Guida alle feste di Natale per genitori divorziati

feste-di-natale-genitori-divorziati

Essere genitori non è mai facile, ma se si è divorziati lo è ancora meno. Specialmente durante il periodo delle feste, quando i delicati equilibri che si è riusciti a creare rischiano di venire stravolti dalla pressione che si crea per decidere come organizzare le vacanze dei propri figli.

Ed è proprio per evitare di stressare troppo sè stessi e loro che è importante raggiungere un accordo che consenta a tutti di trascorrere un Natale sereno e felice, ricordando che l'importante, per i bambini, non è ricevere regali costosi, ma poter passare del tempo con entrambi i genitori.

Ma quali sono le "regole" per passare indenni attraverso il periodo natalizio?

1. Dividere equamente il tempo che ciascun genitore trascorre con i propri figli

La prima cosa da fare per evitare tensioni e incomprensioni è quella di organizzare il tempo che si dedica ai bambini, idealmente dividendolo in maniera equa con l'ex coniuge, in modo che i figli possano trascorrere del tempo con entrambi i genitori, valutando anche, per quanto possibile, i desideri e le disponibilità dei parenti (ad esempio i nonni).

 2. Rendere partecipi i bambini

Specialmente se si ha a che fare con bambini e ragazzi già un po' più grandicelli, è importate ascoltare anche la loro opinione, tenendo conto delle loro preferenze e cercando di organizzarsi per rispettarle.

3. Rispettare le loro esigenze

Come in tutte le cose quando si tratta di bambini, anche, e specialmente, in casi come questo, è importante rispettare i loro tempi e spazi, cercando di non stravolgere completamente le loro consuetudini.

4. Non stravolgere le loro abitudini

Tanto più se i bambini sono già piuttosto grandi, avranno delle tradizioni consolidate per quanto riguarda il Natale: luoghi, gesti, riti che è importante cercare di mantenere inalterati, specialmente in un momento in cui tutto attorno a loro è cambiato.

 5. No alla competizione!

Sia per quanto riguarda i regali, che per il cibo, che per il rispetto delle regole: non è una gara a chi fa il regalo più bello, o a chi concede più libertà al figlio, ma una prova di maturità, in cui "vince" chi riesce a mantenere la propria autorità senza per questo intaccare il rapporto con il proprio figlio.

6. I bambini vengono prima di tutto

E di tutti: dei propri desideri, delle proprie esigenze, di quelli del partner e dei familiari. I bambini sono la cosa più importante, e vanno rispettati e assecondati, facendo sentire loro tutto il proprio amore.

Lascia un commento