Emilia Kamvisi allatta i profughi bebé di Lesbo, candidata al Nobel

Emilia-Kamvisi

L’ottantatreenne Emilia Kamvisi, che vive sull'isola greca di Lesbo, è stata candidata al Premio Nobel per la Pace. Questa generosa nonna, infatti, anche quando i Paesi europei hanno deciso di chiudere le proprie frontiere, ha continuato a offrire ai migranti bisognosi d’aiuto, ospitalità, cibo e coperte.  

"I migranti mi mancano"

Una foto che ritrae Emilia mentre nutre con un biberon un piccolo profugo siriano, insieme alle amiche Maritsa e Stratia, è divenuta il simbolo della capacità di accoglienza dell’isola e, con buone probabilità, anche uno dei principali motivi per cui è questa anziana signora è una dei papabili per il Nobel per la Pace.  

Solidarietà ai migranti: una questione di empatia

Del resto per Emilia non è stato difficile comprendere la sofferenza dei profughi, in quanto anche i suoi genitori negli anni venti si rifugiarono a Lesbo, dopo essere fuggiti dalla Turchia.

Aprire la propria casa ai migranti, dunque, è stato un gesto del tutto naturale, nel pieno rispetto del passato prossimo della propria famiglia. 

Il video della settimana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.