... E se giocassimo a mangiare la verdura?

giocare a mangiare la verdura

Secondo una recente ricerca condotta da Ipsos, in Italia sempre più bambini hanno un’alimentazione scorretta. Nel 2016, infatti, un bambino su 3 ha dichiarato di non mangiare né frutta né verdura almeno una volta al giorno. Un dato che conferma il cattivo rapporto tra i più piccoli e gli ortaggi; per colpa del loro aspetto, poco invitante, del loro sapore naturale e della loro immagine “triste”, frutta e verdura sono poco amate dai bambini. Ma come risolvere il problema per iniziare a mangiare la verdura correttamente?

Giocare con il cibo per far mangiare la verdura ai bambini

Anche se le buone maniere insegnano che con il cibo non si scherza, spesso proprio il gioco può essere la chiave per lasciare che i più piccoli familiarizzino con gli alimenti.

Un esperimento condotto dalla De Montfort University Leicester ha dimostrato, infatti, che i piccoli lasciati liberi di maneggiare frutta e verdura, uniscono divertimento a scoperta, e approcciano il cibo con più leggerezza e meno stress.

Durante l’esperimento, un campione di 62 bambini è stato diviso in 3 gruppi: al primo sono stati distribuiti piatti contenenti vari tipi di frutta e verdura, ed è stato chiesto loro di giocare con gli alimenti, toccandoli, schiacciandoli e rimodellandoli. Al secondo e al terzo gruppo, invece, è stato chiesto di giocare, ma non con il cibo.

Una volta concluso l’esperimento a tutti i piccoli è stato domandato se volessero assaggiare frutta e verdura. Il risultato? Il primo gruppo è stato quello che ha dimostrato più interesse e apertura a mangiare la verdura e i cibi naturali.

Facciamo mangiare la verdura ai bambini giocando insieme

Colorato, materico, vario: il mondo di frutta e verdura, offre ai bambini tanti stimoli visivi e tattili. Come in tutte le nuove esperienze, la scoperta è importante: maneggiare gli oggetti aiuta i piccoli a prendere confidenza con tutto ciò che li circonda, cibo compreso. Il gioco, infine, è una soluzione intelligente per condire il momento del pasto con allegria, scaricando ansie e tensioni.

Lascia un commento