Nichi Vendola papà grazie all'utero in affitto: è nato Tobia Antonio

nichi-vendola-papà

Nichi Vendola, presidente nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà, e il compagno Ed Testa (di 20 anni più giovane) hanno appena avuto un figlio, Tobia Antonio, grazie alla tecnica dellutero in affitto.

Sulla scia delle polemiche che sono sorte intorno al recente ddl Cirinnà e in seguito agli accesi dibattiti sulla spinosa questione della stepchild adoption, la neo-paternità del politico pugliese è immediatamente diventata un caso politico.

Basti pensare che il leghista Matteo Salvini in un tweet ha scritto che la scelta di Vendola sarebbe stata un atto di disgustoso egoismo. D’altra parte non sono mancati sul web offese e insulti da parte di un numero consistente di detrattori.

A detta di Vendola: “Quelli che insultano e bestemmiano nei bassifondi della politica e dei social network mi ricordano quel verso che dice: “ognuno dal proprio cuor l’altro misura” (anche se capisco che citare Dante non faccia audience)”.

Purtroppo in Italia, come spesso accade, neppure di fronte alla nascita di un innocente (a prescindere dalla modalità con cui è venuto al mondo) si ha il buon gusto di tacere e di riservare ad altre sedi un dibattito squisitamente politico che nulla ha a che fare con la gioia che dovrebbe accompagnare questo straordinario evento.

In Italia Vendola non è il padre legale del piccolo Tobia

Il piccolo, nato in California grazie alla pratica della maternità surrogata, gode di ottima salute ma, per il momento, è riconosciuto legalmente come figlio della coppia Vendola-Testa solo in America. Nel nostro Paese, invece, a causa del fallimento della stepchild adoption sarà possibile solo riconoscere il suo padre biologico, ovvero Ed Testa.

Se ci è permesso muovere una critica bonaria all’ex governatore della Puglia, del tutto apolitica e priva di intenti moralistici, vorremmo chiedergli: perché tra tanti splendidi nomi al mondo ha deciso di chiamarlo proprio Tobia?

244 comments

    • Ila Lally 29 febbraio, 2016 at 23:12 Rispondi

      La madre NON è madre, ha solo donato l’utero. L’ovulo è di una donatrice, uguale ai donatori di oociti e spermatozoi usati da tante coppie eterosessuali che non possono avere figli. In Canada,dove tutto ciò è avvenuto, e non in California, le donne in questione devono avere una situazione economica più che dignitosa e avere almeno due o tre figli propri e gli unici soldi che prendono sono quelli necessari durante la gravidanza per visite o altro. Si parla di scelta, quando l’aborto è diventato legge lo slogan era: l’utero è mio e decido io, niente di diverso da ciò che accade ora.

    • Ludovica Sette 1 marzo, 2016 at 00:21 Rispondi

      Mi spieghi il significato della frase”la madre non é madre ma ha solo donato lutero??? ” anche se l’ovulo é stato donato..chi l’ha nutrito fino al compimento della gestazione? Di chi sarà il sangue che darà vita a quel piccolo grumulo di cellule e che poi, trasformandosi, sarà il sangue del piccolo? Chi l’ha tenuto dentro di se per nove mesi proteggendolo e sentendolo muoversi? Chi ha affrontato il parto? Chi produrrà il latte di cui avrebbe bisogno il bimbo e che invece gli verrà negato? Questi sono solo alcuni degli aspetti fisici e psicolocigi che fanno capire che, anche in questi casi, la madre é la madre!! Se poi ci si vuole attaccare a qualsiasi cosa, pure agli specchi, x dare diritti forzati contro natura e fare andare bene qualsiasi cosa x questo irritante falso buonismo…allora..faccio spallucce..e mi arrendo di fronte a tanto egoismo!!!

    • Rosa Monalisa Alisi 1 marzo, 2016 at 16:08 Rispondi

      Ila lally abbiamo idee completamente opposte. Non si può sostenere un capriccio del genere..qua non si tratta di scelte ma si tratta di natura! Dio ci ha creati uomini e donne per poter procreare. Al di là di tutte le brutte cose che accadono comunque non si può andare contro natura. Amatevi si, sposatevi pure ma per favore i bambini sono un dono di Dio!

  1. Marika Collavini 29 febbraio, 2016 at 20:11 Rispondi

    Non riesco a dire se sia giusto o sbagliato, alla fine ci sono tanti cattivi genitori pur essendo uomo e donna, ma non riesco a non pensare che sia una cosa contro natura perciò forse tanto giusta non è….

  2. Imma Montieri 29 febbraio, 2016 at 20:21 Rispondi

    Ch’è, non ci resta che piangere!!!! Ora i figli non sono più un atto d’amore tra il papà e la mamma , ma un assegno
    pagato , come merce comprata!!! :La civiltà non va avanti ma indietro:

  3. Imma Montieri 29 febbraio, 2016 at 20:25 Rispondi

    Hanno tolto anche il diritto al bambino di chiamare, mamma o papà….. Che centra la cattiveria genitoriale ..con l’immoralità della nascita è non dare al bambino la gioia di chiamare , mamma è papà!!!

    • Nicoletta Atzeni 29 febbraio, 2016 at 23:23 Rispondi

      I figli imparano ad amare chi li cresce! Che siano i nonni, gli zii i cugini o i fratelli… ma quando vengono adottati amano i loro genitori che sono tali a tutti gli effetti! È vero che sarebbe meglio levare i bimbi già nati dagli orfanotrofi ma sai che iter ingiusto bisogna fare? una coppia etero sposata e sana e anche ricca ha qualche chance… ma tutte queste persone che si amano come gli altri non hanno il diritto neanche di far domanda allo stato per salvare un bambino! L’Italia obbliga a cercare alternativa altrove..e in altri modi! Comunque nessuno chiede di essere messo al mondo ¡¡ questo bimbo è nato perché loro lo volevano!

  4. Silvia Prosperi 29 febbraio, 2016 at 20:32 Rispondi

    Che schifo in tutti i sensi. Stiamo togliendo la cosa più naturale che esiste al mondo la mamma al proprio bimbo. Coloro che vogliono figli, matrimonio o non matrimonio, si fanno in due uomo/donna e chi, o per scelta o altro, devono rinunciare a ciò che non è possibile avere per natura… D’altronde non si può porre riparo a tutto e avere tutto… Adesso più che mai abbiamo toccato il fondo con le “mamme surrogate”.

  5. Alessia Zanetti 29 febbraio, 2016 at 20:40 Rispondi

    dimentichiamo come si concepiscono i bambini? Lasciamo stare quello che la scienza ha ” cambiato “, parlo della natura. Un uomo e una donna.Lasciamo stare che poi nel corso della vita un bambino possa crescere orfano di uno dei genitori, e che quindi poi una delle due figure venga a mancare. Se due uomini, se due donne si voglio amare bene nessuno glielo può impedire e io non sono certo contraria ma un figlio e’ della sua mamma e del suo papà ! Un figlio appena nato cerca il seno della mamma…. Un figlio non può essere un capriccio di questa società malata.

  6. Silvia Prosperi 29 febbraio, 2016 at 20:46 Rispondi

    E poi aggiungo, lasciando perdere altre situazioni, tipo maltrattamento violenza e dietro a quante altre cose ci si vuole giustificare che poi grazie al cielo sono in netta minoranza rispetto alle famiglie per bene che esistono, voglio dire che solo una madre sa e riesce ad avere tutta la pazienza del mondo e a sacrificarsi in pieno per i propri figli, e lo dico in senso generale, che noi Madri sappiamo cosa significa essere una MADRE.

  7. Iveta Cicmancova 29 febbraio, 2016 at 21:03 Rispondi

    Amore? Ma quale amore? Di chi? Verso chi? Voi stessi casomai… Potevate tranquillamente prendervi cura di qualche bambino orfano e bisognoso. Giá é molto triste sentire notizie su neonati abbandonati ma togliere ad un neonato la sua mamma come avete fatto voi mi dá il voltastomaco. X un neonato la mamma é il suo universo ha bisogno del suo odore battito del cuore e amore. Il biberon lo puo dare chiunque, certo, ma cosi si fa con le bestiole, non con gli esseri umani. Povera creatura, mi fa veramente pena…

    • Ila Lally 29 febbraio, 2016 at 23:25 Rispondi

      In Canada (perché è nato in Canada non in California) le donne che mettono a disposizione l’utero (l’ovulo proviene da una donatrice) devono per legge avere una situazione economica più che dignitosa e aver avuto almeno due o tre figli propri. I soli soldi che ricevono sono per le.visite e le necessità della gravidanza. Informarsi prima di sparare sentenze.
      Ah…la prossima volta che vedete una cagna che allatta cuccioli di gatto o altri allattamenti interspecie invece di commuoversi e dire “Oooh che teneri” pensate che sono contronatura e uno schifo assoluto.

    • Lucia Saba 1 marzo, 2016 at 00:32 Rispondi

      Ila Lally perché una donna in una buona condizione economica , con dei figli naturali , dovrebbe rinunciare a curarsi della creatura che è cresciuta nel suo grembo per nove mesi ?
      Chiedo , senza polemica … Sono una mamma e non riesco a capacitarmene.

    • Lidia Filomena Albanese 1 marzo, 2016 at 08:10 Rispondi

      Perché non è vero che funziona così, in Inghilterra per esempio la legge permette l’utero in affitto solo come forma altruistica ovvero senza compenso e nonostante ciò le famiglie che decidono di avere figli con questo metodo scelgono di farlo altrove, ci sarà un perche? Ila Lally dovrebbe leggere tutto ed essere realmente informata prima di dire che sono gli altri a sparare sentenze

    • Sara Cislaghi 1 marzo, 2016 at 10:08 Rispondi

      Ila Lally lo dico senza polemica : un conto è l’allattamento, un conto è la maternità. Sono due cose differenti secondo me. Le balie sono sempre esistite e nessuno si scandalizza. Ma da mamma trovo difficile pensare che una donna possa per pura ideologia portare in grembo un figlio e rinunciare ad esso con freddezza e lucidità. E se anche fosse per il bimbo che arriva non è la stessa cosa! Non vedo nessun amore in questa pratica. Non è perché è Vendola. Penserei lo stesso se si trattasse di una coppia di sessantenni etero. Trovo sia una pratica crudele e non capisco perché non abbiano deciso di tentare un’adozione.

    • Donatella Sanna 1 marzo, 2016 at 14:10 Rispondi

      Dite dite, eppure ci sono donne che vendono i figli, per soldi, donne che fanno prostituire i figli , per doldi, ma vorrei sapere cos’è che non credete o capite, ci sono donne che lo fanno. Punto e basta.

    • Lucia Saba 1 marzo, 2016 at 14:50 Rispondi

      Donatella Sanna hai detto bene , le prime lo fanno per soldi , ma se chi “affitta” non lo fa per soldi , è curioso sapere perché lo fa .
      Io , dopo le gravidanze, non avrei rinunciato ai miei figli neppure per la mia stessa vita , non arrivo a capire quale ragione possa spingere una donna a rinunciare al profumo del neonato che è vissuto in lei per nove lunghissimi mesi .
      Poi sul “punto e basta” ne potremmo parlare a lungo.

    • Arren Innocenti 1 marzo, 2016 at 20:05 Rispondi

      Credo che siano semplicemente scelte signora lucia salba.. Come esistono donne che SCELGONO DI NON AVERE FIGLI. Sono SCELTE che nn dovrebbero riguardare NESSUNO se non i diretti interessati. Lei sceglie di non farlo nn se ne capacita ed è liberissima di pensarla così. Ma nn possiamo negare il diritto ad altri di poterlo fare. Ogni persona direttamente coinvolta in tale pratica ha le sue motivazioni e nessuno di noi avrebbe il diritto di giudicare.

    • Iveta Cicmancova 1 marzo, 2016 at 20:30 Rispondi

      Sono d’accordo che ogni individuo debba avere diritto a determinate scelte. Ma non sono d’accordo se tali scelte ledono diritti altrui. Alla fine chi ci rimette e chi soffre di più è il bambino. Quello che mi sconvolge in questa storia è la predeterminazione e la freddeza dei coinvolti. Certo, molti bimbi vengono abbandonati dalle madri ma “accordarsi” e compiere questo gesto di estrema crudelta é disumano. Non c’entra che siano gay, la penso così a prescindere.
      In questo momento allattando il mio tesoro di 8 settimane e penso al piccolo Tobia che si nutre di biberon datogli da chissa chi, uno dei padri o qualche altro parente. Chi di loro puo affermare di amarlo come solo una mamma vera puo amare? Chi di loro ha l’istinto materno che solo noi mamme abbiamo? Chi lo saprà consolare quando avra le colichette, i dentini, gli incubi notturni ecc… Non mi ritengo insostituibile perche alla fine lo siamo tutti ma la mamma è sempre la mamma…

    • Arren Innocenti 1 marzo, 2016 at 20:58 Rispondi

      Iveta Cicmancova ma signora… A me le colichette notturne me l ha fatte passare mia nonna mio padre biologico inesistente dal primo compleanno. Sono stata cresciuta da tutti tranne da chi m ha messo al mondo. Son venuta su bene lo stesso. Una persona normale, che lavora e ha una vita tranquilla. Insomma si goda la sua fortunata maternità e lasci vivere questa gioia anche a chi per tanti motivi questa fortuna nn l ha potuta avere.

    • Iveta Cicmancova 1 marzo, 2016 at 21:09 Rispondi

      Ma x carità io non voglio toccare nè offendere nessuno. Io e mio fratello siamo stati allattati col biberon e siamo vivi. La mia era solo una riflessione su come deve essere la vita…

    • Filippo Simoncini 2 marzo, 2016 at 00:48 Rispondi

      Sara Cislaghi Perchè l’adozione è un gesto d’amore ed è un’opera di bene e di altruismo. Roba per gente che vola alto. A vendola invece serviva qualcosa per fare chiasso. I politici per i propri interessi sono capaci di fare danni smisurati.

    • Filippo Simoncini 2 marzo, 2016 at 00:48 Rispondi

      Sara Cislaghi Perchè l’adozione è un gesto d’amore ed è un’opera di bene e di altruismo. Roba per gente che vola alto. A vendola invece serviva qualcosa per fare chiasso. I politici per i propri interessi sono capaci di fare danni smisurati.

  8. Conny Ascione 29 febbraio, 2016 at 21:31 Rispondi

    Penso a questo piccolo appena nato da una mamma che lo ha venduto al miglior offerente,tra le braccia di due sconosciuti che seppur volenterosi di amarlo non possono geneticamente dargli ciò di cui un neonato ha bisogno,almeno nei primi mesi di vita.Non lo trovo giusto…x me che sono mamma è molto triste!

  9. Raffaella Di Monte 29 febbraio, 2016 at 21:52 Rispondi

    Assolutamente contraria a qualcosa che va contro natura….un neonato non e un giocattolo x soddisfare l’egoismo degli esseri umani…se avevano tanto amore da donare potevano adottare un orfano in questo modo da con una possibilità di riscatto a un bimbo con un brutto passato e solo…

  10. Monia Santarelli 29 febbraio, 2016 at 22:05 Rispondi

    Si deve vergognare la donna disposta a questo!! Parlo da mamma… Ma come può una donna portare in grembo x 9 mesi una creatura, sentirlo muovere, partorirlo e poi venderlo?? Mi spiace ma non concepisco affatto questo comportamento e non capisco come possa essere legale.

  11. Teresa Sgarlata 29 febbraio, 2016 at 22:09 Rispondi

    Non ho nulla contro gli omosessuali…….ma che si facciano la loro vita e non mettano in mezzo povere creature che non c’entrano nulla e di sicuro hanno bisogno di una Mamma e di un papà….VERI…..ne affittati ne comprati! E.piu forte di me non lo condivido e BASTA!!!

    • Ila Lally 29 febbraio, 2016 at 23:14 Rispondi

      In Canada (perché sono andati in Canada non in California) le donne che offrono il proprio utero (perché l’oocita è donato da una seconda donna) devono avere una situazione economica più che dignitosa e avere almeno due o tre figli propri. I soli soldi che ricevono sono per le visite e le necessità della gravidanza. Informarsi prima di sparare sentenze.

  12. Rafaella Atzeri 29 febbraio, 2016 at 23:01 Rispondi

    vergogna…..schifo…..ma perché non pensate alla nuova vita?come è nata?chi è la mamma?non si sa,ma ormai è al mondo…e ha solo bisogno di cure e affetto.
    detto ciò,io non condivido questa pratica,ma vedere due persone pronte a dare tutto il loro amore a un neonato può solo farmi piacere…non vedo proprio come possa suscitare schifo o vergogna

    • Imma Montieri 1 marzo, 2016 at 08:47 Rispondi

      Perché sentirsi , famiglia quando famiglia non sono, inconsciamente anche loro lo sanno di vivere una normalità che non c’è ,, è ecco l’imposizione di avere un figlio.. Formando un imitazione di famiglia,, il bambino avrà due papà? O uno di loro si trasformerà in mamma ??
      O toglieranno al bambino la gioia del creato di chiamare” mamma o papà!! “. Non è schifo ma, depravazione della specie!!! Mi fanno ridere quando dicono pensiamo al bambino ch’è nato. Alla gioia della sua venuta, nato dall’amore! Quale amore quello dell’egoismo è dei soldi……..in tutto questa ” inciviltà”. Il bambino è la vera ” vittima ” inconsapevole della presunzione E EGOISMO umano. , il vero agnello sacrificale di due” UOMINI “……

  13. Gilda Boggi 29 febbraio, 2016 at 23:02 Rispondi

    Questa non è adozione ma compravendita di uteri…di bambini…che vergogna con tutti i bimbi abbandonati soli che ci sono al mondo ed avrebbero bisogno di amore oltre a tutto il resto….e questi soggetti vogliono insegnare a noi Cos è la moralità….

  14. Dèsirèe Di Maggio 29 febbraio, 2016 at 23:19 Rispondi

    Se si vuole fare il genitore perché lo si sente dentro allora non c e sesso che tenga sono d’accordo a dare a tutti la possibilità di AMARE
    Un bambino cerca quello
    Non capisco ricorrere alla maternità surrogata quando nel mondo orfanotrofi sono pieni di bambini che cercano solo AMORE

  15. Luigi-lucia Paglia 1 marzo, 2016 at 00:13 Rispondi

    È uno schifo….io mi preoccupo x le generazioni future crederanno ke amare una persona del suo stesso sesso sia normale x non parlare di voler fare figli con madri in affitto… Dio ha creato la donna è l’uomo x amarsi e fare figli capisco ke x molti non sia così e non critico i gusti sessuali degli altri xke ognuno è libero di amarsi come vuole non mi fa piacere ma lo accetto xo i bambini non adottateli e non fateli nemmeno con madri surrogate

  16. Nicoletta Chiesi Bartoletti 1 marzo, 2016 at 02:35 Rispondi

    É insopportabile, é un bambino strappato dalle viscere della propria mamma… Si la propria mamma quella ke l ha nutrito x 9 mesi, ke si é presa cura d lui, quella che lui riconosce fin da subito dall odore…quella che appena nasci lui ha l istinto di attaccarsi al suo seno…inconcepibile ai miei occhi il discorso d madre surrogata.

  17. Daniela Matta 1 marzo, 2016 at 06:38 Rispondi

    Il figlio è il figlio naturale di Ed che quindi è il suo padre biologico. Tobia starà bene e non è stato adottato è solo figlio di uno solo dei due. So che Tobia magari non verrà allattato per 2 anni ma ci sono tanti bimbi che potrebbero essere allattati e le cui mamme per scelta non lo fanno

  18. Natalina Pecorelli 1 marzo, 2016 at 06:56 Rispondi

    I figli nascono in una coppia formata da un duomo e una donna..la coppia in questione è formata da due uomini e la creatura è nata con l aiuto di una mamma in affitto..ognuno è libero di vivere la propria sessualità come vuole ma….ma fare un figlio in questo modo non è Amore ma un gesto di puro Egoismo e Arroganza

  19. Domenica Sarlo 1 marzo, 2016 at 07:23 Rispondi

    Non c’è che piangere. Ora stiamo arrivando a comprare e i figli e non piu a farlo essere un atto d’amore tra un uomo e una donna.
    scudate tanto ma a me indigna molto questa cosa..
    Non si rispetta piu la natura non c’èmai fine al peggio

  20. Cassidy McCormack 1 marzo, 2016 at 07:55 Rispondi

    Io schifo e vergogna li sento solo nei confronti di quella donna che, per soldi o no, ha dato via il proprio bambino senza battere ciglio. Il bambino crescerà bene, non è la parola mamma o il latte materno che gli mancheranno, tantomeno l’affetto. L’onta che si porterà addosso invece sarà quella di essere stato generato da una donna che ha rinunciato a lui, che non l’ha voluto, che ha rinunciato volontariamente a farsi chiamare mamma, ad amarlo e a nutrirlo. Per i suoi due papà potrà essere solo riconoscente per averlo accolto nella loro vita, cosa che non ha fatto quella sconsiderata di sua madre.

  21. Laura Balza 1 marzo, 2016 at 08:15 Rispondi

    premetto che non ho niente contro le unioni gay ma questo, scusate, non lo tollero. Perche non ne hanno adottato uno? Con tutti quei poveri piccoli che aspettano di essere adottati loro hanno affittato un utero!! Per me non è un atto d’amore ma di puro egoismo! (parere molto molto personale)

  22. Antonina La Sala 1 marzo, 2016 at 09:04 Rispondi

    Orrore hanno tolto,a quel bimbo, la figura più importante nella vita di ognuno di noi, quella della mamma!Torniamo a dire che la normalità esiste e a pensare che il senso del pudore è un sentimento importante nella società odierna che per anni continuando a pensare che la normalità non esiste e non avendo più senso del pudore è andata allo sfacelo in quanto ormai tutto è concesso.Adesso BASTA!

  23. Teresa Migliaro 1 marzo, 2016 at 09:51 Rispondi

    Che le coppie omosessuali debbano avere gli stessi diritti di una coppia etero è giustissimo….ma un figlio no…..ma penso anche un’altra cosa che noi non siamo nessuno per giudicare…diamo la parola ai figli di coppie omosessuali…..

  24. Adriana Basile 1 marzo, 2016 at 09:55 Rispondi

    Vergogna…..vergogna vergogna……potrei dirlo all’infinito!non so se fanno schifo più loro che pagano per avere bambini,le donne che accettano soldi per procreare un bambino,o la legge che dovrebbe prendere questo bimbo appena mette piede in Italia e darlo a chi davvero non può avere figli per problemi seri…..una coppia etero…..

  25. Roberta Pierotti 1 marzo, 2016 at 10:35 Rispondi

    I BAMBINI NN SI COMPRANO!!!!!VERGOGNATEVI!!!!MA KE PAESE DI MERDA È QUESTO…INSOMMA IO DONNA NN POSSO ALLATTARE IN PUBBLICO, E MI DEVO VERGOGNARE PER QUESTO E VOI VI COMPRATE I FIGLI?????????? VA TUTTO BENE? PER ME NO!!!!

  26. Elena Combi 1 marzo, 2016 at 11:12 Rispondi

    Non mi piace assolutamente questa storia… se tra uomini o donne si vogliono amare, sposare ec… ok liberi di far quel che vogliono!! ma comprare una vita no! se non si può procreare basta! non si può!!

  27. Alessandra Schiavone 1 marzo, 2016 at 11:54 Rispondi

    E’ l’egoismo che porta a tutto ciò! C’è un perchè il sole sorge e tramonta, c’è un perchè la donna genera e l’uomo no. E’ la natura! ma l’uomo è bravo a distruggere ogni cosa, anche la magnificenza della maternità e della natura. E quelle poveracce che si vendono così…ne vogliamo parlare, poverine!

  28. Alessandra Schiavone 1 marzo, 2016 at 11:54 Rispondi

    E’ l’egoismo che porta a tutto ciò! C’è un perchè il sole sorge e tramonta, c’è un perchè la donna genera e l’uomo no. E’ la natura! ma l’uomo è bravo a distruggere ogni cosa, anche la magnificenza della maternità e della natura. E quelle poveracce che si vendono così…ne vogliamo parlare, poverine!

  29. Alessandra Schiavone 1 marzo, 2016 at 11:54 Rispondi

    E’ l’egoismo che porta a tutto ciò! C’è un perchè il sole sorge e tramonta, c’è un perchè la donna genera e l’uomo no. E’ la natura! ma l’uomo è bravo a distruggere ogni cosa, anche la magnificenza della maternità e della natura. E quelle poveracce che si vendono così…ne vogliamo parlare, poverine!

  30. Mary Andthelittle Leo Valpiani 1 marzo, 2016 at 11:56 Rispondi

    Ma non lo sanno che purtroppo ci sono anche bambini o ragazzi da adottare???
    Per me se si vogliono sposare che lo facciano, l’adozione anche non sono contraria. Ma l’utero in affitto è contro natura.
    Questi due si sono comportati come chi vuole un cane perché vuole fare del bene, però lo vuole cucciolo e magari di razza.

  31. Mary Andthelittle Leo Valpiani 1 marzo, 2016 at 11:56 Rispondi

    Ma non lo sanno che purtroppo ci sono anche bambini o ragazzi da adottare???
    Per me se si vogliono sposare che lo facciano, l’adozione anche non sono contraria. Ma l’utero in affitto è contro natura.
    Questi due si sono comportati come chi vuole un cane perché vuole fare del bene, però lo vuole cucciolo e magari di razza.

  32. Mary Andthelittle Leo Valpiani 1 marzo, 2016 at 11:56 Rispondi

    Ma non lo sanno che purtroppo ci sono anche bambini o ragazzi da adottare???
    Per me se si vogliono sposare che lo facciano, l’adozione anche non sono contraria. Ma l’utero in affitto è contro natura.
    Questi due si sono comportati come chi vuole un cane perché vuole fare del bene, però lo vuole cucciolo e magari di razza.

  33. Serena Da Boit 1 marzo, 2016 at 13:21 Rispondi

    Un bambino nasce grazie ad una madre…. e cresce grazie ad una madre…. solo una disgrazia può cambiare questo corso a mio avviso…. due uomini sono liberissimi di amarsi… ma se non riescono a concepire un figlio ci sarà un motivo no?

  34. Marta Malvezzi 1 marzo, 2016 at 13:47 Rispondi

    Cosa penserà questo povero bimbo quando a 10 anni si renderà conto di essere stato “comprato” come un qualsiasi altro oggetto? Questa non è adozione, questo è mercato. Massima stima ancora una volta per Alfonso Dolce

  35. Gina Sanna 1 marzo, 2016 at 14:10 Rispondi

    Ma andate a cagare pervertiti e lasciate vivere a quella creatura una vita Serena,egoisti ,certo con i quattrini si possono acquistare anche i bambini.siete da arrestare.

  36. Rossana Berta 1 marzo, 2016 at 15:19 Rispondi

    L’importante è che il piccolo Tobia ricevi amore… Che importa se donato da due maschi, da due femmine o da maschio e femmina? C’è così bisogno d’amore che anche questo va bene!

  37. Mary Marilungo 1 marzo, 2016 at 15:26 Rispondi

    che penso? che speravo di non trovare mai questo articolo in questo gruppo. adesso mi potete dare addosso come volete ma io sono una mamma e una donna e solo il pensiero di rivivere i miei 9 mesi e poi dare il piccolo che è vissuto in me a 2 persone estranee mi fa rabbrividire. umiliante per la donna e deplorevole per i neo-genitori (etero/omo che essi siano)

  38. Natascha Von Arx 1 marzo, 2016 at 15:37 Rispondi

    Molti dicono: “l’importante che riceva amore!” Ma come può ricevere amore se é stato cresciuto in un utero che lo ha venduto per essere comprato da chi crede che bastano i soldi per comprarsi una vita di un essere che la Natura non da loro! In nome di quale amore ci si arroga il diritto di porsi al di sopra della Natura?? AMORE é RISPETTO PER LA VITA INNANZITUTTO!

  39. Angelo Stabilini 1 marzo, 2016 at 15:42 Rispondi

    Ecco qui colui che nel rispetto delle leggi Italiane era ed e’ deputato Italiano, governatore della Puglia e ricco Americano che puo’ comprarsi un bambino sottraendolo di fatto alla mamma…….. E’ con questo sistema, I SOLDI che si comprano anche organi umani sottratti ai poveri bambini migranti che sono spariti.

  40. Carmen Grasso 1 marzo, 2016 at 16:35 Rispondi

    Io non ho mai parlato di adozione, esistono molti modi per dare amore a dei bimbi bisognosi, esistono istituti dove anche una carezza può fare la differenza. Hai 135 mila euro da dare bene sai quanti istituti sono al collasso per non poter espletare i servizi dovuti, fai una donazione e non usufruira’ solo un bimbo ma molti.

  41. Tanyapakyalberto Iuliano Zuna 1 marzo, 2016 at 17:19 Rispondi

    Non ho parole….x me le coppie gay possono stare insieme…possono sposarsi e vivere insieme ma i bambini no!!!!ke esempio darete a questa povera creatura.?chi chiamerà mamma e papà… Un piccolo nascituro ha bisogno del calore della mamma…proprio quello ke ha sentito durante i 9mesi nel suo grembo….no non ci sto….x me è vergognoso….!!!SN una mamma e non lo ammetto!!!!

  42. Maria Macrì 1 marzo, 2016 at 18:07 Rispondi

    Penso sia squallido. Togliere un.bimbo dalla sua mamma é un atto di puro egoismo .
    Se vogliono stare insieme e vogliono amarsi nessuno glielo nega, ma volere un figlio a tutti i costi e in questo modo é contro ogni morale.

    • Christian Raiola 1 marzo, 2016 at 20:37 Rispondi

      chi lo fa e’ perche’ e’ disperato, pensa a chi ha affittato l’utero quanti euro ha intascato….. t

  43. Danilo Aurora Falvo 1 marzo, 2016 at 21:28 Rispondi

    Povero figlio. Ho letto che si chiama Tobia il bimbo. La prima cosa che mi è venuta in mente e: nella vecchia fattoria quante BESTIE a Tobia. Questo figlio ne ha proprio tanti. Una cagna per madre che per i soldi la venduto e due porci per padri.mi fate veramente schifo. Ma ci pensate che futuro può avere questa povera creatura

  44. Angela Merolillo 1 marzo, 2016 at 22:38 Rispondi

    Che le coppie omosessuali debbano avere gli stessi diritti di una coppia etero è più che giusto… ma un figlio no!!! È un grande atto di egoismo x soddisfare il proprio ego,nulla più!!!

  45. Filippo Simoncini 2 marzo, 2016 at 00:41 Rispondi

    Vendola per tornare in qualche modo a far parlare di se, essendo il nulla assoluto come politico, ha fatto senza dubbio molto chiasso. S’è sposato un canadese, si è commissionato un figlio il california e ora è di nuovo qui, “padre”, e a parlare di aria fritta. Che pena per il bambino. Non vorrei essere in lui quando avrà sviluppato un pò di coscenza e comprenderà che lui non è nato da due genitori come gli altri, ma è stato ordinato e comprato da due uomini per soddisfare il proprio egoismo.

  46. Filippo Simoncini 2 marzo, 2016 at 00:41 Rispondi

    Vendola per tornare in qualche modo a far parlare di se, essendo il nulla assoluto come politico, ha fatto senza dubbio molto chiasso. S’è sposato un canadese, si è commissionato un figlio il california e ora è di nuovo qui, “padre”, e a parlare di aria fritta. Che pena per il bambino. Non vorrei essere in lui quando avrà sviluppato un pò di coscenza e comprenderà che lui non è nato da due genitori come gli altri, ma è stato ordinato e comprato da due uomini per soddisfare il proprio egoismo.

  47. Anna Liberti 2 marzo, 2016 at 08:11 Rispondi

    Io non riesco a capire perché devono andarci di mezzo sempre i bambini su tutte le scelte di noi Grandi {se così possiamo definirci}… se io so perfettamente che essere gay e so che sono contro natura x avere un bambino mio xché non l’adottano un piccolo invece di farselo fare come se fosse un bambolotto a sua scelta? Ci sono tanti di quei poveri piccoli che hanno tanto bisogno d’amore che mi viene inaccettabile sta cosa… io sono con i gay amo qst persone ma non accetto che devono comprarsi un bimbo come loro desiderano… no questo no… devono capire che la loro natura non può dargli un bambino… facile comprare tutto con i soldi…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.