Morte di un animale domestico: come aiutare il bambino ad affrontare il lutto

morte-di-un-animale-domestico-come-aiutare-il-bambino-ad-affrontare-il-lutto

La perdita di un animale domestico è sempre un immenso dolore per tutta la famiglia. I nostri amici a quattro zampe diventano parte integrante della nostra quotidianità e sono presenze silenziose ma costanti in tutti i momenti della giornata.

La durata della loro vita però è molto più breve rispetto a quella di un umano, quindi prima o poi arriva il triste momento della loro dipartita. Un adulto ha molti più strumenti per elaborare il lutto e per attuare strategie di compensazione, ma per un bambino può essere molto difficile capire come mai il suo compagno di giochi e coccole non sia più accanto a lui.

La sua reazione all'evento può essere più o meno forte, a seconda della frequenza delle interazioni con l'animale e in base al modo in cui esso è venuto a mancare; in ogni caso si tratta di un vero trauma che va gestito adeguatamente. Esperti psicologi dell'età evolutiva offrono consigli e strategie di base, adatte ad ogni bambino, che riportiamo di seguito.

Dire sempre la verità sulla morte dell'animale

Inutile inventare storie fantastiche su possibili viaggi da parte dell'amico a quattro zampe o di allontanamenti temporanei nella speranza che il piccolo dimentichi.

I bambini non dimenticano mai le loro principali fonti di affetto e raccontare loro simili fantasie può scatenare inutili illusioni sul possibile ritorno dell'animale; inoltre i bambini potrebbero imputare a se stessi la causa dell'allontanamento e provare devastanti sensi di colpa.

Prendete invece da parte il piccolo e con parole semplici e amorevoli dite che l'animale è volato in cielo, ma che ha comunque vissuto una vita felice grazie alle coccole che lui gli ha dedicato.

Permettete di elaborare il lutto attraverso lacrime e domande

Il dolore per essere eliminato va prima vissuto; per questo, anche se è doloroso vedere vostro figlio piangere, lasciate libero sfogo alle sue lacrime. Reprimere infatti simili manifestazioni non elimina il disagio, anzi lo farà esplodere in seguito in maniera più violenta o con comportamenti problematici.

Accogliete quindi con amore e comprensione il dolore del bambino e se vi chiede spiegazioni o domande sulla morte del suo amico peloso rispondete sempre con onestà e pazienza. Anche se gli interrogativi possono essere ripetitivi o ingenui, non giudicateli mai e cercate di risolvere i loro dubbi sull'accaduto.

Continuate a parlare dell'animale e create un album dei ricordi

Per quanto sia importante che il bambino capisca che il proprio animaletto domestico non c'è più, è importante comunque dargli una collocazione.

Rassicurate il bambino dicendo che ora si trova in un posto bello e gioioso e che comunque resterà sempre nel cuore di chi lo ha amato. Non fate finta quindi che l'animale non sia mai esistito, bensì a fasi alterne, ricordate le sue caratteristiche più dolci e buffe e rievocate i bei momenti condivisi insieme.

Potreste anche creare un album di fotografie del vostro animale domestico e coinvolgere il bambino nella scelta delle migliori istantanee. In tal modo il distacco non sarà drastico ma graduale e il bambino imparerà il potere arricchente e lenitivo del ricordo.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.