I benefici del contatto fisico per i neonati

contatto-fisico-neonato-genitori

Il contatto fisico ha un’importanza fondamentale sin dalla nascita e permette di sviluppare aspetti positivi durante la crescita. Attraverso il contatto, infatti, si ottengono dei benefici che influenzeranno nel tempo le sfere relazionali ed anche la salute stessa del bimbo. Soprattutto durante i primi mesi di vita del piccolo, tale contatto rappresenta un elemento fondamentale, che permette alla mamma di costruire una relazione serena e forte con il proprio bebè.

L'importanza del contatto "skin to skin"

Non a caso, sin dai primi giorni di vita, si presta enorme attenzione a questo aspetto: il neonato immediatamente dopo la nascita viene poggiato sulla pancia della mamma, proprio perché è stato dimostrato che già questo primo contatto porta enormi benefici ad entrambi. Si tratta di una pratica nota come skin to skin (pelle a pelle), in genere della durata di circa due ore, che comporta il ripristino della serenità, dopo lo stress del parto.

Grazie al contatto fisico, la mamma rilascia il cosiddetto ormone dell’amore, ossia l’ossitocina, che è in grado di donare una sensazione di benessere e serenità. Nel contempo anche il piccolo appena nato trae grande giovamento nel rimanere adagiato sul corpo della mamma, iniziando ad utilizzare tatto ed olfatto e mantenendo al meglio la temperatura e la frequenza cardiaca.

Quel prezioso legame dato dall'allattamento al seno

Altro contatto fisico per eccellenza è rappresentato dall’allattamento al seno, che non solo è il modo migliore per nutrire il piccolo, ma è anche essenziale per costruire una relazione quotidiana ed un legame profondo tra mamma e neonato.

È bene che anche il papà sin da subito sviluppi un contatto fisico con il piccolo, magari attraverso il contenimento, cullando dolcemente il bimbo: in questo modo gli sarà trasmessa una piacevole sensazione di sicurezza e protezione, stretto tra le braccia, così come si sentiva all’interno dell’utero materno.

3 comments

Lascia un commento