiabili, come canotti, braccioli, materassini e palloni maxi! Ma che odore!

È proprio questo odore sgradevole di plastica pungente, che dovrebbe fungere da campanello d’allarme.

La classica esalazione che sentite quando scartate un gioco gonfiabile potrebbe derivare dal PVC e da sostanze pericolose e tossiche, come i composti carbonilici e i chetoni tra cui il cicloesanone e l’isoforone.

Tutti agenti chimici nocivi per la salute umana, e in particolare per quella dei più piccoli.

Il video della settimana

I giochi da spiaggia tossici: i possibili rischi

Venire a contatto con un gioco da spiaggia in PVC che ha subito trattamenti a base di sostanze chimiche aggressive, può essere pericoloso per i bambini.

Il contatto con la pelle, specialmente accaldata sotto il sole, potrebbe provocare allergie, reazioni cutanee, infiammazioni e arrossamenti anche gravi.

Peggio ancora, quando il contatto avviene con la bocca: la tossicità degli elementi chimici presenti sulla superficie degli oggetti gonfiabili potrebbe danneggiare intestino e stomaco.

Evitare i giochi da spiaggia tossici ed altri consigli

Ecco qualche consiglio per vivere le giornate al mare in totale tranquillità.

  1. Se ha un forte odore, non compratelo: per acquisti sicuri, state alla larga da giochi gonfiabili maleodoranti. Questo è il primo segnale di possibile tossicità.

  2. Non lasciate che i vostri bambini li gonfino a bocca: appoggiare la bocca sul gioco per riempirlo d’aria, è un comportamento che aumenta il rischio di ingerire ingredienti tossici.

  3. Lasciateli all’aperto: dopo averli scartati, e prima dell’utilizzo, lasciate i giochi gonfiabili a prendere aria, così da permettere il rilascio delle sostanze tossiche superficiali.

  4. Igiene: prima e dopo l’utilizzo dei giochi gonfiabili, abbiate cura di lavarli attentamente, per mantenerli puliti ed evitare contaminazioni tossiche dannose.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.