Tutto quello che non sapete sui bambini di 2 anni

bambini di 2 anni

Non per niente li chiamano i terribili due!

Sembra che, non appena spente le due fatidiche candeline, i bambini subiscano una mutazione che li porta a comportarsi in maniera totalmente incontrollata. Potete stare tranquille, mamme, perché è solo una fase, che, anche se non sembra passerà presto. Intanto, però, potete seguire i consigli di Tovah Klein, mamma di 3 bimbi e direttrice del Barnard College Center for Toddler Development per affrontare i momenti più impegnativi.

Ai bambini di 2 anni manca il senso del tempo

I bambini di due anni non hanno ancora sviluppato il senso del tempo. Quante volte vi sarà capitato di spazientirvi se eravate di fretta e volevate uscire "subito", ma il vostro bambino non ne voleva sapere? Questo accade perché la loro struttura cerebrale non è ancora abbastanza sviluppata per capire come il tempo viene organizzato dagli adulti.

Sviluppare una routine, mantenerla costante e utilizzare un linguaggio sequenziale, che comprenda termini quali "prima" e "dopo", aiuta a comprendere meglio come gli adulti organizzano il tempo.

Il loro mondo ruota attorno a potere e controllo

Se fate un passo indietro e osservate il mondo dalla prospettiva del vostro bambino, vedrete che, per loro, tutto il potere è in mano ai genitori: cosa fare, dove andare, come comportarsi... Sono davvero poche le cose che possono controllare, ed è su quelle che, molto spesso, creano più problemi. Potreste trovarvi ad affrontare bambini che rifiutano di vestirsi, di mangiare determinati cibi, di fare la pipì nel vasino o nel water.

Per contrastare questa "ribellione" dovete dar loro l'illusione di avere il controllo: ad esempio potreste proporgli due alternative tra cui scegliere quando si devono vestire, o la scelta tra due dei loro piatti preferiti quando è ora di mangiare.

I bambini di 2 anni devono fare le loro esperienze

Questa, forse, è una delle parti più difficili dell'importante compito di essere genitori: star loro vicini senza chiuderli sotto la proverbiale campana di vetro.

Anche se, idealmente, un genitore vorrebbe proteggere il proprio figlio da qualsiasi delusione o dolore, in realtà ciò non è possibile, né è giusto nei confronti di un bambino che, attraverso le grandi e piccole disavventure e le sconfitte, deve formare il suo carattere e la sua capacità di affrontare le situazioni.

Ciò che ci fa ammattire è ciò che ci mancherà di più!

La testardaggine, le parole incomprensibili, le mille domande, gli infiniti "perché?", l'entusiasmo, a volte eccessivo, sono tutte caratteristiche tipiche dei bambini più piccoli.

Sono caratteristiche che vi fanno ammattire, è vero, ma sono anche ciò che vi mancherà di più quando il vostro bimbo sarà un po' più grande!

141 comments

  1. Raffaella Boldrini 21 luglio, 2017 at 15:15 Rispondi

    Io dico sempre che “i terribili due” non esistono. Esistono bambini più testardi e più vivaci di altri e tutto dipende da come viviamo noi questo loro periodo di crescita. C’è chi ha paura delle reazioni e dei pianti dei propri figli, chi vive con troppa ansia la loro voglia di autonomia…in questi casi ci si ritroverà ad affrontare anche i terribili 3, 4, 5 ecc.😉

    • Ilaria Corda 22 luglio, 2017 at 00:15 Rispondi

      Mi dispiace ma non è così. Mia figlia è sempre stata la bambina più tranquilla e gioiosa del mondo, dai 18mesi si è completamente trasformata, capricciosa, testarda, lagnosa e direi instancabile. Ovviamente non ha solo difetti ma per la maggior parte del tempo è così, è proprio la sua fase.

    • A casa di Raffy 22 luglio, 2017 at 00:46 Rispondi

      Io ne ho avuti 5 e sono stati terribili solo 2: la femmina e l’ultimo, gli altri sono cresciuti tranquilli. Se ripenso a mia figlia a 18 mesi è come se la vedessi ora: ribelle e spericolata, così è rimasta. Sarà che quella è l’età in cui il carattere si definisce, loro si mettono alla prova, si arrampicano, iniziano a camminare, si misurano con sé stessi e con gli altri. Quindi è da lì che la nostra guida diventa davvero importante, soprattutto per i caratteri così forti che vanno incanalati nella direzione giusta! Io per esempio non ho mai permesso nella maniera più assoluta che mi alzassero le mani! Se ci dobbiamo arrendere in nome de “i terribili due” e lasciare che facciano quello che vogliono o sbattano gli oggetti per terra perchè poi “tanto passa”, credo che siamo proprio fuori strada…in questo senso dico che non se ne esce più nemmeno a 6 o 10 anni. 😘😉

  2. Nadia Ivancigh 21 luglio, 2017 at 15:54 Rispondi

    Vedrete che quando di candeline ne spegneranno 12 o 14 i primi anni di vita dei vostri figli vi sembreranno una passeggiata…non voglio fare terrorismo ma dalla preadolescenza difficilmente si esce incolumi

Lascia un commento