Congedo di maternità: si potrà lavorare fino a nove mesi

congedo-di-maternita-si-potra-lavorare-fino-a-nove-mesi

Secondo quanto riportato dall'emendamento approvato dalla Manovra della Lega, le future mamme potranno restare a lavorare fino al nono mese di gravidanza e potranno quindi usare i cinque mesi di congedo per il periodo successivo al parto. Ovviamente ciò dovrà essere approvato dal medico.

Emendamento della Manovra: si potrà lavorare fino a nove mesi di gravidanza

Importanti novità che riguardano il congedo di maternità si profilano all'orizzonte grazie a ciò che ha stabilito la Manovra.

L'emendamento infatti ha decretato che le donne incinte potranno restare a lavorare fino al nono mese di gravidanza a patto però che il medico dia la propria approvazione. In tale modo i cinque mesi di congedo che spettano alle future mamme potranno essere adoperati successivamente.

Secondo l'emendamento quindi le donne lavoratrici possono astenersi dal lavoro dopo aver partorito e entro i cinque mesi da questo evento. Naturalmente il medico specialista del servizio sanitario nazionale e il medico che si occupa di tutelare la salute dei lavoratori dovrà verificare che questa condizione non provochi alcun rischio né alla mamma né al bambino.

Cambio nel congedo di maternità: la replica della Cgil

In seguito a tale emendamento stabilito dalla Manovra della Lega riguardante le politiche della famiglia e approvato dalla commissione Bilancio della Camera, la risposta della Cgil non si è fatta attendere.

Quest'ultima infatti ha sostenuto che il diritto delle donne lavoratrici e la loro libertà non viene garantita in questo modo. Le donne che si trovano in una condizione più precaria infatti potrebbero subire minacce da parte del proprio datore di lavoro.

Non è facendo scomparire l'obbligo di astenersi dal lavoro dunque che le donne vengono tutelate. Oltre a ciò bisogna ricordare che in tale modo si potrebbe mettere a rischio anche la salute della gestante e del futuro nascituro. Per tali motivo la Cgil ha chiesto che tale emendamento venga immediatamente modificato, così come dichiara Loredana Taddei, responsabile Politiche di genere della Cgil nazionale.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.