Bimbi al sole: abbronzati e protetti

bimbi-al-sole

L’estate è ormai alle porte e, finalmente, si avvicina il tempo dell’agognata vacanza al mare. La prospettiva di una bella tintarella e di un tuffo nelle acque limpide è quanto di più rilassante riusciate ad immaginare. Eppure c’è un piccolo neo: come fare a proteggere nel migliore dei modi i vostri bimbi al sole? Proponiamo di seguito alcuni importanti suggerimenti per prevenire eritemi e scottature.

I vostri piccoli, lo sapete bene, amano il mare e non smetterebbero mai di  divertirsi in spiaggia con i loro amichetti, realizzando castelli di sabbia e sculture fantasiose, raccogliendo  conchiglie e pietre, giocando con la palla (laddove è consentito) o rincorrendosi sul bagnasciuga. Un vero e proprio momento di relax e divertimento perfetto, dunque, che, tuttavia richiede che siano adottate specifiche strategie per evitare che il sole danneggi la pelle del bambino, determinando la comparsa di ustioni ed eritemi più o meno gravi.

In primo luogo raccomandiamo di evitare l’esposizione ai raggi ultravioletti nelle ore più calde della giornata, ovvero dalle undici del mattino alle 16. Inoltre è sempre bene applicare su tutto il corpo una protezione piuttosto alta (ad esempio 30) e coprire il capo del piccolo con un cappello ampio e leggero; il bambino, inoltre, va idratato spesso con acqua e succhi di frutta e di tanto in tanto, è bene portarlo in un luogo ombreggiato. Non dimenticate, infatti, che l’ombrellone non rappresenta un fattore di protezione, in quanto attraverso di esso riescono comunque a penetrare i raggi ultravioletti.

Ad ogni modo è bene precisare che il sole non va considerato come un pericoloso nemico, ma, semplicemente, è necessario prendere nei suoi confronti le dovute precauzioni, in modo tale da garantire a se stessi e ai propri figli una esposizione sicura.

L’Istituto superiore della Sanità, d’altra parte, raccomanda, di non esporre al sole i bambini prima del compimento dei sei mesi.

Cattive abitudini e melanoma

E’ stato dimostrato che il melanoma, ovvero il tumore cutaneo, è più frequente in quei soggetti che, durante l’infanzia, sono stati iper-protetti dal sole, mentre colpisce di meno coloro che sono stati esposti al sole con le corrette precauzioni.

Insomma bimbi al sole sì, ma con giudizio!

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.