Come addolcire il risveglio dei bambini?

risveglio dei bambini

Alla fine delle vacanze estive tornerà settembre, e con lui la tanto odiata sveglia mattutina: un indizio inequivocabile che segnala che è tempo di tornare a scuola o all’asilo, mentre per i grandi scatta l’obbligo del lavoro.

E se noi adulti siamo ormai abituati – forse meglio dire rassegnati? – all’inesorabile alzataccia, per i piccoli tornare alla routine quotidiana potrebbe essere fonte di stress.

Una buona abitudine, allora, è quella di addolcire il risveglio dei bambini, con piccoli stratagemmi delicati e semplici: l’obiettivo è quello di creare una dolce routine che li faccia svegliare con serenità e che li renda subito collaborativi e non agitati.

Ecco qualche trucco per addolcire il risveglio dei bambini.

Risveglio dei bambini: come renderlo meno traumatico

1. Addolcire il risveglio dei bambini, senza la fretta dei genitori

Tradotto: se mamma e papà la mattina hanno i minuti contati, forse è meglio che si alzino un po’ prima dei piccoli, per fare colazione e portarsi avanti con le incombenze della mattina. In questo modo non avranno troppa fretta quando sarà il momento di svegliare i bambini. Un altro consiglio è quello di preparare alla sera zaini e abiti: in questo modo eviterete l’ansia da ritardo e le corse alla ricerca del calzino perduto.

2. Addolcire il risveglio dei bambini con le coccole

Il modo migliore per svegliare dolcemente i piccoli è quello di dedicare loro qualche minuto per le coccole: sedetevi al bordo del loro lettino e coccolateli per circa 5 minuti, aumentando l’intensità via via che l’ora della sveglia si avvicina. I bambini inizieranno la giornata in modo rilassato e senza ansia.

3. Addolcire il risveglio dei bambini con una lettura

Per creare continuità e routine, è possibile iniziare la mattina con l’attività rimasta in sospeso la sera prima. Se avete messo a letto il piccolo con una favola, un modo per rendere il risveglio soft potrebbe essere quello di leggere insieme ancora qualche pagina del libro serale. Giusto il tempo di stropicciarsi gli occhi e di riconnettersi con il mondo!

5 comments

  1. Angelo Russo 3 agosto, 2017 at 09:58 Rispondi

    Mio padre alzava il volume del televisore, e sparava la sigla del TG5 come se non ci fosse un domani. Ancora oggi, se mai dovessi beccare Mentana per strada, lo tiro sotto con la macchina.

Lascia un commento