“Perché Dio non ha moglie?”: le domande dei bambini

domande bambini religione

Nell'ora di religione i bambini fanno tante domande: per questo motivo Andrea Gironda ha raccolto in un libro quelle più assurde e divertenti.

Le curiosità dei bambini nell'ora di religione

I bambini sono la bocca della verità e questo si sa e le loro domande ingenue e spiazzanti fanno sorridere, perché in fondo sono quelle che vorremmo fare un po' tutti.

Sono richieste per capire come funziona il mondo e per comprendere come utilizzare le regole che gli diamo ogni giorno. I piccoli trovano terreno fertile soprattutto quando si tratta di religione: le richieste di capirci qualcosa sono tantissime, alcune divertenti, altre profonde.

Quella spirituale è una dimensione difficile da interpretare; l'unico strumento che hanno è il loro affidarsi totalmente alle parole degli adulti e alle loro spiegazioni. Per questo Andrea Gironda, maestro di religione, nel libro "Anche i pidocchi vanno in paradiso" ha raccolto le domande più curiose dei bambini per provare a rispondere all'immenso mistero di Dio in modo semplice.

Il video della settimana

Le domande più divertenti dei bambini su Dio

Quali sono le domande più frequenti e curiose dei bambini?

I piccoli vogliono sapere Dio da chi è nato, quanti anni ha, perché non ha moglie e poi vogliono capire anche di colore aveva i capelli Gesù o se il Papa ha un gatto.

Ma si interrogano anche su questioni più profonde: "Perché ci innamoriamo?" "Perché siamo nati?" "Perché Dio ha creato i cattivi?" "Perché esistono le malattie?" "Torniamo in vita con il corpo da vecchi o quello da giovani?" "Dio prova più dolore per un anziano che sta male o per un bambino?".

Infine, ci sono le domande spiazzanti e divertenti: "Anche i pidocchi sono creature di Dio?" "Perché c'è un solo figlio e tante Madonne?"

Non è facile rispondere, il maestro di religione ci ha provato e forse bisognerebbe rivedere il catechismo con gli occhi dei bambini, con la loro sete di sapere.

Quali sono le domande curiose dei vostri bambini?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.