La storia di Omari: 11 anni apre un ristorante vegano

la-storia-di-omari-11-anni-apre-un-ristorante-vegano

Il piccolo Omari, di soli 11 anni, è titolare di un ristorante vegano a Croydon, Regno Unito. La madre, costretta a letto da una malattia, ha insegnato ai figli a cucinare e Omari è diventato così bravo da voler aprire un suo locale.

La storia di Omari: chef a 11 anni

Omari McQueen ha da poco aperto il Dipalicious, un ristorante pop-up specializzato in cucina vegana caraibica. I pop-up store sono locali temporanei che rimangono aperti solo per brevi periodi, per poi scomparire. Ad Omari è stata concessa una sola settimana di attività per mettere alla prova la sua bravura. È stata sua madre ad insegnare ad Omari a cucinare, perché la donna soffre di una malattia invalidante ed è spesso costretta a letto.

View this post on Instagram

Thank you everyone for all your love and support. Come and check me out at @boxparkcroydon we are there all week 🤪🤪 #vegan #veganchef #veganfood #veganrecipes #veganinspiration #veganismo #vegans #blackvegan #food #foodporn #boxpark #hardwork #determination #love #support

A post shared by Omari McQueen (@omarimcqueen) on

Già da piccolissimo ha imparato a cucinare, e si è talmente appassionato che alla fine ha deciso di aprire un locale tutto suo. Omari ha quindi contattato il direttore del parco Boxpark di Croydon, la sua città, che è stato così stupito dalla sua abilità culinaria da concedergli uno spazio in affitto per una settimana, nonostante la giovanissima età del candidato.

La carriera di Omari, giovane chef vegano

Omari ha iniziato a cucinare più che altro per necessità, visti i problemi di salute della madre, ma si è subito appassionato e la cucina è diventata rapidamente il suo mondo.

All'età di 8 anni ha aperto un canale YouTube dove presenta le sue creazioni e ne illustra le ricette. Ora, a soli 11 anni, è capo chef di un ristorante temporaneo. Al suo servizio ci sono tutti i membri della famiglia, che lo aiutano nella gestione del pop-up restaurant. Per Omari questo è però solo un punto di partenza: l'intraprendente ragazzino ha già aperto una campagna di crowdfunding per finanziare un ristorante fisso, sempre a Boxpark. L'alternativa, visto che il padre è un autista, è acquistare un mezzo da attrezzare come food truck e girare il Regno Unito dispensando le sue ricette vegane caraibiche, che hanno già vinto numerosi premi.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.