Fame in gravidanza: 5 cose che nessuno vi ha mai detto

Il test di gravidanza non si è ancora asciugato, vostro marito non ha ancora chiuso la bocca spalancata, che già vi sentite invadere da una sensazione ben precisa. Non, non è l’istinto materno. Non è nemmeno l’ansia, per quella c’è tempo. È la fame.

Perché durante gravidanza capirete che nella vita ci sono certezze che non debbono mai mancare: tipo la pizza a merenda. Ma cosa rende questo tipo di fame così speciale? Adesso ve lo racconto: ecco i 5 pilastri della fame in gravidanza.

1. La quantità

Bastano pochi mesi e la mezza pizza che mangiavate al ristorante, diventa la pizza intera + mezza di vostro marito + patatine + mano del cameriere se non la ritira velocemente. I 50 grammi di pasta diventano 200. Vostra nonna vi darebbe ragione, ma entrambe sappiamo che è sbagliato: il piccolo non ha bisogno di tutte quelle calorie. Ok, adesso spiegatelo al vostro stomaco.

2. I sapori

Odiavate le arance? Ora ne mangiate mezza cassetta a pasto. Non vi piaceva la carne? Improvvisamente vi mettete nel piatto solo proteine. No, non siete impazzite: il corpo sa di cosa ha bisogno il bambino, e glielo fornisce come può: a spese del vostro gusto.

3. La tempistica

Invitate a pranzo una futura mamma e osate dirle che si mangerà con una mezz'ora di ritardo. Verrete incenerite sul posto. Non si tratta di maleducazione: è come se il nostro cervello regredisse ad uno stadio infantile. Io la chiamo fame atavica: è una fame antica, primordiale, di quella che vi farebbe mangiare un mammut. Se qualche mamma primitiva non avesse già provveduto a estinguerli prima di voi.

4. L’impegno

Prima spesso si mangiava in ufficio: un panino al volo, un’insalata. A volte neanche quello: si arrivava alla sera sfinite con in corpo qualche caffè. La sera aperitivo e via. Ora mangiare è diventata una cosa seria: ci si mette sedute a tavola, si percorre con gusto la via della gastronomia dal primo al dolce. E magari si prende pure un orzo che il caffè a molte dà fastidio: ma con il dolcificante, eh, sennò s’ingrassa!

5. L’invidia

Sì è vero: ci sono donne che in gravidanza non hanno fame. O ne hanno poca. A volte malauguratamente sono nostre amiche, e mentre noi armeggiamo su  mezzo chilo di rigatoni, con un occhio già al dessert, loro sorseggiano svogliatamente una vellutata. Eh…è dura non invidiarle: ma niente è perduto. Se sono ancora ai primi mesi, qualche speranza c’è.

Ritornando a voi, consolatevi pensando che finita la gravidanza tutto tornerà come prima. A parte la fame da allattamento: ma quella è un’altra storia!

9 comments

Lascia un commento