Marchi dei giocattoli: sappiamo cosa significano?

Noi mamme di oggi sappiamo quanto sia importante scegliere giocattoli sicuri da mettere fra le mani dei nostri bambini: con la loro determinazione e voglia di scoprire torturano levette, antine, bottoni e scompartimenti vari finchè non si staccano e si tramutano in un grande pericolo per la loro incolumità.

Oltre alla caparbietà dei nostri piccoli, si aggiungono le numerosissime notizie sulle contraffazioni di giocattoli e prodotti destinati al mondo dell'infanzia contenenti sostanze tossiche e altamente pericolose.

Un quadro allarmante da cui, fortunamente, possiamo difenderci grazie alla leggi in materia che tendono a divenire sempre più rigide e impongono standard qualitativi sempre più elevati. L'acquisto, quindi, di giocattoli conformi alle leggi e certificati diviene una priorità.

Fra i più famosi, c'è certamente il marchio CE, un'autocertificazione del produttore che garantisce che il prodotto è conforme alle norme sulla sicurezza dettate dall'Unione Europea. La sua presenza è obbligatoria e deve assolutamente avere i tratti grafici arrotondati, altrimenti (se scritto senza lettere tondeggianti) si riferisce a prodotti di importazione cinese (China Export).

I marchi "Giocattoli sicuri" e "IMQ" sono rilasciati invece da enti esterni e sono facoltativi, motivi per cui i giocattoli che li mostrano hanno un valore aggiunto, certamente non secondario. Il primo marchio, quello Giocattoli sicuri, viene rilasciato ai giocattoli che sono stati sottoposti a determinati test di sicurezza da parte dell'Istituto italiano di sicurezza e li abbiano superati positivamente. Il secondo, il marchio IMQ, è destinato ai prodotti elettrici e ne garantisce la piena sicurezza e conformità alle leggi.

La conoscenza di questi marchi ci sarà quindi di fondamentale aiuto quando acquisteremo giocattoli, sia per i nostri bambini che per i loro amichetti: la sicurezza, anche nel gioco, non ha assolutamente prezzo.

Lascia un commento