Marsupioterapia: benefici anche dopo 20 anni

marsupioterapia

La Kangaroo Mother Care, ovvero la marsupioterapia, ha effetti positivi a lunga durata, addirittura anche dopo 20 anni.

La marsupioterapia e i suoi benefici effetti

Sappiamo tutte che la marsupioterapia ha effetti benefici sul benessere dei neonati, soprattutto quelli prematuri. È una procedura “skin to skin”, appunto pelle a pelle, che prevede il contatto costante della pelle del nascituro con quella della mamma, proprio come fanno i canguri. Questa cura favorisce lo sviluppo neurologico, psicologico e fisico del neonato e ha ridotto la mortalità neonatale nei Paesi in via di sviluppo.

Secondo una recente ricerca effettuata da un gruppo di studiosi della Kangaroo Foundation di Bogotá, in Colombia, e del Grand Challenges Canada di Toronto, in Canada, e pubblicata su Pediatrics, i bambini che hanno ricevuto la terapia della “KMC” tendono a mostrare un maggiore sviluppo cerebrale e ad essere meno aggressivi, iperattivi e istintivi da adulti.

Marsupioterapia: il sondaggio

I ricercatori hanno monitorato gli effetti della marsupioterapia dopo 20 anni, prendendo in esame 264 ragazzi con un’età compresa tra i 18 e i 20 anni che erano nati prematuri e con un basso peso alla nascita. Alcuni di questi partecipanti erano stati trattati con la KMC, mentre altri erano stati curati in incubatrice.

Il video della settimana

Alla fine del test è emerso che i bambini curati con la marsupioterapia sono stati maggiormente protetti dalla mortalità neonatale rispetto a quelli messi in incubatrice. Inoltre i bambini che avevano ricevuto la KMC si erano assentati meno a scuola e percepivano stipendi più alti.

Il 22% dei giovani curati con la Kangaroo Mother Care erano stati cresciuti in famiglie protettive e unite e dimostravano un’aggressività e un’iperattività del 16% in meno rispetto agli altri.

Per finire, i bambini trattati con la marsupioterapia presentavano un cervello più grande, con maggiore materia grigia, corteccia cerebrale e caudato sinistro - che svolge un ruolo chiave per la memoria - e un quoziente intellettivo più alto rispetto a quelli tenuti in incubatrice.

11 commenti

Rispondi a Valeria Pellegrin Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.