Reborn dolls, le bambole trattate come veri neonati

reborn dolls bambole neonato

Dopo lo shockante fenomeno delle bambole-bambine del sesso, dal web arriva un'altra moda a dir poco inquietante: le Reborn dolls, letteralmente le "bambole rinate". Sempre più donne acquistano queste bambole e le trattano come se fossero dei neonati in carne ed ossa. Sono addirittura spuntati sui social diversi forum e pagine dove le "mamme" si scambiano consigli su come vestire le loro bambole.

Reborn dolls, un fenomeno inquietante

Molte "mamme" portano le loro bambole al parco, usano la Nutella per simularne i bisogni, cambiano i loro pannolini ed acquistano pappine vere per i bambini. Una ragazza racconta addirittura che fu contattata da una donna per fare da baby sitter ad un bambino, ma fuggì a gambe levate quando capì che si trattava di una bambola.

La solita americanata sbarcata in Italia

Questo allucinante fenomeno è nato negli Stati Uniti, ma ha subito trovato una larga diffusione anche in Italia. Le Reborn dolls inizialmente venivano create per i collezionisti, ma poi qualcuno ha pensato bene di utilizzarle come bambini in carne ed ossa. Ne esistono diversi modelli, i cui prezzi oscillano tra i 500 ed i 20.000 euro. A quanto pare, non c'è proprio limite alla follia umana...

73 comments

  1. Sara Chiolo 11 agosto, 2017 at 20:14 Rispondi

    Non ne capisco il senso…poi la realtá comunque sará ben diversa…a meno che non piangano anche queste bambole con le coliche tutta la notte…facciano fatica ad attarsi al seno…ti vengono le ragadi…o la mastite…

  2. Debora Palazzo 11 agosto, 2017 at 20:20 Rispondi

    La cosa grave è che ci sono persone che portano queste bambole dal pediatra o che addirittura comprano gel color cacca è lo mettono nei pannolini o peggio ancora comprano una cameretta alla bambola e fanno colloqui con babysitter….tratto da storie vere…vere malate che con queste bambole non fanno altro che peggiorare la loro condizione

  3. Michela Ticozzi 12 agosto, 2017 at 00:20 Rispondi

    Su YouTube ci sono i video di queste “mamme” che danno consigli vari, dal tipo di latte che sembra essere migliore, al trio, al seggiolone, alla nanna….se fosse lo sfogo di una donna che non può avere figli mi potrebbe stare anche bene ma se fosse l’ennesima perversione dell’essere umano incontentabile, bhe, mi farebbe parecchio schifo!!!

  4. Marianna Saturno 12 agosto, 2017 at 02:29 Rispondi

    Scoprii queste bambole su eBay una decina di anni fa per puro caso. Non ricordo cosa stessi cercando ma nell’insieme della ricerca mi uscì una di queste Reborn. Rimasi turbata per giorni perché sono talmente fatte bene che sembrano bambini veri, ma defunti. Quelle che dormono poi sono destabilizzanti! Sono Delle vere opere d’arte, ma mi hanno sempre inquietato.

  5. Tere Sa 12 agosto, 2017 at 12:22 Rispondi

    Certo sicuramente è molto triste nn poter avere figli ma prendersi una bambola anche no!!!! Io ho
    Avuto prima dei miei figli una cagnolini che per me è stata come una figlia per 10 anni la portavo con me sempre loro possono dare veramente tanto amore e sono veri !!!!

  6. Alessia Mummy Usardi 12 agosto, 2017 at 13:28 Rispondi

    Secondo me sono persone che hanno avuto problematiche con la maternità , ma a mio avviso dovrebbero essere aiutate . Non posso immaginare che comprino carrozzine e vadano dal pediatra con la bambola . Vorrei vedere la reazione allibita del medico quando si vede entrare una ” mamma “con la bambola

  7. Teresa Capano 12 agosto, 2017 at 23:08 Rispondi

    A me piacciono, (non l ho mai presa perché spendere tanto per una bambola per me non è concepibile) come bambole ,certo non per sostituire un figlio.certo chi le compra e le tratta come figli ,si prende solo il divertimento e non tutte le problematiche che un figlio può dare,però non me la sento di giudicare.

  8. Bagagli Laura 12 agosto, 2017 at 23:13 Rispondi

    Ragazze io nn so il mio cervello che farebbe se perdessi per un qualche motivo mio figlia !!!
    Credo che quello di comprare una bambola sarebbe il minimo … perderei il cervello !! Nn ci voglio pensare sto male

Lascia un commento