Filosofia Montessori: 3 consigli per educare un bambino

consigli educazione filosofia montessori

Sono sempre di più le mamme che si avvicinano al metodo Montessori, un metodo educativo che prende il nome da Maria Montessori e che ha risvegliato le coscienze di esperti del settore e famiglie.

Dai disturbi del sonno, all’ambiente in cui vivono i bambini, da un’educazione improntata sull’autostima e l’indipendenza, a regole che coinvolgono grandi e bambini. Senza entrare nello specifico della filosofia Montessoriana, vogliamo offrire degli spunti di riflessione alle nostre lettrici mamme e dare 3 consigli per educare un bambino seguendo i suggerimenti della filosofia Montessori.

3 consigli educativi dalla filosofia Montessori

1 - Lasciate i bambini liberi di ripetere sempre gli stessi gesti

Per i bambini piccoli compiere sempre gli stessi gesti è sintomo di impegno. Maria Montessori spiega che in quel momento si stanno concentrando in un’attività specifica, che porta gratificazione e soddisfazione. Durante questa fase il cervello del bambino non è fermo, ma lavora senza sforzarsi e trasmette un forte senso di benessere ed equilibrio. È in questo lavoro ripetitivo che costruisce la sua psiche.

2 - Interpretate le espressioni dei bambini non in relazione ai vostri pensieri

Un genitore che vede suo figlio impegnato in un’attività scambia la tanta concentrazione in stanchezza. Delle volte tende a confondere questa concentrazione e pensa che il bambino abbia un’espressione triste. Perché invece non lasciarlo libero di esprimersi senza tentare di interpretare il suo modo di comunicare? È importante imparare a cambiare il modo in cui si percepiscono i segnali che il bambino lancia in famiglia, senza dare per scontato che siano identici a quelli di un adulto.

3 - Imparate a valutare le esigenze del vostro bambino

Non sono i giocattoli o tutto quello che si offre a un bimbo piccolo a fare la differenza. Ascoltare che cosa hanno da dire i figli, invece, aiuta a capire di che cosa hanno bisogno senza difficoltà. Non servono attività ludiche originali o giochi all’avanguardia. Il segreto è imparare a osservare i loro gesti. Solo così un genitore potrà essere capace di fare proposte adatte alle esigenze del proprio figlio. 

Lascia un commento