Bambino e igiene: come insegnargli a lavarsi da solo

Il cammino verso l'autonomia di un bambino è un piacevole percorso che unisce mamma e piccolo: un passo dopo l'altro, il bambino impara a camminare, bere, mangiare e vestirsi da solo, col tempo imparerà anche ad allacciarsi le scarpe e ad andare a scuola senza aver bisogno dei genitori.

Una delle tappe più importanti della crescita è imparare a lavarsi da solo: non si tratta di un momento particolarmente difficile, ma come tutte le conquiste richiede un po' di impegno sia da parte nostra che del piccolo.

L'età giusta per incominciare è attorno ai quattro o cinque anni e il momento ideale è durante il bagnetto. La pulizia del corpo non richiede grandi sforzi: basta insaponare bene la spugna e far vedere al bambino come passarsela sul corpo, grattando nei punti più sporchi. Durante il bagno, possiamo anche incominciare a insegnargli a lavarsi le parti intime per poi perfezionare le manovre quando sarà pronto per il bidet.

Per una corretta igiene intima, ricordiamoci di utilizzare un detergente neutro e ipoallergenico, sia per maschietti che per femminucce, sottolineando in entrambi i casi l'importanza del movimento dal davanti al dietro, per ridurre il rischio di infezioni.

Il lavaggio dei capelli, invece, rimandiamolo di qualche tempo: schiuma e shampoo sono un po' impegnativi in quest'età, meglio approcciarci quando il bambino sarà più grandicello.

In generale, impariamo a dare la giusta importanza alla pulizia quotidiana, ritagliando un idoneo arco di tempo della giornata, magari prima di cena, in cui non siamo strette nei tempi (come di prima mattina) o eccessivamente stanche, di modo da essere più pazienti e propense alla supervisione e all'insegnamento della gestualità.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.