raquel-renteria

Raquel Renteria: "Ho partorito col cesareo, non sono mamma di serie B!"

Quello del parto è un momento intimo e delicato che coinvolge la mamma e il suo bambino. È il momento in cui nasce un forte ed eterno legame di amore tra due persone. A volte non c’è scelta e il parto naturale è impraticabile. Non per questo occorre sentirsi mamme di serie B.

Essere mamma non dipende dal tipo di parto che si affronta. Ma di certo il cesareo può creare molti problemi psicologici e fisici: può ritardare l’allattamento e far sentire inadeguata una mamma. Ma questo non deve accadere, anche con il cesareo la mamma è sempre la mamma.

Raquel Renteria: "Io, mamma cazzuta!"

Lo sa bene Raquel Renteria che lo ha sperimentato sulla sua pelle. La sua bambina ha deciso di non mettersi in posizione per il parto naturale. A 32 settimane la piccola era in posizione podalica e a 37 ha deciso di non cambiare. Così Raquel ha dovuto affrontare il cesareo.

Quando lei ha cominciato ad esporre i suoi dubbi, molte madri le hanno assicurato che il cesareo di per sé non è un problema.

“Sì. È vero,” afferma Renteria “non mi sento come se mi avessero tolto la possibilità di dare alla luce Alexa, né mi sento meno forte. Questa cicatrice dimostra che sono veramente una madre cazzuta. Durante il parto ho avuto tutto ciò che desideravo. Ho avuto il contatto pelle a pelle con mia figlia, abbiamo visto come è nata, mio marito ha tagliato il cordone ombelicale e quello che è più importante è che nostra figlia sta bene”.

Cicatrici che aiutano a crescere

Poi aggiunge che non potrebbe essere più orgogliosa della cicatrice e di sé stessa. Certo, all'inizio la cicatrice e i possibili effetti sul suo corpo la spaventavano molto.

Ma poi ha preso il coraggio a due mani, ha affrontato l’intervento e ha deciso di postare la foto della cicatrice su Instagram. Ha raggiunto 3000 like, ha dato ad altre mamme, che sono passate per un cesareo, la forza di condividere la loro storia.

134 comments

  1. Elvirita Tortorelli 8 gennaio, 2017 at 17:59 Rispondi

    Ma chi è che ancora sostiene queste bassolocatezze?! Ma rendiamoci conto di cosa diciamo…un parto è uguale ad un altro! Anzi, sfido io a sentire le stelle dei dolori post operatori! Onore a chi affronta un cesareo.

  2. Cecilia Snichelotto 8 gennaio, 2017 at 18:11 Rispondi

    Non esistono madri di serie a o di serie b in base al parto! Quello di cui invece si dovrebbe parlare rispetto al cesareo, e’ di come una donna possa sentirsi dopo averlo “subito” senza una reale esigenza medica. Cosa che, stando alle statistiche di molte regioni italiane, avviene troppo di frequente.

  3. Claudine DeFrance 8 gennaio, 2017 at 18:37 Rispondi

    che palle…per dirla tutta ho partorito naturalmente ed ho avuto otto punti…una cicatrice lunghissima e dolorante per alcuni mesi mi sentivo mutilata e intimamente strana. …per non parlare di altro…queste rivalità tra chi ha fatto cesario o no…tra chi allatta o no…tra chi ha deciso di fare la peridurale o no ha veramente rotto….

  4. Francesca Frau 8 gennaio, 2017 at 19:07 Rispondi

    Siamo tutte madri ugualiii!!! Che palle con ste storie … Io ho fatto 12 ore di travaglio e poi ho dovuto fare un cesareo xke mia figlia si e girata all ultimo e aveva il cordone arrotolato…e allora? Micca mi sento una madre di serie b… L importante e che i figli stiano bene… E ho anche allattato solo poche settimane xke non avevo latte.. Cosa dovevo farla morire di fame??!!! Bastaaa con tutte ste storie

    • Melania Guidotti 8 gennaio, 2017 at 19:25 Rispondi

      Stessa storia per me, purtroppo dopo un lungo travaglio , il mio piccolo è uscito dal canale , quindi cesareo d’urgenza.. latte?? Manco con il tiralatte… quindi artificiale, io mi sento una mamma come le altre.. anzi quando chiedono come mai non ho allattato, rispondo semplicemente “c’è chi può è io no” 😀😀

    • Sonia Proni 9 gennaio, 2017 at 11:20 Rispondi

      A me è dispiaciuto nn poterla allattare,ma l importante è cge cresce,ho fatto un cesareo e,rispetto al primo nato con parto naturale,l ho vissuta di più…siamo madri e abbiamo concluso con la nascita ,un progetto di Dio…il miglior progetto del mondo..

  5. Na Nadia 8 gennaio, 2017 at 19:49 Rispondi

    Invece a me è stato detto che partorire naturale è da poveracci, mentre il cesareo è chic che solo chi ha i soldi può programmare. Io ero la poveraccia e mamma di serie z!

  6. Daniela Vitobello 8 gennaio, 2017 at 21:37 Rispondi

    Ma solo io ho fatto un cesareo senza pormi troppi problemi? Per necessitá ho subito un cesareo d’urgenza…Bon c’est la vie, non mi ha mai sfiorato neanche il dubbio che questo potesse essere un problema. Aspetto il secondo figlio e, probabilmente, anche lui nascerá con taglio cesareo…. Non vedo l’ora di poterlo abbracciare, il resto non m’importa e, onestamente, non sembra importare neanche ad amici e parenti. Boh, saremo strani noi…

  7. Rosalia Pasquale D'Auria 8 gennaio, 2017 at 22:00 Rispondi

    Io ho partorito mio figlio con il cesareo mi hanno tagliato, melo hanno fatto vedere…ma non ricordo assolutamente nulla perché ero affetta da un problema gravissimo a livello cerebrale…..mia madre lo ha cresciuto fino al decimo mese..non ricordo nulla del primo anno di vita di mio figlio. mi dovrei sentire mamma serie F?

  8. Domy Jhonny 9 gennaio, 2017 at 00:04 Rispondi

    Parto naturale parto cesario tanto si soffre lo stesso.
    Xo nn tutte sono uguali.
    Io ho fatto il cesario appena e finito l’effetto dell’epidurale tremavo mi contorcevo dal dolore un antidolorifico e sono stata bene ma il giorno dopo che mi hanno fatta alzare e stato tremendo e stato così x 7 giorni prima di camminare normalmente xo la ferita a fatto male x mesi nn ho tanta sensibilità alla pancia.
    Invece la mia compagna di stanza in 30 minuti a fatto il parto naturale di un bel bambino tra i 4 e i 5 kili e solo 2 punti
    Poi ci sn persone di travagli interminabili che durano tante ore e di ragazze che pensavo o che il cesario fosse una passeggiata e si ritrovano cm settimane se nn mesi di convalescenza.

  9. Patty Patty 9 gennaio, 2017 at 01:12 Rispondi

    io ho scelto cesareo, post operatorio fantastico, amo mio figlio alla follia e se qualcuno mi viene a giudicare mamma di serie B per la mia scelta, non è problema mio… è solo suo e della sua mente ottusa

  10. Elena Montinaro 9 gennaio, 2017 at 05:10 Rispondi

    Ma mica e’ una questione di sentirsi meno mamma o piu’ mamma.E’ solo che con il cesareo non si ha quell’adrenalina..quell’emozione di dire:ce l’ho fatta…l’ho partorito io!!Non c’e’,e’ inutile..
    Invece con il parto naturale c’e’ e come!!!!!!!!!!!!
    Questo e’.
    E’ tutta un’altra cosa..Poi..per carita’..il tc ben venga se serve davvero..!!Io ho avuto un cesareo e poi due parti naturali in casa e in acqua e ne sono fiera!

    • Rita Rega 9 gennaio, 2017 at 08:54 Rispondi

      Quell’adrenalina e quell’emozione si ha uguale…mi meraviglio di te che li hai provati entrambi! Allora significa che con il figlio partorito con il cesareo non ti sei emozionata…sono sconvolta da quello che dici!

    • Elena Montinaro 9 gennaio, 2017 at 09:03 Rispondi

      Io non ho parlato dell’amore che provo per i miei 3 figli.Quello e’ uguale,naturalmente.
      Io ho parlato del tipo di parto.
      Sinceramente sono sconvolta io dalla tua affermazione.Ma sei mamma?Se si,dovresti sapere che i figli si amano tutti allo stesso modo e si prova la stessa emozione nel vederli venire al Mondo.

    • Elena Montinaro 9 gennaio, 2017 at 09:09 Rispondi

      Poi c’e’ il post parto.
      Di solito con il tc non c’e’ il pelle a pelle,il figlio viene portato via per lavarlo,la mia l’hanno messa in incubatrice per ore e ore pur non essendo necessario.
      Con gli altri due c’e’ stato il pelle a pelle subito e siamo rimasti cosi’ per ore per esempio.
      Non c’e’ proprio paragone PER IL TIPO DI PARTO e post parto,non per l’emozione e dell’amore che provo per loro,cara.

    • Rita Rega 9 gennaio, 2017 at 12:23 Rispondi

      Tesoro intanto io il pelle a pelle l’ho vissuto…ti dirò il secondo è nato strillando e appena me.lo.hanno avvicinato mi succhiava la guancia e si è calmato appena lo hanno staccato a ricominciato a piangere e le infermiere allora lo.hanno lasciato altri 10 minuti…dovresti informarti in merito!

    • Elena Montinaro 9 gennaio, 2017 at 13:48 Rispondi

      Meglio per te!
      Comunque molto meglio il parto naturale per tanti motivi,sia per madre che per bimbo.
      Informati meglio tu,cara.
      Ti assicuro che io mi sono informata molto bene,altrimenti non ce l’avrei mai fatta ad avere i miei due bellissimi parti dopo un cesareo.
      Il taglio cesareo e’ un intervento chirurgico a tutti gli effetti e va fatto SOLO in casi strettamente necessari,non all’ordine del giorno,come fanno i medici.
      Poi..fate come volete….contente voi! ;) ;) ;)

    • Vale Ardenghi 9 gennaio, 2017 at 20:12 Rispondi

      Si io ho scelto il cesareo x il secondo parto. E quindi?? Con la prima ho fatto 20 ore di travaglio x poi essere portata di corsa in sala operatoria xchè eravamo a rischio sia io che la mia bimba. Quando hai paura che tua figlia muoia o possa avere gravi conseguenze o possa vivere senza mamma, il cesareo lo scegli, eccome!!

    • Elena Montinaro 9 gennaio, 2017 at 20:32 Rispondi

      Il cesareo non e’ assolutamente meno pericoloso di un parto naturale.Anzi.
      Ma perche’ vi scaldate? 😂
      Ognuno puo’ fare come meglio crede.Io invece ho fatto di tutto per evitare di essere tagliata la seconda e la terza volta..e ce l’ho fatta!!……Punti di vista!!!!

  11. Ely Ely 9 gennaio, 2017 at 06:59 Rispondi

    E invece purtroppo ancora oggi ci sono donne che hanno la tendenza a sentirsi superiori perché hanno partorito naturalmente e cosa ancora più grave è che pensano che fare il cesareo sia una passeggiata! Io ne ho fatti due di cui uno d’urgenza quindi senza tante carinerie da una ginecologa peggio di Jack lo squartatore!! Ma non fa niente solo mamme che evidentemente sono fallite in altro e allora si appigliano su questo!!!

  12. Enea Slavic 9 gennaio, 2017 at 10:32 Rispondi

    Ma chi le dice queste stronzate??? Ma se è stato 10 mesi dentro di me, ha preso il mio latte e lo amo più della mia vita che c’entra come è uscito??? Io sono non sono una mamma ne di serie A ne B ne Z ma la sua mamma, la mamma di mio figlio, l’unica mamma che ha e che ci sarà per lui per sempre!!!!

  13. Lorena Gagna 9 gennaio, 2017 at 10:57 Rispondi

    Menomale che c’è il cesario ….Io ho partorito naturalmente ma ero più spaventata di un’eventuale cesario. Quindi chi ha partorito con il Cesario dico grazie di esistere mamma coraggiose !❤

  14. Anna Lamparelli 9 gennaio, 2017 at 12:46 Rispondi

    Ma quale mamma di serie B….???ma siamo nel 2017 ancora queste cose dico io…!!!ma a me fanno ridere quelle che a tutti i costi vogliono soffrire invece…mah…io se avessi potuto evitarmi i dolori del parto lo avrei fatto e non per questo sarei stata una mamma di serie B

Lascia un commento