"Il Coniglio che voleva addormentarsi": il libro per far la nanna

il-coniglio-che-voleva-addormentarsi

Quello della nanna è un tasto dolente per molti genitori: bimbi che si addormentano dopo ore di tentativi e spesso si svegliano nel cuore delle notte… Ma da oggi tutto potrebbe essere molto più facile! Provate con il libro 'Il Coniglio che voleva addormentarsi: un nuovo modo di far addormentare i bambini' (The Rabbit who wants to fall asleep)”.

Scritto da Carl Johan Forssen Ehrlin, psicologo all'Università svedese di Jonkoping, il libro è scritto usando tecniche psicologiche in grado di far crollare velocemente anche i bimbi meno dormiglioni nelle braccia di Morfeo.

Il segreto è quello di avere una storia decisamente “noiosa”! L’idea è venuta a Ehrlin quando, narrando il racconto alla madre durante un viaggio in macchina, lei si è addormentata subito. E, sapendo che in fondo, bambini e anziani sono due facce della stessa medaglia, ha pensato che la storia avrebbe potuto funzionare anche sui più piccoli. Infatti, dopo aver fatto la prova su suo figlio Leon, i risultati gli hanno dato ragione.

Il libro narra la storia del coniglio Camillo (Caaa-miiillo: da leggere con sue sbadigli), Zio Sbadiglio e Gufo Assonnato. Ha solo 26 pagine, ma deve essere letto dal genitore in maniera precisa, seguendo le indicazioni che lo stesso autore illustra nell'incipit. Innanzitutto il bambino deve essere sdraiato in modo che si possa rilassare più facilmente in un’atmosfera che concili il sonno. E poi, spazio all'interpretazione! Alcune frasi devono essere lette con enfasi, altre più lentamente, a tratti bisogna sbadigliare e il gioco è fatto!

Naturalmente non si tratta di un incantesimo magico, che assicura il risultato al 100%, ma facendo leva sulle tecniche dell’ipnosi, vi è un’alta probabilità di riuscita nell'impresa!

Oggi il libro è ai vertici delle classifiche, ed è acquistabile anche in italiano su Amazon. E allora, se siete nella categoria dei genitori disperati perché i vostri bimbi non ne vogliono saper di fare la nanna…tentar non nuoce!