The Rock, uno di noi: la vita di un genitore che non dorme

the-rock-uno-di-noi-la-vita-di-un-genitore-che-non-dorme

L'attore e wrestler americano, Dwayne Douglas Johnson, meglio conosciuto al pubblico con il soprannome di The Rock, ha recentemente pubblicato una foto su Instagram per spiegare quanto sia importante trovare il tempo per giocare con i propri figli, anche quando la stanchezza è tanta e si sono perse molte ore di sonno.

The Rock: il genitore che non dorme per giocare con la figlia

Dwayne Douglas Johnson, divo di Hollywood super pagato e conosciuto per il suo fisico scultoreo e muscoloso, si rivela un padre attento e premuroso. Nell'ultima foto pubblicata su Instagram appare con la figlia Jasmine di 2 anni all'interno della cabina armadio di casa, in cui non ci sono solo abiti ma anche i giocattoli della piccola.

The Rock spiega che la foto è stata scattata dopo un'estenuante giornata di lavoro. L'attore aveva dormito appena tre ore e una volta rincasato sperava di poter riposare. Jasmin, invece, ha deciso di piombare in camera da letto e di saltare addosso al papà supplicandolo di giocare nella cabina armadio. The Rock, pur essendo stanchissimo, decide di accontentare la figlia che alla fine non vuole giocare ma solo tenerlo per mano.

the-rock-uno-di-noi-la-vita-di-un-genitore-che-non-dorme

fonte: INSTAGRAM therock

La vita del papà The Rock

Dwayne Douglas Johnson sa bene che questi momenti un giorno non accadranno più, perché Jasmine crescerà, così come è avvenuto per la figlia maggiore Simone. Alzarsi dal letto per giocare nella cabina armadio potrebbe non essere stato il modo ideale per trascorrere la mattinata, ma The Rock spiega che questo comportamento lo rende vicino alla piccola Jasmine.

Precisa, inoltre, che anche l'American Academy of Pediatrics raccomanda di far giocare i propri figli da soli, con altri bambini ma anche con i genitori. Del resto, sono già state condotte numerose ricerche che suggeriscono alle mamme e ai papà di trovare sempre il tempo per giocare con i propri figli, perché questo li aiuta ad apprendere, ad accrescere la connettività neuronale, ad incoraggiare la socialità e a proteggerli dallo stress.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.