Mamma e papà in libera uscita: l'asilo apre anche la sera!

asilo-aperto-sera

In 11 comuni della Brianza è stata da poco inaugurata un'originale iniziativa. Una sera al mese, mamma e papà potranno uscire: ai bambini ci pensa l'asilo!

Qualche ora per tornare fidanzati

Quante volte avete fantasticato con vostro marito di potervi godere una tranquilla cenetta con gli amici senza dover correre a recuperare i vostri bimbi in mezzo ai tavoli? Quante volte avreste voluto fare una passeggiata romantica come ai "vecchi tempi" e riuscire finalmente a concludere una frase di senso compiuto?

In 11 comuni della Brianza ora si può e se abitate da quelle parti potrete ritenervi fortunate. Solo per una volta al mese, il venerdì dalle 19:30 alle 22:30, potrete lasciare i vostri bambini alle loro maestre al costo di 15 Euro.

Laura Trevisol, responsabile degli asili nido “Mamma Anita” di Renate e “Carla Manganini” di Besana Brianza, spiega che l'iniziativa si è attuata in risposta alle richieste di tanti genitori che già da tempo domandavano un supplemento serale. Dal mese di novembre 2016 questo desiderio è stato esaudito e la cooperativa sociale "Cometa", che gestisce 11 scuole materne comunali della Brianza, ha attivato il servizio. Nello specifico, i comuni interessati sono: Sotto il Monte, Renate, Osnago, Lecco, Olginate, Mandello Lario, Lomagna, Cornate d’Adda, Cisano Bergamasco, Brivio e Besana Brianza.

Pigiama party con pizza

Approfittando di questa magnifica iniziativa anche i bambini trascorreranno una serata divertente e diversa dal solito. L'appuntamento serale del venerdì, infatti, sarà motivo di svago anche per loro che si troveranno coinvolti in un allegro pigiama party con tanto di pizza per i più grandicelli. 

L'asilo serale è rivolto a tutti i bambini di età compresa fra 3 mesi e 6 anni e non solo agli iscritti alla materna. Un’ora prima del ritorno dei genitori, le educatrici provvederanno a mettere il pigiamino ai bimbi e mamma e papà dovranno solo metterli a nanna. 

Please follow and like us:

125 comments

  1. Eliana Branchi 7 novembre, 2016 at 18:10 Rispondi

    Io la mia bimba 5anni non lo mai lasciata a nessuno, siamo sempre insieme e usciamo sempre insieme…la adoro e la voglio crescere io, cosa che sto facendo. Non sono più uscita una sera da sola o con il mio compagno da che è nata. Credo che una sera all’anno a cena senza di lei non significhi falla allevare ad altri😃

  2. Valentina Fanfoni 7 novembre, 2016 at 18:43 Rispondi

    Ma vergognarsi di che??? …perchè se andate a mangiare una pizza o una volta al cinema con vostro marito/compagno e i bambini li lasciate a nonni, zii o tate non è la stessa cosa??? …si tratterebbe di qualche ora una volta al mese!!! …i figli non devono “annullare” la coppia!!! …e poi secondo me i bambini si divertirebbero pure!!!

  3. Teresa Melone 7 novembre, 2016 at 20:00 Rispondi

    Come “sbolognare” i figli pur di farsi i fatti propri. Nessuno pensa che l’asilo è comunque pesante per loro tutto il giorno e la sera devono riposare a casa propria in santa pace e non ritrovarsi nuovamente li per un capriccio dei genitori.È come se io dicessi ai miei genitori “vi faccio fare 3/4 ore di straordinario stasera cosi sto un po coi miei amici”.

    • Elisa Keller 7 novembre, 2016 at 20:03 Rispondi

      O per una necessità dei genitori?
      Una mamma può anche scegliere di non mandarlo all’asilo quel giorno e portarlo alla sera, per un paio di ore, in cui il bambino può socializzare e divertirsi con altri bambini…

    • Valentina Fanfoni 7 novembre, 2016 at 21:28 Rispondi

      …io le mie figlie non le “sbologno”… e sono convinta che se chiedessi loro se preferirebbero stare a casa con la nonna, zia, tata o andare all’asilo (che poi mettiamocelo in testa non è asilo a livello didattico)… loro sceglierebbero la seconda!!! …e ogni tanto farsi i fatti propri (sarebbero comunque solo tre ore) con il proprio compagno ci sta anche!!! …e infine io sono più favorevole a questa soluzione che dipendere da parenti o amici!

    • Valentina Fanfoni 7 novembre, 2016 at 21:36 Rispondi

      …e poi basta con sta storia che l’asilo è pesante!!! …mica li mandiamo in miniera o a zappare!!! …e poi sta cosa mi fa troppo ridere: chi dice che l’asilo è pesante poi fa fare 2000 attività pomeridiane al proprio figlio !!!!

    • Teresa Melone 7 novembre, 2016 at 22:54 Rispondi

      La sera hanno diritto a stare a casa come ne abbiamo bisogno noi! Un bambino alle21 Max 22 dovrebbe essere a dormire non sbattuto in un asilo per motivi che a loro non interessano. Se poi si lasciano ai nonni o zii allora diventa un altro discorso. L’asilo alla sera non si può sentire.

    • Teresa Melone 7 novembre, 2016 at 22:56 Rispondi

      Se i tuoi figli preferiscono andare all’asilo che stare coi nonni direi che la tua situazione è piuttosto strana e da analizzare.. Mio figlio se gli chiedessi una cosa simile, dai miei suoceri ci volerebbe !

    • Teresa Melone 7 novembre, 2016 at 22:58 Rispondi

      Le attività come le chiami tu ammesso che uno le faccia, rimangono comunque pomeridiane. La sera i bambini hanno diritto a dormire. Ripeto se si lasciano una serata a un affetto o comunque a casa loro è un discorso, asilo mi fa ridere anzi piangere!

    • Valentina Fanfoni 7 novembre, 2016 at 23:29 Rispondi

      Teresa Melone la mia situazione non è strana: le mie bambine alle 21 sono a letto, se gli chiedi di andare da nonni, zii, amici volerebbero da loro senza nessun tipo di problema e farei analizzare altre situazioni… le attività, pur pomeridiane che siano non iniziano prima delle 17, e ci sono genitori che ogni giorno ne fanno fare una al proprio figlio (anche questo è stress)… e poi sono tre ore al mese fino alle 22.30!!!!

    • Emma Guiducci 7 novembre, 2016 at 23:52 Rispondi

      Senti cretinazza saccente e arrogante(teresa), vai a studiare prima di sparare minchiate.
      Quello che un asilo offre a un bambino, tu non potrai mai…. gioco, interazione, esplorazione, condivisione e tanto altro.
      CAPRA! Ma vedi sta buzzurra come deve giudicare…. ma chi sei?che titolo hai?

    • Emma Guiducci 8 novembre, 2016 at 00:29 Rispondi

      I bambini non hanno bisogno di affetto 24 ore su 24….vanno seguiti e lasciati liberi di giocare con altri bimbi…. ma leggete? Ma li avete fatti almeno dei corsi? Se amate tanto i vostri figli dovreste essere informate!
      Piegati per tuo marito e fai del bene alla coppia…. prima che di secondo nome ti venga dato cornelia!

    • Emma Guiducci 8 novembre, 2016 at 00:46 Rispondi

      I detti delle paesanazze mi mancavano….. si guarda solo tuo figlio dorme sereno, gli altri bambini sono soli e infelici!
      Ma suca va!
      Poverina, probabilmente la repressione ti ha portato ad avere astio nei confronti del diverso…..
      Mandalo a scuola tuo figlio, che non credo possa essere all’altezza di insegnare empatia e rispetto.

    • Teresa Melone 8 novembre, 2016 at 00:50 Rispondi

      Pensa a casa tua che alla mia ci penso io tu il rispetto non so se sai nemmeno cos’è basta che rileggi e te ne accorgi da sola. Non ho bisogno di dimostrare a nessuno ne tantomeno a te di chi sia mio figlio. Non mi interessa pensa ciò che vuoi sei liberissima ma usa termini più educati almeno coi bambini che non c’entrano niente. Io non mi sono permessa di parlare del tuo. Buonanotte Emma.

  4. Emma Guiducci 7 novembre, 2016 at 22:47 Rispondi

    Alle mamme che si ergono a giudici, sostenendo che i figli non li devono crescere gli altri, o che dicono “ma che li fate a fare se poi li sbolognate”, ecco a queste consiglio delle attività mirate al loro sviluppo cognitivo e raggiungimento di un po di autostima.
    Un cordiale MABBAFFANCULO!

  5. Ginevra Scotti 8 novembre, 2016 at 00:59 Rispondi

    Eh si dai parcheggiamoceli tanto lavorando magari c s puo permettere d non stare cn loro neanche la sera lasciandoli dormire sempre che c riescano altrove senza la figura genitoriale ma cn estranei mah…che tristezzaaaaaa

  6. Valeria Leoni 8 novembre, 2016 at 05:53 Rispondi

    Ho già risposto a questo post da altre parti ma ti insultano quando scrivi la tua opinione … e pensare che stiamo in un paese libero, civile e democratico vabbè ….

    A prescindere che non ci vedo niente di male lasciare i figli due ore una sera (anche fosse una al mese) per un cinema o una cena … bisogna considerare tante cose … io per esempio vivevo in una città senza parenti intorno che ti possono aiutare. Se non avessi portato la bimba la mattina al nido non sarei riuscita neanche ad andarmi a cercare lavoro… il mio nido lo proponeva due sere al mese.. chi voleva aderiva dalle 19 alle 22 (quindi non trattasi di stare lì fino alle 03
    Di notte ).. poi, quand’anche avessi avuto i parenti vicini la avrei lasciata a loro per farmi una cena…
    Io non credo che siete tutte mamme contente di farvi succhiare l’anima dai figli, io per me sento che ritagliarmi piccoli spazi non faccio male a nessuno, anzi sto meglio io e mia figlia mi vede serena ….
    A lungo andare i mariti si stufano di stare sempre voi e il figlio , ogni tanto un minimo ci vuole da soli con lui …
    Meditate meditate ….

  7. Valeria Ricciardi 8 novembre, 2016 at 06:41 Rispondi

    Che oltranzismo mamma mia! Al di là dell’iniziativani in sè, buona o meno, cosa ci può essere di sbagliato nel dedicarsi una sera al mese? Io ho 3 bimbi piccoli e aspetto il quarto. Lavoro dalle 9 alle 17 e se UNA SERA A SETTIMANA, non al mese, non la dedicassi a me e al mio compagno o agli amici, sarei alla neuro. La famiglia è come una nave e se il capitano della nave sbarella, sbarella anche la nave. I figli sono la vita ma la coppia è il soffio vitale. E se vacilla o perde integrità, va tutto a ramengo. E no, con sempre i figli dietro la coppia non è coppia. Spiace. Legge di natura e di matematica 😊

    • Annamaria Caliandro 8 novembre, 2016 at 11:53 Rispondi

      No Emma non per una volta ma per alcune è una consuetudine io non giudico per carità ma Non lo si deve fare neanche dall altra parte. ..È solo una questione di carattere io se li lasciò mi sento in colpa altre no tutto qui

    • Emma Guiducci 8 novembre, 2016 at 17:05 Rispondi

      ti senti in colpa per qualche problema tuo…. o perché non l’hai mai fatto.
      Io lo porto ad un baby parking, lui è felice, quando lo prendo non vuole andare via, quello che fa li con me non potrebbe mai farlo, e sinceramente si svegliano pure un po e crescono molto meglio.
      Hai parlato di far crescere soli i bimbi se si lasciano al nido…. crescono più soli se attaccati alle madri che viceversa.

    • Emma Guiducci 8 novembre, 2016 at 17:09 Rispondi

      Avete messo i vostri figli nella condizione di essere vostri schiavi…. è bello? Che non sono autonomi?
      È bello che non potete andare manco in bagno che subito piangono?
      E sento di quelle che si vantano….. mio figlio abbraccia tutti, è socievole e affettuoso. ….. e se permetti è solo merito MIO

    • Annamaria Caliandro 8 novembre, 2016 at 17:28 Rispondi

      I miei figli non piangono se mi allontano sono molto socievoli e autononomi….tieni conto che il secondo ha solo sei mesi…io non contesto il tuo modo di fare quanto la presunzione che i tuoi figli siano educati meglio rispetto ai figli di genitori che fanno scelte diverse dalla tua..

    • Emma Guiducci 8 novembre, 2016 at 17:55 Rispondi

      Non si parla di educazione, si parla di crescita, bisogna documentarsi….
      Leggere e mettere in pratica.
      Io posso parlare sia di un figlio che sta a casa che di uno che va al nido….
      Le altre parlano tanto per…perché chi decide di tenerlo in casa non l’ha mica portato al nido….quindi in base a cosa parlate?

    • Annamaria Caliandro 8 novembre, 2016 at 18:33 Rispondi

      Mia figlia in uno studio medico aspetta pazientemente ed educatamente il nostro turno e di contro sono innumerevoli le serate passate al parco giochi e se esco a prendere un caffè con le amiche lei è serena..devono abituarsi anche a situazioni da adulti non possono sempre giocare e scatenarsi altrimenti quando saremo costretti a portarli saranno ingestibile e la colpa sarà solo nostra!

    • Emma Guiducci 8 novembre, 2016 at 18:41 Rispondi

      Questo è quello a cui ho risposto: Di giorno a lavoro di sera libera uscita e questi poveri piccoli crescono soli. …nel momento in cui si decide di concepire un figlio si deve essere disposti al cambiamento. Se io esco loro vengono con me!
      ….. disposti al cambiamento? È una cosa naturale, ma se io desidero uscire da sola senza mio figlio, non vuol dire farlo crescere da solo. E come sono educati i tuoi, lo è anche il mio di 14 mesi……poi se consideri l’esplorazione del mondo esterno come essere scatenati, allora abbiamo visioni completamente diverse. Detto ciò, tagliala perché è veramente noioso.
      Ma credo che tu voglia avere l’ultima, quindi rispondi pure!

  8. Roberta De Angelis 9 novembre, 2016 at 18:08 Rispondi

    Vergognarsi per cosa!!!?? Uno si deve vergognare di essere ladro assassino e fuori legge non se si concede una sera con il marito!!! Ma cosa cavolo state scrivendo???! Vergognatevi voi della vostra ignoranza!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.