Massimiliano Rosolino e lo spot al latte di crescita: mamme e pediatri insorgono

massimiliano-rosolino-latte-in-polvere

Ha suscitato polemiche l’endorsment (a pagamento) di Massimiliano Rosolino nei confronti di una nota marca di latte in polvere, di cui è il testimonial. E allora associazioni di mamme e pediatri gli hanno scritto per dirgli che non ci sono evidenze scientifiche che sostengono quello che si dice in quella pubblicità. 

Un’accusa importante, che punta il dito sul fatto che si dice che i bambini dopo l’anno vanno nutriti con il latte di crescita. In realtà queste formule sono spesso inutili e costose e rischiano di abituare i piccoli al sapore dolce spianando la strada verso l’obesità.

Sempre nella lettera c’è scritto quanto sia importante per le famiglie sempre più in crisi economica, capire come il latte materno possa essere usato a lungo e con effetti benefici sui piccoli.

Inoltre “Raccomandare i latti di crescita configura il mancato rispetto del Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno, che l’Italia si è impegnata a rispettare sin dal 1981”.

Insomma sembra che Massimiliano Rosolino avrebbe dovuto informarsi meglio: e voi cosa ne pensate?

95 comments

  1. Gloria Mauro 9 marzo, 2016 at 19:21 Rispondi

    Ogni cosa che fanno è sempre sbagliata… ogni idea di marketing va criticata… pensate che le mamme siano tanto stupide da togliere il seno e dare LA solo perché lo dice Rosolino? Bella considerazione che avete delle mamme…

  2. Miki Cavalieri 9 marzo, 2016 at 19:37 Rispondi

    Io sono epilettica e x delle pastiglie che prendo non potendo sospendere non ho potuto allattare senza latte in polvere il mio bimbo non mangiava…….ora è un bel torello di 2 anni

  3. Giorgia Fanelli 9 marzo, 2016 at 20:04 Rispondi

    ma cosa c’entra ?se una mamma non riesce a nutrire con il latte materno che male c’è ha usare quello in polvere?crescono lo stesso !!lasciate stare le pubblicità non c’entra niente!!!

  4. Stefania Lia 9 marzo, 2016 at 20:07 Rispondi

    Che assurdità. ..ovvio che allattare è il meglio ma io ho un bimbo di 5 mesi che ha sempre bevuto latte artificiale per necessità e sta benone…finiamola con questo essere super radicali…I bimbi crescono bene anche senza tetta fino a 18 anni☺

  5. Alessandra Di Giacomo 9 marzo, 2016 at 20:17 Rispondi

    Si infatti fanno tutti un testone con sto latte materno che fanno sentire quasi strana chi da il LA!Io allatto ma sinceramente nom so se ha veramente tutti questi benefici.. il raffreddore e la tosse se li è beccati, mentre la figlia della mia amica, che ha preso solo LA,fin’ora non si è mai ammalata!Se una non può o nom vuole allattare, non ci vedo niente di male..

  6. Paola Carrara 9 marzo, 2016 at 21:53 Rispondi

    Beh mi sembra esagerato dire “istigazione”.. Allora anche le pubblicità delle automobili istigano a non prendere i mezzi pubblici aumentando l’inquinamento e .. la pigrizia… Credo che chi ha testa sappia interpretare i ” messaggi” televisivi!!

  7. Valentina Crisci 9 marzo, 2016 at 22:11 Rispondi

    Sta esaltazione fanatica Dell allattamento al seno ha rotto le palle. È ovvio che se io lo avessi avuto avrei allattato i miei tre figli. Mica stavo a lottare con biberon e prezzi esagerati dei LA

  8. Machia Rocru 9 marzo, 2016 at 22:14 Rispondi

    Mah…io nn ci trovo bulla di cosi scioccante…si tratta di pubblicità..io ho allattato solo i primi tre mesi ma per problemi, di certo se lo avevo e non avevo disturbi continuavo mica sto a guardare le pubblicità…e dai su…siamo seri per favore!!!

  9. Silvia Costanzi 9 marzo, 2016 at 22:37 Rispondi

    Ma X favore!fa pubblicità come tutti,se una mamma non può allattare al seno gli dà latte in polvere.Non è istigazione .Non tutte possono allattare,i bimbi crescono comunque come gli altri!e basta con sto fisse!io sono mamma di 2 bimbi allattati al seno e figlia cresciuta anche senza essere stata allattata al seno.

    • Michela Vaccaro 10 marzo, 2016 at 08:14 Rispondi

      Concordo: 2 figli allattati e io no, nessuno di noi 3 ha mai avuto malattie ricorrenti…È semplicemente pubblicità ed ognuno con minimo di ragionamento e intelligenza sa discernere e decidere come come nutrire ed allevare i propri figli!

  10. Valentina 10 marzo, 2016 at 01:08 Rispondi

    Ma c’è davvero ancora chi sostiene che il latte si ha x fortuna? ragazze mie il corpo umano è una macchina perfetta..se il latte non c’è è xke non cè la testa e la pazienza…poi probabilmente ci saranno così rarissimi in cui il latte sia diminuito o sia andato via…eppure qlch dubbio mi viene! Sono circondata da mamme che x magia hanno perso il latte o hanno dovuto fare una cura con medicinali non compatibili con ‘l’allattamento …guarda un po’! Mah…l allattamento è una cosa super difficile che prevede tante tante rinunce da parte della mamma…qui però di sacrifici ne vedo ben pochi! E comunque nella società in cui viviamo bisognerebbe sensibilizzare a favore dell’allattamento materno piuttosto che a favore di quello artificiale dato che il primo è qll meno praticato…è qst il problema!

  11. Sara Zorzan 10 marzo, 2016 at 04:49 Rispondi

    io allatto, li ho allattati al seno tutti e tre, per scelta e per possibilità. Questa pubblicità non mi ha spinto a cambiare modalità : mi mostra solo un tipo di latte che io posso dare dopo l’anno tra l’altro e se il mio latte manca. E’ un inserimento pubblicitario rispettoso e discreto x me.

    • Manuela 10 marzo, 2016 at 07:38 Rispondi

      Invidiose di cosa? Non ne vedo motivo. Anche per me è un’esagerazione però magari tutto queste pubblicità dovrebbero farci aprire gli occhi sui tanti prodotti che si usano e che sono superflui e a volte anche dannosi. Bisognerebbe riavvicinarsi alle cose più naturali che fanno bene. E un latte del genere mi sembra tutto fuorché naturale!

  12. Daniela Matta 10 marzo, 2016 at 07:03 Rispondi

    Ci sono molte mamme e molti pediatri che consigliano il latte artificiale un rosolino in più che differenza vuoi che faccia? Io quando ho scoperto di essere in cinta ho pensato spero di riuscire ad allattare così non dovrò spendere un patrimonio. Poi ostetriche e il personale dell’ospedale mi hanno spiegato che quello economico non è l’unico vantaggio del latte materno e che sono rare le donne il cui fisico impedisce di allattare. Così dal primo momento che ho avuto mia figlia tra le braccia lho subito attaccata e da allora allatto ancora a 15 mesi.

  13. Manuela 10 marzo, 2016 at 07:29 Rispondi

    La legge vieta la pubblicità di LA, quello che va da zero mesi per intenderci. Questa è una pubblicità del latte crescita come ce ne sono molte altre. Ora perché è Rosolino scoppia la bufera…. tanto chi è pro-allattamento continuava esserlo e chi invece nemmeno ci prova continuerà a dare ai propri figli quei bei biberon pieni di schifezze.

  14. Ambra Cuomo Caricato 10 marzo, 2016 at 08:02 Rispondi

    Neanche immaginiamo le logiche commerciali che possono esserci dietro la scelta di sponsorizzare l’allattamento materno o l’artificiale(negli anni ’70 i pediatri lo promuovevano come migliore). Logiche legate alle case farmaceutiche,alla gestione delle malattie e ai guadagni che se ne possono ricavare…eccc..ecc.
    Cerchiamo di non essere pecore e di non giudicare sempre guardando quel che fanno gli altri per sentirci migliori.
    Non sapremo mai cosa è davvero migliore. Siamo chimici?medici?industriali?politici?
    Dobbiamo essere consapevoli del fatto che ciò che é formulato chimicamente in laboratorio non è per forza peggiore di ciò che é naturale. Dipende dall’etica di chi lo crea.
    Anche in natura esistono sostanze tossiche e dannose. Quindi “naturale”non è per forza migliore e “artificiale/formulato”non é per forza peggiore.
    Bisogna scegliere per la nostra serenitâ e x quella dei piccoli.
    Allattare al seno é molto impegnativo e talvolta stressante e svilente.
    Evviva la libertá di scelta e….il rispetto per le scelte altrui.

  15. Laura Cavalieri D'oro 10 marzo, 2016 at 09:16 Rispondi

    Prima di tutto è un latte crescita e specifica dopo l’anno di età , secondo c’è scritto in piccolo è vero che sarebbe preferibile l’allattamento al seno… ora mi auguro che nel.2016 la.pubblicità non riesca più a plasmare le menti come negli anni sessanta..

  16. Valentina Forniti 10 marzo, 2016 at 09:36 Rispondi

    mi sembra che adesso tutte le pubblicità dei latti artificiali siano di quelli crescita, cioè dopo l’anno di vita giusto? allora perché insorgere…non tutte le mamme possono e soprattutto vogliono allattare dopo l’anno.

  17. Anto Rus 10 marzo, 2016 at 11:47 Rispondi

    Quanta inutile polemica…la pubblicità in questione non chiede di sostituire l’allattamento al seno, infatti compare la scritta che raccomanda addirittura di preferirlo, ed inoltre pubblicizzano “aptamil3” che è quello che si usa dopo i 12 mesi di età…

  18. Paola Lenzi 10 marzo, 2016 at 11:47 Rispondi

    All’ospedale mi hanno fatto una testa con l’allattamento al seno. A me è andata bene ma vedere mamme piangere perché non avevano latte è orribile. Io sono venuta su a latte artificiale e sono viva e vegeta. Finiamola con questo terrorismo sul latte artificiale. Meglio una mamma serena che una frustrata perché non riesce ad allattare

  19. Paola Lenzi 10 marzo, 2016 at 11:56 Rispondi

    Ah poi pure il ciuccio è vietato fino al mese di vita perché può interferire con l’allattamento al seno.. Io lo ho dato subito mai avuto problemi. Peccato che nella nursery dell’ospedale giravano ciucci… Ma che coerenza.. M

  20. Elisa Zanone 10 marzo, 2016 at 15:18 Rispondi

    Il latte crescita 3 è da 1a 3 anni!!!!!!! Ma che cazzo pretendete di allattare fino alla maturità !!!! Quanta ignoranza !!!!!!! Viva i LA dalla nascita se nn hai latte!!!!!!!!! Basta puntare il dito contro ki nn ha mai allattato pensate alla salute dei figli indipendentemente da ke latte assumono !!!!

  21. Antonella Bargna 10 marzo, 2016 at 17:42 Rispondi

    Ma cosa centra?? Io credo sia x tutte le mamme che hanno sempre dato l artificiale!!! Boh non capisco!!!! Ma grazie al cielo che esiste pure il latte in polvere!!! Chi non ne ha come può fare???

Lascia un commento