Emilia Romagna, due tragedie familiari in poche ore: le vittime sono i piccoli Nicholas e Guglielmo

Nelle ultime ore, sono avvenute due tragedie in Emilia Romagna che hanno avuto come vittime i più piccoli: in provincia di Piacenza un bimbo di 5 anni è rimasto schiacciato da un trattore mentre nel carpigiano un altro di 4 anni è morto per soffocamento dopo aver ingerito un giocattolo.

Incidente col trattore a Pontenure

Il primo dei due incidenti che, nella giornata di ieri, hanno visto come vittime dei bambini piccoli è avvenuto a Pontenure, in provincia di Piacenza, dove un bimbo è stato travolto e schiacciato dal ribaltamento del trattore alla cui guida c'era il papà: per Guglielmo, 5 anni, non c'è stato nulla da fare dato che non si è riuscito a liberarlo dal peso del parafango del mezzo se non prima dell'arrivo dei Vigili del Fuoco.

Al momento la comunità del centro emiliano è sconvolta e si è stretta attorno alla famiglia, mentre i Carabinieri stanno ricostruendo quale sia stata la dinamica dei fatti: pare che Guglielmo abbia insistito affinché il padre lo portasse con se ma, nei pressi di un canale, il mezzo si è improvvisamente sbilanciato, ribaltandosi.

Il papà è riuscito subito a divincolarsi ma non ha potuto fare nulla per il suo bambino. Tra l'altro, si tratta della seconda tragedia a Pontenure nell'ultimo anno, dato che l'estate scorsa un bimbo era annegato nella piscina comunale.

Il soffocamento a causa di un giocattolo di plastica

A Modena, invece, la Procura ha aperto un fascicolo per verificare eventuali responsabilità dopo la morte di un bambino di 4 anni, rimasto soffocato a causa dell'ingerimento di un pupazzo di plastica.

Il piccolo era stato portato d'urgenza al Policlinico di Carpi dalla stessa mamma ma, stando a quanto si apprende, le sue condizioni erano già gravi. Come è facile immaginare, visto il dramma che stanno vivendo la famiglia e la mamma (che non si dà pace per "non essere riuscita a salvare il mio bambino"), sulla vicenda la Procura mantiene uno stretto riserbo.

Pare che Nicholas si trovasse in un parco tra Limidi e Carpi assieme alla madre che si è accorta di come il bimbo si sia messo in bocca un giocattolo di plastica (un pupazzo di 10 centimetri): dopo averglielo estratto, lo ha portato di corsa al Policlinico dove purtroppo i medici non hanno potuto fare nulla.

18 comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.