Neonato muore durante il parto, il ginecologo si difende

ventosa-morte-neonato

La procura di Bologna ha chiuso, circa 15 giorni fa, un’indagine per omicidio colposo ai danni di un neonato, deceduto presso la struttura ospedaliera S. Orsola di Bologna. Per questa vicenda, che risale all'ottobre del 2014, sono stati indagati un ginecologo del Policlinico e un’ostetrica.

Il ricorso alla ventosa

L’aspetto controverso dell’episodio riguarda l’utilizzo ripetuto, da parte del ginecologo, di una ventosa, strumento che si utilizza per estrarre la testa di un bambino quando quest’ultima non riesce a uscire naturalmente. Il piccolo, dopo il parto, è stato immediatamente trasportato nel reparto di Terapia Intensiva, ma per lui non c’è stato nulla da fare.

Le parole del ginecologo

Il medico indagato, il dottor Tullio Ghi, pur ribadendo che a suo dire i processi si celebrano nelle aule del Tribunale e non sui giornali, sentendosi messo sotto attacco dai media, ha deciso di dire la sua in merito alla vicenda che lo ha visto coinvolto: “lontano dalla immagine di spregiudicatezza e personalismo che mi è stata attribuita, credo fermamente nei valori di solidarietà e di attenzione agli altri ai quali sono stato educato, e che ispirano quotidianamente il mio operato professionale.”

Please follow and like us:
error

47 comments

    • Valeria Renda 13 Luglio, 2016 at 11:36 Rispondi

      Nn sentivo le spinte e lei era incanalata 25 punti e gomiti sulla pancia per tirarla fuori…. ha 17 mesi…. anche io so che e pericoloso anchr xke puo portare danni celebrali x fortuna la mia bimba e sanissima…

    • Valeria Renda 13 Luglio, 2016 at 11:48 Rispondi

      Si si anche io mi sono ripresa sono stati bravissimi…. e mia figlia e sanissima senza nessun problema le manovre estreme servono anche x salvare la vita ai nodtri bimbi…. stava diminuendo il battito e dovevano tirarla fuori nel minor tempo possibile

    • Barbara Favero 13 Luglio, 2016 at 13:18 Rispondi

      Anche io epidurale, e poi applicazione della ventosa e in più anno eseguito manovra di Rubin per il disimpegno delle spalle, e così 9 mesi fa e nata la mia principessa Cloe, e sta bene…

    • Sarah Favero 13 Luglio, 2016 at 13:49 Rispondi

      Io non vi sto a raccontare il mio parto, e nata con la ventosa la mia bimba che ora e sana e sta bene ed a quasi 6 anni, ma è stato un parto bruttissimo vi dico solo che quando e nata non respirava ed e stata rianimata. Problemi prima durante e dopo il parto sia per la mia bimba che per me.

    • Valeria Renda 13 Luglio, 2016 at 16:50 Rispondi

      Yenia Ylenia Secci e propio come dice Floriana Zenobio ritieniti fortunata xke sono tantissime le donne che dicono che l epidurale nn ha funzionato e che nn ti fa sentire le spinte altre che grazie all epidurale hanno avuto un parto bellissimo… io sono una di quelle che l pidurale nn ha preso…. e una cs soggettiva…. a te ha dato sollievo a molte no…

  1. Sara Peluso 13 Luglio, 2016 at 16:49 Rispondi

    Io do torto anche alla madre…che di doveva rifiutare . Io con la prima gravidanza volevano usare ventosa io mi rifiutai. Il dottore non ha sempre ragione a prescindere…bisogna valutare caso per caso

  2. giust iv 14 Luglio, 2016 at 16:22 Rispondi

    La campagna della riduzione dei cesarei ha comportato l’aumento di parti operativi con ventose, messe non in ortoprassi e non rispettando le linee guida, destruenti per bimbo e il pavimento pelvico delle donne. I danni alle donne con relative incontinenze e depressioni per non poter condurre più una vita normale non vengono considerate e si interviene solo quando i danni sono del feto e vi sono dei morti. Viva la salute del binomio madre feto. Per capire basta guardare i CEDAP dell’emilia e non solo…. (parziali xchè non riportano i danni alle donne) e vedere l’aumento dei parti operativi che è pari alla diminuzione dei cesarei. E vi è ben altro che OVO Italia basta tacere finalmente sta facendo emergere …. in parte. Queste decisioni vorrei vederle se un Ginecologo le prende sulla propria figlia sapendo che si può fare un cesareo, in 30 minuti dalla decisione di eseguirlo, (che ha le stesse indicazioni della ventosa) e meno rischi di lasciare la figlia incontinente e di non fare danni al bambino. Tutto per risparmiarsi un cesareo e rendersi visibili. I Ginecologi dovrebbero spiegare alle partorienti i danni che questo strumento causa alle donne (che se si è fortunati compariranno in menopausa) L’uso di questo struemento non è un progresso ostetrico…anzi c’è chi già nelle audizioni del 2010 “sanità” riteneva l’uso di ventose un regresso ostetrico. Se la ventosa è messa bene da + 2 a + 5 non fa danni, ma se la mette sopra i + 2 ossia da + 1 a 0 o oltre per i più svariati motivi (risparmio, etc..) i danni aumentano in modo esponenziale e sono permanenti …. consiglio un eco transrettale per vedere se si hanno danni al pavimento pelvico… .. anche misconosciuti compensati per il momento dalla giovane età…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.