Lamberto vittima del Cocoricò ricordato dai compagni di scuola

cocoricò-ricordi-classe

Il sedicenne Lamberto Lucaccioni morì in una notte d’estate dell’anno scorso per colpa di una pasticca di ecstasy, mentre si trovava presso la discoteca Cocoricò di Riccione. Oggi i genitori lo ricordano nell'aula del Liceo Scientifico di Citta di Castello (Perugia), che il giovane avrebbe dovuto frequentare quest’anno.

Mamma Donatella e papà Livio a stento trattengono la commozione e improvvisano un discorso fatto di parole accorate e piene di nostalgia: “Siamo andati carichi di ricordi e parole ma la verità è che non sapevamo bene cosa dire”.

"Siamo stati dei bravi genitori"

Di fronte a una platea composta da circa 20 ragazzi commossi e silenziosi, i genitori di Lamberto hanno capito una cosa importante: la tragica fine del proprio figlio non è stata causata da una loro incapacità educativa, ma semplicemente dall'incoscienza e dall'euforia di un adolescente che, trovandosi per la prima volta lontano da casa, ha voluto assaporare il gusto della libertà, andando oltre i propri limiti.

Ad accompagnare i genitori di Livio c’era anche Giorgia Benusiglio, la ragazza milanese che nel 1999 dovette subire un trapianto di fegato a causa dell’ecstasy. Oggi questa giovane donna porta la sua testimonianza in tutte le scuole d’Italia, affinché i giovanissimi possano comprendere i reali pericoli e le insidie che si nascondono dietro a una notte da sballo

1 comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.