Auguri Telefono Azzurro! 29 anni dalla parte dei bambini

Quest'anno il Telefono Azzurro raggiunge un traguardo importante: quello dei 29 anni di attività.

Nato a Bologna nel 1987 per volontà di Ernesto Caffo, il Telefono Azzurro si poneva l'obiettivo di dare ascolto ai bambini che avevano bisogno di aiuto, mettendo in pratica quel diritto all'ascolto che, solo l'anno precedente, era stato uno dei punti centrali della Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia firmata dalle Nazioni Unite.

Nel 1990 c'era una sola linea, aperta 24 ore su 24. Oggi ce ne sono 30, con 40 operatori specializzati e un alto numero di volontari, che si adoperano per ascoltare tante voci di bambini bisognosi di aiuto.

La ricerca

Un'indagine promossa dall'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza sui casi di maltrattamento di minori in Italia, ha evidenziato che le problematiche più comuni sono: trascuratezza materiale e affettiva, violenza assistita e maltrattamento psicologico.

La ricerca ha evidenziato come i casi di maltrattamento siano più frequenti al Centro e al Sud, con un maggior numero di violenze perpetrate ai danni di bambine e stranieri.

L'appello alle Istituzioni

E proprio in occasione di questo importante traguardo, Telefono Azzurro chiede allo Stato di impegnarsi per realizzare misure d'intervento a favore della tutela dei minori. Tra i punti più importanti dell'appello ci sono:

  • promozione di efficaci misure di sostegno alle famiglie;
  • supportare iniziative di prevenzione e formare il personale docente nelle scuole, per arginare il fenomeno del bullismo;
  • incrementare le iniziative per contrastare la violenza sessuale;
  • destinare risorse per la cura dei disturbi mentali di bambini e adolescenti;
  • attuare misure di tutela per i figli di genitori detenuti;
  • contrattare il gioco d'azzardo in età evolutiva;
  • agevolare la concessione della cittadinanza italiana ai figli di coppie straniere;
  • attivare il sistema di allerta, in caso di scomparsa dei minori;
  • aprire, in Parlamento, un confronto trasversale per trattare le problematiche inerenti l'affido e le adozioni.

4 comments

  1. Effeminate Tidings 20 agosto, 2016 at 13:46 Rispondi

    Want to know about women’s success? If yes, Effeminate Tidings is the answer. It is an interesting page that posts daily stuffs about women especially their great future and dignified ambitions. If interested, take a look into our page and like it. Thanks.

  2. Maria Rita Carozza 20 agosto, 2016 at 22:19 Rispondi

    Anche a me……..Perché deve esistere tanta violenza, sofferenza per i più deboli? Come può un padre, una madre o qualsiasi altra persona scaricare il nervosismo, la rabbia, lo stress su creature innocenti? Non ci sono spiegazioni ma soprattutto non ci dev’essere tolleranza…..

Lascia un commento