Un Bambino è Come Un Re: educare i figli a riconoscere gli abusi

La sessualità è un argomento che tendiamo a non associare ai nostri figli, e molte volte lo scansiamo imbarazzati, lasciandoli nell'ignoranza e facili prede di individui spregevoli. Nel suo libro "Un bambino è Come Un Re", Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta dell'età evolutiva, spiega ai genitori come insegnare ai figli a difendersi da attenzioni indesiderate ed abusi di pedofili.

"Un bambino è come un re": educare i figli alla conoscenza 

Il libro affronta il problema dell'abuso spiegando ai genitori come comportarsi di fronte alle domande e agli atteggiamenti dei figli, cosa insegnare loro e quali comportamenti sono spie di un problema anche grave.

Per ogni fascia di età ci sono consigli e filastrocche per aiutare mamme e papà a spiegare ai bambini come difendersi.

I consigli

Quando nostro figlio ci fa domande sulla sessualità, tendiamo a cambiare argomento, imbarazzati, quando invece dovremmo trovare parole semplici per spiegargli che ci sono dei comportamenti e delle attenzioni che non dovrebbero permettere. I pedofili, molto spesso, sono agnelli travestiti da lupi, che fanno regali ai bambini in cambio di "favori".

A volte sono persone vicino alla famiglia, e possono usare la minaccia e il ricatto per evitare di essere scoperti, facendo leva sulla paura e sul senso di colpa del bambino.

Cosa insegnare?

  • Non permettere a nessuno, neanche se è un amico o un parente, di mettere in atto determinati comportamenti (tocco buono e tocco cattivo);
  • Rifiutare le attenzioni che li mettono a disagio;
  • Certe parti del corpo non devono essere toccate da estranei, ma solo da mamma e papà, o dai nonni, o dal medico quando ci lavano o stanno facendo una visita;
  • Sapere come usare i telefoni pubblici e conoscere il proprio nome, numero di telefono e indirizzo in caso si fosse perso;
  • Non aprire la porta a nessuno quando si è soli in casa;
  • Diffidare degli sconosciuti e riconoscere i comportamenti sospetti;
  • Sapere quando scappare per chiedere aiuto.

Lascia un commento