Il figlio nasce morto e resta 15 giorni con i genitori

neonato-morto

Lynsey Bell ha una storia molto particolare da raccontare: una storia profondamente dolorosa. Dopo una gravidanza tutto sommato regolare, prima di far nascere il piccolo Rory, i medici le danno una notizia terribile: non c'è battito, il piccolo nascerà già morto.

Il piccolo rimane 15 giorni con i genitori

Non appena l'ha saputo, questa mamma ha preso una decisione davvero singolare. Ha deciso di tenere con sé il piccolo, per due settimane, nonostante non fosse più in vita.

Attraverso una procedura medica speciale, che ha impedito il deterioramento del corpicino, lei e il marito hanno potuto prendersi cura di lui, cambiargli il pannolino, cullarlo, fargli il bagnetto. Tante persone sono venute a vederlo e conoscerlo, come sarebbe successo se tutto fosse andato per il meglio.

L'ultimo addio

Tutto questo è durato 15 giorni. La coppia ha poi portato a casa il bimbo, e l'ha seppellito nel cimitero accanto al nonno.

Questa esperienza è stata così intima e difficile, che Lynsey ha aspettato due anni prima di raccontarla a tutti.

neonato-morto

62 comments

  1. Emanuela Moretto 22 luglio, 2016 at 12:41 Rispondi

    Nn c è un senso…solo loro possono capire il profondo dolore di questa perdita e hanno fatto ciò che li ha aiutati a sopravvivere ad una tragedia del genere..nn si può criticare …specialmente se nn si ha avuto questa esperienza

  2. Elisa Campioli 22 luglio, 2016 at 13:03 Rispondi

    Qualche ora và bene per dirgli addio ma 15 giorni no..si sfiora la malattia mentale,la pazzia,bisogna elaborare il lutto..poi non credo a questa notizia, il corpo inizia a decomporsi,c’è scritto genericamente “procedure per la conservazione del corpo”ma io non ci credo…

  3. Sara Muzic 22 luglio, 2016 at 13:50 Rispondi

    Mah… non so se credere a questa storia, intanto perché non credo che ci sia la possibilità di tenere un corpo senza vita per così tanto tempo e poi non credo che sia di nessun aiuto questo gesto, posso capire qualche ora, un giorno intero, ma penso che sia più doloroso così il distacco… poi ogniuno reagisce in modo diverso, ma di base non credo a questa storia

  4. Paius Mariana 22 luglio, 2016 at 14:00 Rispondi

    Scusate ma mi sembra esagerato 15 GG!! E sempre un morto voglio dire! Io capisco la disperazione e tutto il resto…pero dai 15 giorni vicino a un morto,direi che comincia a sentire un bel pò di odore!

  5. Jessica Ronnie Rizzi Delli 22 luglio, 2016 at 14:17 Rispondi

    Mi sembra una storia così assurda e pure un tantino macabra!forse un paio d’ore si ma 15 gg con un trattamento speciale per impedirne il deterioramento..lo trovo egoistico e da malati!cullare,vestire e lavare un piccolo angelo già morto..ke senso ci si trova??non lo capisco!

  6. Veronika Fermo 22 luglio, 2016 at 14:55 Rispondi

    Da mamma quale sono,posso solo dire ke sicuramente il dolore in quiei momenti e’ indescrivibile.. Ma 15 GG deterioramento o no,non ce la farei mai a prendermi cura di un corpicino privo di vita,sarebbe un dolore assurdo un atto di puro masokismo ke ti spinge alla disperazione più totale,e a subire un trauma ancora più difficile da superare.. signifikerebbe arrivare ad un punto di non ritorno..troppe cose ,troppi momenti impressi nella mente difficili da cancellare…sono immagini ke restano dalle quali non te ne liberi piu

  7. Simona Arcefili 22 luglio, 2016 at 15:40 Rispondi

    Alzati ..vivi…esagerato…Ma Che cazz state a dire….perdere un figlio è la cosa più atroce che possa esistere al mondo….Non si può accettare la morte di un caro..pensa di un figlio…io stavo perdendo il mio bimbo in gravidanza e volevo solo morire anche io….sono stati sette mesi più brutti della mia vita….è nato di 1;500kg a sette mesi…fortunatamente ci è andata bene…il giorno dopo il parto io sono stata 15 giorni in setticemia con la febbre a 41..e pensavo di morire..sapendo che il mio bimbo era in incubatrice e non potevo andare per la mia malattia….io amo il mio bambino è semmai dovesse succedergli qualcosa io morirei. .mi lascerei morire…perché lui è il mio cuore….potrei vivere senza il mio cuore??maiiiiii

  8. Stefania Ruggiero 22 luglio, 2016 at 15:53 Rispondi

    Non lo trovo giusto. Affrontare una perdita è sempre straziante soprattutto se si stretta del proprio figlio..ma nn dargli.giusta sepoltura e fingere che sia in vita come.se fosse una bambola è una cosa che passa i limiti secondo me..

  9. Mia End My 22 luglio, 2016 at 20:46 Rispondi

    Io penso che non bisogna criticare questo gesto x voi folle.. ogni madre dopo che partorisce suo/a figlio/a vuole portarselo a casa.. la perdita di un figlio e il più grande dolore che possa esistere. . Nessun genitore dovrebbe seppellire i propri figli.. GRANDE CORAGGIO QUESTI GENITORI…

  10. Santa 22 luglio, 2016 at 23:53 Rispondi

    Io e mio marito abbiamo fatto lo stesso,ma in ospedale i bimbi ce li hanno fatto tenere con noi un solo giorno,un bimbo nato in questo caso non può rimanere così per 15gg si deteriora facilmente poi soprattutto se deve essere sottoposto all autopsia ed esami vari,i tessuti vengono mantenuti intatti xk viene messo in un contenitore con un liquido speciale e poi seppellito così, purtroppo noi abbiamo vissuto questo momento due volte!! 😭😭😭😭 💔💔💔💔

  11. Stefania Tempestini 23 luglio, 2016 at 04:08 Rispondi

    Per prima cosa il bambino era in ospedale e loro potevano passarci alcune ore insieme, non lo avevano potuto portare s casa anche perchè sarebbe stato illegale. Poi mi domando perchè bisogna per forza giudicare, criticare? Ognuno gestisce il dolore come pensa sia meglio e per questo va RISPETTATO. Un pó di silenzio sarebbe stato meglio … Soprattutto da chi ha fatto commenti dal pulpito. Mettetevi voi al posto loro e poi parlate. Ma è facile quando non si è colpiti in prima persona.

Lascia un commento