"Babbo Natale non esiste": bimbi in lacrime al concerto di Frozen

frozen-babbo-natale-non-esiste

I bambini che hanno assistito al concerto di Frozen all’Auditorium Parco della Musica di Roma hanno ricevuto un’amara sorpresa, che per molti ha sciupato i loro sogni. Emozionati e pronti a godersi lo spettacolo, e a vedere le immagini del film Disney proiettate con l’accompagnamento della colonna sonora suonata dal vivo, hanno ricevuto un finale ad effetto, rumoroso come i tanti applausi ricevuti.

"Babbo Natale non esiste": l’uscita infelice del direttore d’orchestra

Il direttore d’orchestra Giacomo Loprieno a fine spettacolo ha preso il microfono e ha gelato tutti con la sua rivelazione: “Babbo Natale non esiste.

La triste uscita del direttore d’orchestra ha scosso molto gli spettatori dello spettacolo di Frozen organizzato per i bambini. Tutti i commenti negativi sulla pagina ufficiale dell’evento sono stati rimossi, ma i genitori non hanno perso tempo e hanno creato una pagina Facebook dal titolo “Disney Frozen in concert: "BABBO NATALE NON ESISTE".

"Babbo Natale non esiste", le scuse dell’Auditorium

Subito pronte le scuse dell'Auditorium Parco della Musica. "Siamo veramente dispiaciuti per quello che è accaduto a conclusione di questo concerto veramente meraviglioso. Siamo stati informati che il direttore d'orchestra si è scusato subito dopo il concerto con tutti i genitori presenti, sotto il palco e successivamente in biglietteria, per quella che è stata sicuramente un'uscita infelice".

Il direttore d’orchestra è stato sostituito e rimosso dal suo incarico. 

61 comments

  1. Alessandra Kass Forza 30 dicembre, 2016 at 17:15 Rispondi

    Io faccio parte di quella schiera di genitori che non racconta storie inesistenti ai figli…o meglio,quando lo.faccio spiego sempre la differenza tra una cosa vera ed una favola!i miei figli stanno vivendo cmq un’ infanzia meravigliosa pur essendo consapevoli che Babbo Natale esista tanto quanto Peppa e Masha & Orso…
    Ciononostante ritengo inaccettabile il comportamento di questa persona per un motivo importante…spetta sempre ai genitori trovare il momento giusto per spiegare una qualsivoglia cosa….
    Anche io lo scoprii da esterni…la maestra precisamente…tenni dentro per mesi e poi sbottai..
    Non potevo credere che i miei mi avessero mentito per tanto tempo in maniera cosi plateale e mi sono sentita stupida…perché cari genitori…che lo vogliate o no…di una grossa bugia si tratta e presto dovrete giustificarla!!
    Fatelo voi prima che vi preceda qualcun altro!!

  2. Alessandra Kass Forza 30 dicembre, 2016 at 17:15 Rispondi

    Io faccio parte di quella schiera di genitori che non racconta storie inesistenti ai figli…o meglio,quando lo.faccio spiego sempre la differenza tra una cosa vera ed una favola!i miei figli stanno vivendo cmq un’ infanzia meravigliosa pur essendo consapevoli che Babbo Natale esista tanto quanto Peppa e Masha & Orso…
    Ciononostante ritengo inaccettabile il comportamento di questa persona per un motivo importante…spetta sempre ai genitori trovare il momento giusto per spiegare una qualsivoglia cosa….
    Anche io lo scoprii da esterni…la maestra precisamente…tenni dentro per mesi e poi sbottai..
    Non potevo credere che i miei mi avessero mentito per tanto tempo in maniera cosi plateale e mi sono sentita stupida…perché cari genitori…che lo vogliate o no…di una grossa bugia si tratta e presto dovrete giustificarla!!
    Fatelo voi prima che vi preceda qualcun altro!!

    • Valeria Carucci 30 dicembre, 2016 at 18:02 Rispondi

      Non voglio mancarti di rispetto, ognuno ha le sue esperienze. Ma per me non è stato così traumatizzante scoprire la verità su babbo Natale e non ho scambiato quella che era una dolce bugia un tradimento da parte dei miei. Anzi mi ha fatto ancora più tenerezza pensare che mio nonno o i miei zii a rotazione ogni anno si vestivano da babbo Natale per portare i regali a me e alle mie cugine. Infatti poi ho sempre identificato il Natale con l amore e il desiderio della mia famiglia di renderci felici. Ai bambini lasciamoli sognare….avranno tempo per capire e metabolizzare piccole “bugie” non poi tanto gravi no?? 😉 buone feste

    • Alessandra Kass Forza 30 dicembre, 2016 at 18:12 Rispondi

      Le bugie sono bugie punto…
      I bambini vivono uno stato alterato della coscienza fino ad una certa età, per cui sognano cmq a prescindere, senza per forza raccontargli storie!!!
      I miei figli di fronte ad un regalo, specie se inaspettato, fanno invidia a tanti in quanto a reazione…
      Guardano i cartoni, immaginavo di essere super eroi, si travestono, e fanno tutto il resto, ma cmq sanno…e sono bambini felici!!!
      Beata te che non ci sei rimasta male….a me hanno sempre insegnato fin da piccola che i”.bambini bravi non devono dire bugie”…si dice così da parte dei più…eppure me ne è stata confezionata una per tanti anni e ho pure fatto la figura da scema, perché ho sostenuto con fermezza che i miei dicessero sempre la verità!! Bello…
      Perché mai.poi dovresti mancarmi di rispetto…sono punti di vista…

    • Alessandra Kass Forza 30 dicembre, 2016 at 18:15 Rispondi

      Cmq se la reazione di.tanti.bimbi è stata un pianto.disperato…tutto questo.a fin di bene non so.se ci.sia ;-)
      Questi bimbi non la vivranno cosi serenamente e tantomeno.i.loro genitori…
      Ci può stare anche che fino a 3-4 anni si possa esagerare un po’ con la finzione…ma poi si diventa eccessivi!!

    • Alessandra Kass Forza 30 dicembre, 2016 at 18:25 Rispondi

      Nè io mai figlia sua signora!!
      Se queste sono le cose importanti per un.bambino aiuto aiuto…
      Fantasia=creatività non creduloneria!!! Queste cose sono.tradizioni a cui tengono più i genitori…i figli crescono lo.stesso,se amati,sostenuti dalla ed educati!! SONO PICCOLI, NON STUPIDI…RICORDATEVELO!

    • Alessandra Kass Forza 30 dicembre, 2016 at 18:31 Rispondi

      Ma poi voglio dire…la finisca lei…sono punti di.vista…qu esto é il rispetto per la libertà di pensiero che insegnerete ai vostri figli….zittire chiunque abbia un’idea differente??
      Io.non vado a raccontare ai suoi bambini che babbo natale non esiste…nemmeno quando me lo chiedono alla scuola primaria (tristissimo che ancora nessuno abbia rivelato loro come stanno le cose) abbia rispetto delle differenze!!

    • Valeria Carucci 30 dicembre, 2016 at 18:37 Rispondi

      Alessandra Kass Forza la mia premessa era dovuta visto che sui social si fraintendere e si fa polemica per nulla 👍 Sono felice per la reazione dei tuoi bimbi e non sto dicendo che come fai tu fai male. Sto piuttosto dicendo che ognuno ha reazioni diverse davanti ad una realtà edulcorata ma non certo con intenti maliziosi o a fini egoistici. Un genitore che decide di non far fare outing a babbo Natale (lasciami passare un po’ di ironia 😉) non lo fa certo per un rendiconto personale o per recare un danno. Poi ci sono bimbi che ci restano male, anche se non credo sia poi motivo di frequentazione di uno studio psicoterapeutico, e bimbi che la superano alla grande e continuano ad avere lo stesso entusiasmo verso la vita e le sorprese 😉 Come si dice..il mondo è bello perché vario. L importante è non ergersi a giudici e a ritenere i propri modus operandi i migliori. Ancora auguri a chi legge 😊

    • Alessandra Kass Forza 30 dicembre, 2016 at 18:37 Rispondi

      Le ricordo che dire bugie non fa di una persona una bugiarda….se identificassimo tutte le persone con.il.loro comportamento non ci sarebbe soluzione per nessuno…
      Però che lo vogliate o no…quella è una cosa non vera… ;-)

    • Alessandra Kass Forza 30 dicembre, 2016 at 18:42 Rispondi

      E ho.sostenuto anche la non accettabilità del.comportamento di questo direttore d’orchestra….ma alcune hanno voluto spostare il.focus su un discorso valoriale…
      Additando i bambini che non credono a babbo natale a poveri bambini infelici…dov’è il giudizio??
      Io ho solo posto riflessioni sulle azioni…non sulle persone…occhio!! ;-)

    • Sara Caruso 31 dicembre, 2016 at 00:31 Rispondi

      Ci sono bugie e bugie. Questa è stata la più bella bugia che mi hanno mai detto i miei genitori.
      Paragonabile alle bugie che ogni tanto ci si può dire tra innamorati per farsi una sorpresa.
      Certe bugie sono gesti d’amore.
      Libera comunque di educare i figli come crede. Quando mia figlia mi chiederà spiegazioni le dirò che Babbo Natale è come la magia. È un illusione che ci fa sognare… finché non si scopre il trucco!

    • Sara Caruso 31 dicembre, 2016 at 00:46 Rispondi

      P.s.Ricordo che la “rivelazione” avvenne a scuola, me lo disse un’amica. E io non ci feci troppo caso. In realtà mi piaceva crederci e ho sempre pensato che chi si bullava di sapere “tutta la verità”, in realtà sapesse ben poco. Cosa che in generale penso ancora.

    • Valentina Ferraro 31 dicembre, 2016 at 07:19 Rispondi

      Oddio non si può sentire sta cosa…Senza parole….spetta ai genitori spiegarlo …un po’ credo che sia vero purtroppo “affrettarsi” a dirglielo perché se no lo fa qualcun altro,io non ricordo come lo venni a sapere,ma quasi sicuramente a scuola,però non sono rimasta così traumatizzata,ma ognuno ha le proprie reazioni. D’altro canto neanche è tanto.giusto.dover correre ai ripari preventivamente perché altrimenti poi i nostri figli chissà cosa penseranno.di noi…mi state facendo salire l’ansia,a casa mia da novembre si inizia a dire comportati bene che se no babbo non arriva…(lo o che non si dovrebbe però è…sopravvivenza!) ,la mia grande ha 3 anni e mezzo,lei ci crede,ma pian pianino si accorgerà di qualcosa,e allora le spiegherò che la magia di babbo Natale svanisce man mano che si cresce…solo che mi mette una gran tristezza solo a pensare a quel momento…perché poi associerà necessariamente il diventare grandi con la fine di una bella favola…spero che nessuno faccia mai con lei quello che ha fatto quest’uomo,soprattutto ora che ha una sorellina più piccola e che di diventare.grande proprio non le va!

    • Elisabetta Sgroi 31 dicembre, 2016 at 10:29 Rispondi

      Ragazzi ognuno la pensa in maniera diversa, perché attaccare Alessandra Kass Forza perché la pensa diversamente?? Anche io penso che sia giusto che i bimbi credano a babbo Natale, perché il mondo è brutto e sognare non costa niente,cmq ognuno è libero di pensarla e crescere i figli come vuole

  3. Caterina Minacci 30 dicembre, 2016 at 17:26 Rispondi

    Ma.non ho capito..se ne è uscito direttamente con questa frase? C’era un contesto?? Comunque sia..ha fatto parecchio male. Spetta eventualmente ai genitori spiegare l’esistenza o meno. Mio.figlio.di.5 anni ancora ci crede e la magia nei suoi occhi la mattina di Natale.è unica. Perché rovinare una cosa.così? Che tristezza..almeno i bambini lasciamoli sognare

  4. Tanja Oddone 30 dicembre, 2016 at 18:19 Rispondi

    I bambini meritano di sognare! Sinceramente a me certe uscite mi fanno salire il nervoso! A me chi dice tanto poi lo scopriranno quindi meglio non dire bugie mi fanno un pó di tristezza….quando saranno grandi gli si spiegherà che Babbo Natale esiste per i piccoli e che mano a mano che si cresce la “magia” svanisce….ma perché togliergli anche questo,dato il mondo di M**** in cui siamo poveri cuccioli?

  5. Rita Lombardi 30 dicembre, 2016 at 19:10 Rispondi

    Mia figlia ha otto anni e ancora le facciamo credere che babbo Natale esiste .la vita gia è brutta facciamo vivere a questi bambini un po di serenità e magia.ma qzt cretino qst dichiarazione se la poteva risparmiare

  6. Consuelo De Nardo 30 dicembre, 2016 at 20:38 Rispondi

    Questo è un post di Raffaele Morelli che ho trovato molto interessante:Buonasera a tutti!
    Molte mamme mi hanno scritto per chiedermi di Babbo Natale.
    Tutto nasce dalla rivista The Lancet Psychiatry che sostiene: “Se i genitori riescono a mentire su qualcosa di così speciale e magico come possono continuare a essere considerati i guardiani della verità?”. Queste affermazioni mi arrivano dal direttore del Giornale di Vicenza, il quale ha scritto un editoriale bellissimo sull’utilità di dire o meno ai figli che sono i genitori a fare i regali.
    Care mamme, i bambini sono gli esseri del cosmo che vivono nella magia, nella fiaba, nel mito, nel Rito: sono i Signori delle immagini, della fantasia, della creatività. Il cervello possiede intere aree cerebrali dedicate alla magia: se la spegniamo, se le facciamo uscire dalla nostra vita, se diventiamo troppo razionali, finiamo per ammalarci. Sono loro, i bambini, che ci chiedono “Babbo Natale”: guai a credere che la nostra verità, che il nostro modo di vedere il mondo assomigli al loro.
    Il Dio dei bambini è Ermes, il Signore delle bugie, il protettore dei bambini, il misterioso archetipo della medicina, della cura, della profezia. Ebbene Ermes dice bugie già appena nato; sta dicendo al mondo degli adulti: “Guardate, il mondo di voi grandi è ben diverso dal nostro”. Noi viviamo nella realtà, i piccoli sono calati in un altro mondo. Quando diciamo: “Ma chi ha mangiato i cioccolatini?”, la risposta è sempre quella: “Non sono stato io!”. I bambini vogliono essere invisibili, vogliono nascondersi, vogliono sfuggirci e poi tornare a casa. Quando mentono, ci stanno semplicemente dicendo: “Apparteniamo a un altro mondo, a un’altra verità”. Ed ecco Babbo Natale, che arriva da chissà quale altro mondo a portare doni, giocattoli, ma più di tutto il mistero. Guai a dire ai bambini che Babbo Natale non esiste, perché nel loro cervello antico è una presenza che viene dalla Notte dei Tempi, dal mondo delle fate, dei tesori e dei sentieri di Pollicino. I bambini non possono crescere senza fiabe e noi adulti gli parliamo di Babbo Natale, non perché ce lo siamo inventati, ma perché da sempre la loro anima cerca il Dio misterioso che li protegge, che li aiuta, che li coccola, che li nutre, che… fa loro i regali. Babbo Natale appartiene al segno della Provvidenza. Quando gli psichiatri americani dicono che stiamo truffando i bambini perché “inventiamo Babbo Natale”, dimostrano un’incapacità profonda di conoscere il Regno delle Immagini. I bambini non sono e non devono essere razionali come noi, devono vivere nel mondo dell’immaginario e del sogno: questo li fa crescere, più di qualsiasi programma scolastico. Togliere i sogni ai bambini, vuol dire spingerli da adolescenti poi verso l’alcool, le droghe, gli psicofarmaci. Quello che del resto accade alla nostra epoca, dove abbiamo perduto completamente gli Dei e dove siamo in balia della più grande aridità della storia. Di qualsiasi religione siate, occorre sapere che gli uomini da sempre hanno festeggiato il solstizio d’inverno, il Sole Bambino che immerge gli uomini nel Regno della luce, della coscienza, della vittoria sulla Notte Cosmica. I bambini non vogliono la nostra verità, non vogliono la nostra adesione nevrotica al reale, come se il mondo fosse tutto qui. Il mondo non è tutto qui… I bambini lo sanno!

  7. Alice Franchini 30 dicembre, 2016 at 23:26 Rispondi

    Grandissimo stronzo!!!! E stupendo che i bimbi credano a babbo Natale, perché distruggere una cosa così Bella!!! L’ignoranza di noi adulti a volte è incredibile… meno male che lavora per i bambini questo cretino perché non impara un Po da loro ?!?!

  8. Melissa Chiminelli 31 dicembre, 2016 at 06:57 Rispondi

    Ma perché l ha fatto? Dall’articolo sembra che tutto ad un tratto questa persona abbia preso il microfono e abbia detto solo queste parole… io voglio sperare che non sia andata così altrimenti è da mettere al rogo…

Lascia un commento