Bambini e immaginazione: ecco perché preferiscono uno scatolone ai giocattoli

Chi lo ha detto che i bambini non hanno immaginazione e preferiscono i giocattoli ad uno scatolone? Diversi studi affermano esattamente il contrario.

Bambini: meglio uno scatolone di un giocattolo

Quante volte, da bambini, vi è capitato di prendere uno scatolone messo in disparte dalla mamma e di farlo diventare oggetto delle vostre attenzioni? Per qualcuno quello scatolone è diventato una vera e propria seconda casa. Altri lo hanno reso lo scheletro dell'aeroplano su cui hanno solcato i cieli del proprio corridoio di casa. Altri ancora lo hanno personalizzato disegnandovi sopra un viso, delle sembianze umane o robotiche facendone il proprio miglior amico immaginario, un rifugio sicuro cui rivolgersi durante i propri momenti di gioco. Bene, vi sconvolgerà sapere che il progresso, la tecnologia, l'evoluzione della specie, non hanno modificato i gusti dei vostri bambini: ebbene sì, anche i piccoli contemporanei ad un giocattolo qualunque, preconfezionato e senz'anima, preferiscono un vecchio scatolone.

Perché i bambini preferiscono uno scatolone ai classici giocattoli

Ma a cosa si deve questa "strana" preferenza da parte dei bambini? Una ricerca condotta dall'Università dell’Alabama ha messo sotto esame le interazioni dei bimbi di età compresa fra i 3 e i 5 anni con vari tipi di oggetti.

Ne è emerso che i piccoli intorno ai 5 anni preferiscono di gran lunga oggetti di forma generica che possono sostituire con l'immaginazione a cose della realtà.

Il video della settimana

Come lo scatolone di cartone può diventare una casetta improvvisata, ad esempio un bastone di legno può essere adoperato dai maschietti come spada. Questo meccanismo è valido per tutti quegli oggetti di forma generica che si prestano ad essere ripensati e rivisitati dalla fervida immaginazione dei più piccoli. Un concetto ribadito dallo studio americano, ma che anche i pedagogisti del passato avevano ben presente: basti pensare alla grande Maria Montessori, che non a caso criticava gli ambienti strapieni di giocattoli, rappresentanti a suo dire un ostacolo alla possibilità dei bambini di scatenare l'immaginazione.