“Ninna Nanna”, il film che racconta la depressione post-partum

“Ninna Nanna” film depressione post partum

Un film diretto da Dario Germani ed Enzo Russo, arriva nelle sale cinematografiche italiane il 29 giugno. “Ninna Nanna” è una pellicola che racconta di una realtà troppo spesso sottovalutata, quella di un disturbo psichico latente e che nella maggior parte dei casi, fa veramente tanto male: la depressione post-partum.

La depressione post-partum raccontata in “Ninna Nanna”

“Ninna Nanna” della Plumeria Film S.r.l. è una pellicola girata interamente in Sicilia e affronta un tema molto delicato, quello della depressione post-partum. Anita, interpretata da Francesca Inaudi, è una neo-mamma felice di poter finalmente abbracciare la sua piccolina e cantarle la sua "ninna-nanna", preparata appositamente per lei ma presto si rende conto che la sua bambina diviene una grave minaccia per il suo rapporto con suo marito, fino a portarla ad una depressione costante. Un film molto crudo questo, che racconta una triste realtà.

Depressione post-partum: una tristezza latente

La depressione post-partum colpisce, in media, circa dal 7 al 12% delle neo-mamme, ignare di questa patologia latente. Generalmente, raggiunge il picco dopo 6/12 settimane dalla nascita del proprio bambino e può sfociare in gravissime conseguenze; spesso, la neo-mamma è accompagnata da una tristezza e da una distorsione di emozioni nei confronti del proprio piccolo e viene sottovalutata. La depressione post-partum è, comunque, una patologia che svanisce con trattamenti adeguati.

4 comments

Lascia un commento