Studi sull'autismo infantile: successo su diverse fasce d'età

autismo

Diagnosi e terapia dell'autismo saranno al centro del convegno "Il processo diagnostico nell'infanzia. Cosa e come valutare clinicamente sintomi e comportamenti del bambino", in programma a Roma dal 16 al 18 ottobre e trasmesso in streaming gratuito sul sito dell'istituto di ortofonologia Ido.

Una delle ultime ricerche ad opera degli studiosi dell'istituto Ido, coordinati da Magda Di Renzo, ha riguardato proprio l'autismo e ha messo in evidenza la possibilità che le terapie di cura di questa sindrome sortiscano risultati importanti e duraturi nel tempo anche in bambini che iniziano la terapia in un'età non troppo precoce.

Il test

Lo studio è stato effettuato su 90 bambini autistici, suddivisi in due gruppi in base all'età di inizio della terapia: nel primo gruppo c'erano bambini che hanno cominciato le cure prima dei 5 anni, nel secondo gruppo pazienti che sono entrati in terapia dopo quest'età.

Monitorati con test ripetuti a distanza di tempo, entrambi i gruppi hanno mostrato di reagire positivamente alla terapia, diverso è stato solo il ritmo del miglioramento. Infatti, mentre nel primo gruppo i miglioramenti sono stati costanti nel tempo, nel secondo gruppo l'indice dei progressi si è impennato dopo due anni di terapia (prima di allora, invece, era rimasto sostanzialmente piatto).

Il video della settimana

Insomma, nella cura dell'autismo l'età del bambino non è un fattore determinante per il successo della terapia. Interessante, poi, osservare che lo studio mette in evidenza come i miglioramenti riscontrati siano miglioramenti non a breve termine, ma duraturi nel tempo, non solo con un mantenimento, ma anche con l'incremento continuo dei risultati raggiunti.

Le terapie

Ma che tipo di intervento hanno messo a punto i ricercatori nel trattare i bambini autistici? Come spiega la dottoressa Di Renzo, l'azione è stata rivolta a stimolare la relazionalità del bambino e a permettergli di ritrovare una forma di comunicazione con gli altri e con la realtà esterna. Un approccio globale alla personalità del minore, partendo dalla consapevolezza che nell'autismo il blocco fondamentale riguarda la sfera affettiva.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.