Dire no ai capricci: consigli di sopravvivenza per genitori

dire no ai capricci dei bambini

Molti bambini, nell'arco di età compreso tra uno e tre anni, tendono a diventare piuttosto vivaci e a fare tanti capricci: urlano, scalciano, non stanno ad ascoltare quello che viene detto loro e scappano dalla mamma.

Di solito sono tre le ragioni principali per cui un bambino manifesta questo tipo di comportamenti:

  • attirare l'attenzione
  • sfidare l'autorità del genitore
  • testare i limiti di quello che gli è consentito fare

Le mamme che si trovano ad avere a che fare con questi capricci non devono prendere la cosa come un affronto personale, ma solo accettare che il proprio figlio sta mettendo alla prova sé stesso e loro.

Vediamo una serie di consigli per cercare di migliorare la situazione.

Dire NO ai capricci

È importante mettere subito dei paletti, e un semplice no, detto con voce secca ed autoritaria, ha molta più efficacia di urla e preghiere.

Non è necessario fornire al bambino una lunga spiegazione sul perché del rifiuto (anche perché è molto piccolo e la sua attenzione è incostante), ma basta mantenere uno sguardo fermo, un'espressione seria e fissarlo negli occhi mentre si esprime il proprio rifiuto.

Premiare gli atteggiamenti positivi

Se è utile opporre un bel NO quando il piccolo si comporta male, è altrettanto utile prestargli attenzione quando vuole interagire con noi e mostrarci qualcosa e premiarlo con un bel "bravo" quando si comporta correttamente.

Cambiare spesso gioco

Come già detto, l'attenzione nei più piccoli è piuttosto incostante, in special modo in quelli piuttosto vivaci. Per evitare determinate situazioni è quindi utile fargli cambiare spesso gioco e alternare momenti di divertimento e momenti di riposo, durante i quali si può leggere insieme una bella storia.

Insegnargli a dare la mano

Se il vostro bambino è assetato di avventura e tende a scappare, è bene insegnargli che, quando si trova a passeggio, deve sempre dare la mano a un adulto.

L'ultima spiaggia sono le bretelle di sicurezza (per i più piccolini) che gli consentono di esplorare il mondo senza pericolo.

73 comments

  1. Giorgia Damiani 31 luglio, 2016 at 18:06 Rispondi

    Due..tre..non lo so..so solo che la mia ha due e mezzo ed è terribile….come giro gli occhi fa danni..non mi ascolta…risponde..nonostante cerchi di farle capire le cose…ci parlo, le spiego, all’occorrenza anche qualche sculacciata..ma niente da fare è tosta e basta!! :-/

    • Tamara Rota Ersimperger 31 luglio, 2016 at 20:36 Rispondi

      Ciao la mia bimba ha tre anni e si comporta propio uguale alla tua.A volte mette a dura prova la mia pazienza , però per fortuna tra qualche mese andrà alla scuola materna. Ogni età ha i suoi problemi , tanti capricci ma anche tante gioie💓

    • Laura Vino 31 luglio, 2016 at 21:51 Rispondi

      Ciao la mia ha appena compiuto 2 anni e da quando ha 14 mesi che va al nido…. con le educatrici è brava ascolta e aiuta, invece a casa fa disperare… mia mamma dice che sono cattiva che la sgrido troppo… il problema è che poi me ne pento e sto male…. il punto è che a volte mi fa proprio perdere la pazienza perché se non si fa come dice lei urla come una forsennata!!! Help me!!!

    • Silvia Taddei 31 luglio, 2016 at 22:01 Rispondi

      Io mio bimbo ha 15 mesi, va al nido da poco più di due mesi ed è uguale al vostro! Non ascolta nulla, vuole fare tutto quello che dice lui, se gli fai un osservazione piange, urla, alza le mani..ma se gli lascio fare tutto quello che vuole non va bene! Al nidi dicono che è bravo, a casa è sempre attivo,autonomo e fa tutto di testa sua

    • Giorgia Damiani 1 agosto, 2016 at 02:23 Rispondi

      Mamme un po mi rincuora sapere di non essere l’unica… Alle volte penso di essere io a sbagliare, forse non trovo il modo giusto per ottenere le cose…Elisa va al nido da quando aveva 8 mesi…certo la determinazione che la contraddistingue esce fuori anche li ma da retta alle maestre, rispetta le regole….a casa per carità…. Si arrampica su tutti i mobili..quando si sente dire no sbatte i piedi a terra urla a volte anche lei vuole alzare le mani…
      Dispiace anche a me alzare la voce o le mani ma la pianta va piegata da piccola…. Ora sono capricci da bimbi di 2/3 anni….a 14/15 anni poi che succede?! :-( però la sera arrivo distrutta avendo anche l altro bimbo di 13 mesi…ora ha imparato a gattonare e sono in due a far danni…adora aprire i cassetti del fasciatoio e cacciare tutti i vestitini loro :-/

    • Sara Muzic 1 agosto, 2016 at 11:12 Rispondi

      Anche la mia è una piccola peste, ha 2 anni e 5 mesi ed è una bambina vivacissima, ci sono momenti in cui è un angelo e altri che diventa un piccolo satana😂 è molto testarda e quando le si dice di no non ne vuole proprio sapere e spesso sbatte la testa sulla prima superficie che trova… muri, armadi, piastrelle… cercare di farla smettere è un impresa e il 90% delle volte non funziona, la faccio sfogare, magari cerco di mettere la mano tra la sua testa e il muro e quando si è sfogata mi abbasso e le parlo, le chiedo se si è calmata e le chiedo se è mia amica, lei mi dice di si e allora io le spiego che le amiche non si fanno i dispetti allora lei mi da un bacio e mi chiede scusa… ma al no successivo fa le stesse cose. A volte è molto frustrante, ma cerco di resistere, nella speranza che questo periodo passi in fretta

    • Anna Bai 1 agosto, 2016 at 16:42 Rispondi

      Ciao a tutte, io ho un bimbo di 16 mesi ed una di 34, mi rincuora vedere che non sono l’unica disperata ( in certi momenti)anche se onestamente non mi dovrai tanto lamentare, sono vivaci, fanno i capricci ma al minimo sindacale è una tappa obbligatoria sto cercando di imparare ad avere maggiore pazienza soprattutto pensando che pure io sono stata piccola😂

  2. Eleonora Tulli 31 luglio, 2016 at 22:10 Rispondi

    Ho un bimbo di quasi 3 anni molto intelligente ma anche tanto vivace. Le teorie sono molto interessanti, ma nella pratica e’difficile dire no, essere fermi, saper dare le giuste spiegazioni ma soprattutto fermare la sua corsa irrefrenabile quando inizia a fare il pazzarello!

  3. Ileana Medaglia 31 luglio, 2016 at 22:30 Rispondi

    Non concordo per nulla con quanto scritto nell’articolo. I bambini non vogliono sfidare i genitori, non sanno neanche cosa sia una sfida … Stanno cercando di esprimersi e spesso la loro espressione è in contrasto con quello che vorremmo noi. Preferisco capire le sue esigenze che bloccarle con un secco no… E se foste voi al loro posto come vi sentireste? Se il vostro capo ci dice un secco no con occhiataccia cosa provate?

  4. Desire Saggioro 1 agosto, 2016 at 08:02 Rispondi

    Semplicemente dire no, farlo piangere che poi …….passa.
    Nn succede niente se piange un po….
    A volte dire no, rinforza la mente e le ossa.
    Nn farà più i capricci.. .
    Ho 3 figli.

  5. Desire Saggioro 1 agosto, 2016 at 08:12 Rispondi

    Ora piu grande ha 12 anni, 8 anni, 10 mesi. Con uno sguardo e un NO niente piu capricci, crescendo chiedevano per favore. Se nn lo meritano , un bel NO.
    Miei figli mi raccontano tutto, abbiamo un bel rapporto.
    P.S Li ho sempre portati ovunque. Abituati già da piccoli.

  6. Pamela Gardini 1 agosto, 2016 at 09:17 Rispondi

    Sono bambini, con le loro esigenze, i loro piccoli grandi problemi, la loro sete di conoscenza, la meravigliosa curiosità verso il mondo. Ognuno col proprio carattere e i propri tempi e i commenti qui sotto ne sono la prova. Queste generalizzazioni sui bambini mi fanno paura…

  7. Sonia Di Lorenzo 1 agosto, 2016 at 15:11 Rispondi

    Anche a me consola di nn essere sola…perché è insopportabile sentire sempre “i miei figli sn bravi calmi….” beati voi!!! Io mi impegno a dire no e a essere una buona madre! Ma se so tosti so tosti😂😂😂😂😂ciao

  8. Sara Gallea 1 agosto, 2016 at 15:35 Rispondi

    Io non so bene come comportarmi con il mio bimbo di 19 mesi. Ogni tanto combina una marachella tipo tira le cose addosso al nostro cane o al nostro gatto, ai giardinetti lancia la sabbia, versa l’acqua per terra… Etc… In qualunque modo io lo rimproveri ( io sono completamente contraria alla violenza ), più dolcemente o in maniera più secca lui ride. Ma ride di gusto eh… E continua a fare ciò che sta facendo. Come posso fargli capire che ciò che fa è sbagliato?

  9. Francesca Francy Francy Buonanno 1 agosto, 2016 at 18:30 Rispondi

    Mamma mia che esagerate!!!! Siamo state tutte bambine!!!! Che esaurimento che disperazione!!!! Ma piantatela per favore!!!! Un BAMBINO di due anni può essere vivace d’accordo ma è così bello stargli dietro!!!! Ora le mamme di adesso si esauriscono subito poverette!!!!!! Lasciate perdere se non vi va di stargli dietro

Lascia un commento