Ha 23 anni e 11 figli e ne desidera altri. La storia di Christina

ha-23-anni-e-11-figli-e-ne-desidera-altri-la-storia-di-christina

Siamo in un'epoca in cui il tasso di natalità è molto basso, questo almeno è quello che succede nel nostro paese, ma c'è chi segue tendenze controcorrente. A Batuni, città della Georgia, vive infatti una ragazza di nazionalità russa che ha già 11 figli e non ha la minima intenzione di fermarsi a tale soglia. Christina Ozturk, di 23 anni, e suo marito Galip di 56, sembrano, a quanto pare, essere amanti delle famiglie numerose; lui, pur essendo già padre di figli ormai grandi, condivide il desiderio della moglie di allargare ulteriormente la prole. L'obiettivo? Arrivare a cento!

Soltanto 23 anni e già 11 figli

Ma come è possibile per una giovanissima donna avere avuto già tanti bambini? In effetti Christina ha messo al mondo solo una femminuccia di nome Vika, gli altri dieci sono stati partoriti da altrettante mamme surrogate, scelte dalla coppia per portare in grembo i propri ovuli fecondati. Con questo metodo i due genitori da record hanno in mente di procreare altri eredi; vivamente intenzionati a non fermarsi ad undici hanno però ammesso che il traguardo dei cento non è certo un'affermazione da prendere seriamente. In realtà non si sono ancora posti un limite ma sono disposti a spendere cifre consistenti per realizzare il proprio sogno: finora le gravidanze surrogate sono costate loro circa 8.000 euro ciascuna.

Le gravidanze surrogate

Al giorno d'oggi il motivo principale per il quale si fanno pochi figli, a detta delle coppie moderne, è perché si ha poco tempo, denaro o energie da dedicare ai più piccoli. Questi per Galip e Christina sembrano non essere dei problemi insormontabili (anche perchè sono milionari) e nonostante le difficoltà a gestire tanti pargoli contemporaneamente vogliono ripetere l'esperienza.

"La clinica di Batumi sceglie per noi madri surrogate e si assume la piena responsabilità del processo", ha detto - afferma Christina -. Non conosciamo personalmente le madri surrogate e non abbiamo contatti diretti con loro per evitare problemi dopo la gravidanza".

Tutta la comunicazione avviene attraverso la clinica, la coppia monitora monitoriamo solo gli indicatori di salute "preparo un menù dietetico per le madri in modo che il cibo sia completo e guardo i risultati dei test".

Please follow and like us: